Home » Eventi »Rassegna Stampa » Rinnovabili e paesaggio: il nuovo Quaderno di Italia Nostra:

Rinnovabili e paesaggio: il nuovo Quaderno di Italia Nostra

luglio 4, 2011 Eventi, Rassegna Stampa

Dopo lo stop definitivo al nucleare decretato dal referendum, siamo alla resa dei conti. Rinnovabili: sì o no? Il momento per l’Italia è delicato e sarebbe meglio evitare di “scherzare” su ulteriori tagli del 30%: serve una nuova politica energetica. Italia Nostra, che da più di mezzo secolo si batte per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale, indica una strada, per mezzo di un Quaderno a più voci che tratta diversi argomenti: ripensare l’energia,  risparmiare, dire no al nucleare, governare le rinnovabili.

«Uno dei problemi più delicati e più difficili che tutti i Paesi, ma in particolare il nostro, hanno oggi di fronte è quello di scegliere fra lo sviluppo dell’energia nucleare e lo sviluppo dell’energia solare e delle altre energie rinnovabili. La decisione che verrà presa a questo riguardo condizionerà non solo la nostra vita, ma ancor più quella dei nostri figli e dei nostri nipoti. Ecco perché nel fare questa scelta è indispensabile che i politici guardino lontano, ascoltando il parere degli scienziati», scrive nel volume Vincenzo Balzani, chimico e membro dell’Accademia dei Lincei, autore, insieme a Nicola Armaroli, del libro “Energia per l’astronave Terra”.

Per Italia Nostra, nello scegliere la rotta dei prossimi anni, non ci si deve mai dimenticare dei beni naturali: «Il campo dell’energia è strettamente connesso con la tutela del paesaggio. Le rinnovabili sono quindi una scelta etica se non devastano il territorio»,  spiega la presidente Alessandra Mottola Molfino. Il modello che propone l’associazione è «quello di un sistema di produzione energetica diffuso e decentrato, contro le grandi centrali che generano sempre oligopoli».

I punti all’ordine del giorno sono diversi. A spiegarli ci pensa Luca Carra, membro del Consiglio nazionale di Italia Nostra e curatore del volume: «Prima di tutto, pensiamo che serva un Piano energetico a livello nazionale, la cui mancanza sta generando oggi speculazione, confusione e improvvisazione». Altro aspetto da non trascurare è quello dell’efficienza e del risparmio energetico, puntando sulle buone pratiche di imprese e famiglie: «Deve essere favorita la razionalizzazione industriale mediante un sistema di penalizzazione degli impianti obsoleti e incentivi per le trasformazioni, e limitata la dispersione nell’ambiente del calore di raffreddamento delle centrali termoelettriche». Per quanto riguarda i nuclei familiari, «attraverso pochi comportamenti virtuosi la famiglia tipo italiana potrebbe ridurre i suoi consumi di energia del 30%, con un enorme beneficio anche ambientale».

L’utilizzo delle energie rinnovabili però, sottolinea con forza Italia Nostra (e questo è forse il punto che più interessa all’associazione), «deve sempre avvenire nel rispetto del paesaggio». La proposta è quella di «vietare l’uso di pannelli su qualsiasi superficie pregiata, nei centri storici, sui tetti degli edifici tutelati o in zone a vincolo, mentre si potrebbe approfondire l’utilizzo di pannelli solari fotovoltaici integrati lungo le infrastrutture (autostrade, ferrovie, ecc.), o ancora di imporli sulle coperture delle superfici industriali, come risanamento di teti in eternit, come frangisole nei parcheggi, ecc.».

Critica invece la posizione dell’associazione sull’energia eolica: «Italia Nostra condanna la logica puramente speculativa che sottende in Italia, negli ultimi anni, la corsa alla costruzione di impianti», evidenziando che «l’eolico consuma una grande quantità di territorio» e arrivando a chiedere «con forza una moratoria sulla installazione delle pale eoliche». Per quanto riguarda le centrali a biomasse, poi, l’associazione «ne valuta l’adottabilità con grande cautela», mentre ritiene «importante proseguire la ricerca per l’utilizzo più consono dell’energia geotermica». E proprio la ricerca, sottolinea Carra, la via maestra verso una migliore gestione delle energie verdi: «Prendiamoci tempo puntando intanto sul risparmio energetico per sviluppare al meglio le fonti rinnovabili. È essenziale però che la ricerca su queste energie sia finanziata. Purtroppo per adesso lo Stato investe pochissimo nel settore».

Eppure, sottolineano i diversi relatori, «dobbiamo uscire dall’era del fossile». Un primo passo sarebbe già «rinnovare le 37 centrali termoelettriche risalenti al 1971, facendole diventare ad alto rendimento: mantenendo lo stesso tipo di combustibile, si avrebbe un risparmio di emissione di Co2 di oltre 13 milioni di tonnellate all’anno, pari a circa il 10% delle emissioni italiane per la produzione di energia elettrica». Si potrebbero anche «costruire centrali ibride, che combinino il solare termodinamico con il gas».

Vincenzo Balzani, promotore dell’appello Energia per il Futuro per «una transizione dall’uso dei combustibili fossili a quello di altre fonti energetiche», non ha dubbi: «La crisi energetica mette in discussione il modello di sviluppo basato sul consumo a tutti i costi, che la grande disponibilità di energia a prezzi irrisori ha creato nei decenni passati e di cui ha goduto solo una minoranza della popolazione della Terra. È chiaro che non sarà possibile far vivere “all’americana” tutti gli abitanti della Terra. E in un certo senso dovremmo aggiungere per fortuna perché, se ce ne fosse piena disponibilità, un loro uso massiccio causerebbe alterazioni climatiche e problemi sanitari di portata devastante». La Terra, dice Balzani usando una metafora suggestiva, «è un’astronave». Qui, «dobbiamo convivere tutti insieme e trovare una soluzione alla crisi energetica, perché nessuno, dall’universo, verrà ad aiutarci».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende