Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Rinnovabili protagoniste: verso un Coordinamento unico:

Rinnovabili protagoniste: verso un Coordinamento unico

ottobre 5, 2012 Eventi, Nazionali, Politiche

Non più nicchia: con la prospettiva per le rinnovabili di arrivare a soddisfare il 38% del fabbisogno elettrico nazionale totale al 2020, diventando così la prima fonte di energia elettrica, gli operatori del settore si risvegliano come i futuri leader del mercato energetico italiano. E si interrogano di fronte a una necessità sempre più pressante: diventare un soggetto forte, in grado di interagire con le istituzioni con voce unica. La questione è alquanto problematica per un settore così frastagliato, di cui fanno parte aziende di ogni dimensione, e con diverse associazioni a rappresentarle.

La proposta dell’istituzione di un Coordinamento permanente è stata introdotta ieri a Roma nel corso dell’ultimo della serie di convegni “Stati Generali delle Rinnovabili e dell’Efficienza Energetica”: “Sono ormai sei-otto mesi che le associazioni si riuniscono per cercare una voce unica per acquisire consapevolezza del ruolo, ormai maturo – spiega Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club – Dobbiamo imparare a essere un soggetto forte in grado di interagire con le istituzioni e di contribuire a definire una strategia energetica nel Paese.”

Secondo G.B. Zorzoli, presidente di ISES Italia, è necessario “uscire dalla psicologia dell’assediato e farci carico dei problemi. Al di là della retorica, in questa fase di transizione a un nuovo paradigma del sistema energetico, ci sono alcuni nodi che trascendono gli specifici interessi del mondo delle rinnovabili; che vanno affrontati, con delle risposte.” A proposito del rapporto tra operatori delle rinnovabili e operatori di energia da fonte fossili aggiunge: “Non c’è dubbio che noi non viviamo separati da loro. Quando eravamo una nicchia potevano vivere in una nostra separatezza. Nel momento in cui non siamo più una nicchia questa separatezza diventa un fattore negativo che ci si ritorce contro.”

La proposta di coordinamento includerebbe la creazione di un nuovo soggetto, completamente autonomo dalle associazioni già esistenti, in grado quindi di mediare tra la moltitudine di operatori. “C’è molto lavoro da fare perché l’idea deve calarsi in una formula molto agile e precisa. L’esistenza di un Coordinamento avrebbe due valenze: innanzitutto come garanzia di una continuità di rapporto con la vasta platea associazionistica. Inoltre proposte e discussioni già maturate da coloro che fanno parte del coordinamento dovrebbero permettere di arrivare a una riunione plenaria che sia già decisionale. Per questo mi sembra che l’elemento fondamentale di un coordinamento dovrebbe essere la garanzia di una completa autonomia dalle associazioni già esistenti.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende