Home » Eventi » Salone del Gusto 2016: una sana invasione di chiocciole per la città:

Salone del Gusto 2016: una sana invasione di chiocciole per la città

settembre 22, 2016 Eventi

L’edizione 2016 di Terra Madre Salone del Gusto segna una svolta importante per i due eventi più famosi di Slow Food, nel 30° anno di vita dell’associazione. Intanto diventano una cosa sola, anche nel nome (con focus su Terra Madre, la grande comunità del cibo mondiale). Ma soprattutto escono dalle pareti un po’asfittiche del polo fieristico del Lingotto per diffondersi – con accesso gratuito per tutti – nei luoghi più belli e simbolici della città di Torino: dal Parco del Valentino a Piazza Castello, dai Murazzi del Po al Borgo Medievale.

Una sfida logistica e organizzativa titanica, come ammettono i promotori dell’idea, ma che potrebbe trasformare l’evento biennale in una sorta di “olimpiade” enogastronomica diffusa, che coinvolge tutta la città, valorizzando l’esistente, senza manie di gigantismo e inutili investimenti milionari sulle strutture. In effetti camminando per le vie del centro di Torino alla vigilia dell’apertura si percepisce un’atmosfera che mutatis mutandis ricorda l’eccitazione collettiva del 2006, un momento storico in cui gli abitanti del capoluogo sabaudo presero coscienza (forse per la prima volta) della bellezza della propria città e si sentirono, almeno per quei pochi giorni, una collettività, che fece innamorare gli stranieri.

Con l’apertura di oggi, fino a lunedì 26 settembre, l’evento non si svolgerà infatti solo nei luoghi ufficiali, ma vede una miriade di iniziative private e autogestite praticamente in ogni bar, galateria, vineria, ristorante, galleria d’arte, negozio ecc. Un salone off che, per continuare con i paragoni, ricorda la formula piacevolmente “invasiva” del Salone del Mobile di Milano. E che – annuncia il neo assessore al Commercio, Alberto Sacco, in conferenza stampa – nel 2018 potrebbe allargarsi e coinvolgere anche le periferie.

Le chiocciole di Slow Food da alcuni giorni presidiano già ogni angolo del centro cittadino: una nota di colore che si staglia sulle tonalità tenui dei palazzi storici, creando un contrasto – ma anche una continuità – tra antico e contemporaneo e lanciando un messaggio di rinascita, come spiega a Repubblica uno dei sei artisti del collettivo biellese che le ha realizzate: “Quando passa la chiocciola lascia una scia che viene usata come medicazione, per curare le ferite. E’ un simbolo, se vogliamo, di rigenerazione. Dove passa la chiocciola lascia una scia e quella scia rappresenta per noi un miglioramento. Tutte le nostra installazioni inoltre sono fatte in plastica rigenerata. Una volta che le opere si sono, per così dire, usurate le riutilizziamo per farne delle altre. E così via”.

I temi di riflessione ecologica non mancano in questa edizione, che ha come sottotitolo e filo conduttore “Voler bene alla terra” (e anche alla Terra). Alla biodiversità vengono dedicati il percorso di sensibilizzazione nello stand principale di Slow Food in Piazza Castello e una mostra fotografica nel cortile del Castello del Valentino. Via Po, grazie alla collaborazione tra l’associazione dei commercianti e l’Università di Scienze Gastronomiche, diventa invece teatro delle immagini di Douglas Gayeton, The Lexicon of Sustainability.

Molte anche le conferenze, tra le quali: “La rivoluzione dell’orto“, un inno all’orto urbano come strumento di educazione alla bellezza e lotta contro il degrado delle periferie, con l’americana Alice Waters, vicepresidente di Slow Food International; “L’agroecologia può sfamare il mondo?“,  con Miguel Altieri, Yacouba Sawadogo e Anouradha Mittal, fondatrice dell’Oakland Institute, sulla preferibilità (e fattibilità) di un modello agricolo alternativo a quello industriale; “Il nostro cibo quotidiano: veleno o medicina“, un incontro sul ruolo di carboidrati raffinati, additivi chimici e residui di pesticidi nella nostra alimentazione, curato dal medico Franco Berrino; e, il 26 settembre, alle 14,00, il dibattito conclusivo “Un nuovo mondo è possibile, anzi necessario“, tra Serge Latouche e Stefano Zamagni.

Andrea Gandiglio

Visita la galleria d’immagini completa del preview di Greenews.info del 21 settembre sulla nostra pagina Facebook!

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende