Home » Eventi » Salone del Gusto: continua l’impegno per ridurre l’impatto ambientale:

Salone del Gusto: continua l’impegno per ridurre l’impatto ambientale

ottobre 24, 2014 Eventi

Dal 23 al 27 ottobre Torino ospita la decima edizione del Salone Internazionale del Gusto insieme alla sesta Terra Madre. L’appuntamento, organizzato ogni due anni, da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, è dedicato al progetto dell’Arca del Gusto e all’agricoltura familiare, entrambi temi fortemente legati al concetto di biodiversità e salvaguardia del territorio. Carlo Petrini, presidente di Slow Food, ha insistito ieri, durante la conferenza di inaugurazione, nel ricordare l’urgenza di una legge per difendere il suolo agricolo e fermare la cementificazione, consegnando al Ministro Maurizio Martina una lista di sei idee da portare al Presidente del Consiglio per sostenere l’agricoltura “a costo zero”.

Dal 2006 all’edizione 2014 molto è stato fatto per rendere il Salone del Gusto un evento a ridotto impatto ambientale, valutando utilizzo di energia, rifiuti ed emissioni prodotte. Non semplicemente attraverso azioni di compensazione ma con l’ausilio di misure concrete che non fossero nocive per l’ambiente circostante: grazie alla collaborazione di svariati soggetti (tra cui il dipartimento di Design del Politecnico di Torino, l’Università di Scienze Gastronomiche e oltre quaranta enti ed aziende) nelle quattro edizioni l’impatto ambientale è stato ridotto del 65% rispetto all’edizione di riferimento del 2006.

Ma raggiunto questo notevole risultato, il traguardo diventa ancora più ambizioso: il progetto è di sviluppare, nelle prossime edizioni, indicatori specifici e una metodologia di ricerca per la valutazione dell’impatto della manifestazione a 360 gradi. Systemic Event Design (S.Ee.D) il nome di questo nuovo progetto ideato dagli organizzatori del Salone con il coordinamento scientifico dell’Università di Scienze Gastronomiche e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Parte già da questa edizione, invece, lo sforzo per far sì che i visitatori prendano consapevolezza di poter diventare “co-organizzatori” che, attraverso il loro comportamento, influenzano parte della sostenibilità dell’evento. Questo il motivo della presenza dei volontari di Legambiente che supportano le persone nella differenziazione dei rifiuti nelle 120 Isole di Raccolta dislocate nei padiglioni, o delle facilitazioni per la mobilità attraverso numerose convenzioni con Trenitalia, GTT, il bike-sharing [TO]Bike e il car-sharing BlaBlaCar. Non manca l’attenzione per gli eco-materiali per l’allestimento: anche quest’anno, infatti, le bancarelle sono realizzate con Greenpallet® Palm certificati PEFC e FSC, in legno di abete e pioppo proveniente da foreste italiane gestite secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.

Il Salone del Gusto offre però anche uno spunto per tornare a parlare di Certificazione Biologica. Molti, infatti, tra i produttori presenti quelli virtuosi nelle pratiche a tutela dell’ambiente e della biodiversità e che hanno scelto di certificare come biologici i loro prodotti. È il caso, ad esempio, della recente linea di panettoni a lievito madre della Pasticceria Fraccaro di Castelfranco Veneto, che dal 1932 crea i propri prodotti in modo artigianale. Quest’anno, l’azienda presenta al Salone un panettone speciale impreziosito da ingredienti dei Presìdi Slow Food. Tra questi, la Vaniglia naturale Mananara del Madagascar coltivata e raccolta a mano nella Riserva della Biosfera Mananara Nord (creata da Unesco ed Angap) all’ombra delle piante della foresta pluviale, a pochi metri sul livello del mare, ma priva di bollino biologico. E la vaniglia è uno dei pochi ingredienti che, da disciplinare, invalida la certificazione di un prodotto anche se presente in grammatura inferiore al 5% sul totale.

Anche la Naturale Birra Cimbra è un prodotto privo di Certificazione Biologica, ma è il frutto di un visionario progetto nato nel 2011 da due ragazzi di Asiago con la precisa volontà di valorizzare la tradizione del territorio attraverso un prodotto artigianale, non pastorizzato e microfiltrato, utilizzando solo acqua delle ventiquattro sorgenti alpine del parco naturale di Hans, malto di prima qualità coltivato a chilometro zero e una combinazione di luppoli tedeschi e boemi. La birra è prodotta in collaborazione con uno dei più piccoli ed antichi birrifici d’Europa sito in Carinzia che vanta prime produzioni risalenti al 1270.

Simile il caso di Primitivizia, un’azienda di Spiazzo, in provincia di Trento, che raccoglie esclusivamente quel offre la natura delle montagne circostanti e lavora le materie prime con tecniche manuali e rispettose della tradizione. L’azienda, finora priva di certificazione proprio a causa della natura delle materie prime selvatiche utilizzate nei loro prodotti, sente la necessità di avviare l’iter per l’ottenimento del bollino per esportare con maggior successo oltreoceano.

Spesso la ricerca delle materie prime, le produzioni ridotte o le caratteristiche stesse del prodotto commercializzato rendono insostenibile economicamente (qualcuno dice: superflua) la certificazione. Una soluzione concreta viene da un gruppo di apicoltori facenti parte della Comunità mondiale del cibo ad energia pulita e rinnovabile della Toscana, un progetto virtuoso che insiste sui metodi di produzione anziché sui prodotti, attraverso la proposta di una sorta di autocertificazione del produttore che si rende disponibile a consentire i controlli da parte di un ente terzo indipendente ogni qualvolta questo si renda necessario. Uno dei produttori, Alberto Fatticcioni, racconta come quest’anno, particolarmente critico per l’apicultura, gli oneri economici che sarebbero derivati dall’ottenimento della certificazione biologica avrebbero superato i ricavi ottenuti dalla sua piccola produzione, costringendolo alla vendita del miele ad un prezzo tre volte superiore rispetto a quello che lui considera equo. Che fare? Il dibattito resta aperto su #bioedintorni.

Elisabetta Redavid

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende