Home » Eventi » Salone del Gusto: continua l’impegno per ridurre l’impatto ambientale:

Salone del Gusto: continua l’impegno per ridurre l’impatto ambientale

ottobre 24, 2014 Eventi

Dal 23 al 27 ottobre Torino ospita la decima edizione del Salone Internazionale del Gusto insieme alla sesta Terra Madre. L’appuntamento, organizzato ogni due anni, da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, è dedicato al progetto dell’Arca del Gusto e all’agricoltura familiare, entrambi temi fortemente legati al concetto di biodiversità e salvaguardia del territorio. Carlo Petrini, presidente di Slow Food, ha insistito ieri, durante la conferenza di inaugurazione, nel ricordare l’urgenza di una legge per difendere il suolo agricolo e fermare la cementificazione, consegnando al Ministro Maurizio Martina una lista di sei idee da portare al Presidente del Consiglio per sostenere l’agricoltura “a costo zero”.

Dal 2006 all’edizione 2014 molto è stato fatto per rendere il Salone del Gusto un evento a ridotto impatto ambientale, valutando utilizzo di energia, rifiuti ed emissioni prodotte. Non semplicemente attraverso azioni di compensazione ma con l’ausilio di misure concrete che non fossero nocive per l’ambiente circostante: grazie alla collaborazione di svariati soggetti (tra cui il dipartimento di Design del Politecnico di Torino, l’Università di Scienze Gastronomiche e oltre quaranta enti ed aziende) nelle quattro edizioni l’impatto ambientale è stato ridotto del 65% rispetto all’edizione di riferimento del 2006.

Ma raggiunto questo notevole risultato, il traguardo diventa ancora più ambizioso: il progetto è di sviluppare, nelle prossime edizioni, indicatori specifici e una metodologia di ricerca per la valutazione dell’impatto della manifestazione a 360 gradi. Systemic Event Design (S.Ee.D) il nome di questo nuovo progetto ideato dagli organizzatori del Salone con il coordinamento scientifico dell’Università di Scienze Gastronomiche e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Parte già da questa edizione, invece, lo sforzo per far sì che i visitatori prendano consapevolezza di poter diventare “co-organizzatori” che, attraverso il loro comportamento, influenzano parte della sostenibilità dell’evento. Questo il motivo della presenza dei volontari di Legambiente che supportano le persone nella differenziazione dei rifiuti nelle 120 Isole di Raccolta dislocate nei padiglioni, o delle facilitazioni per la mobilità attraverso numerose convenzioni con Trenitalia, GTT, il bike-sharing [TO]Bike e il car-sharing BlaBlaCar. Non manca l’attenzione per gli eco-materiali per l’allestimento: anche quest’anno, infatti, le bancarelle sono realizzate con Greenpallet® Palm certificati PEFC e FSC, in legno di abete e pioppo proveniente da foreste italiane gestite secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.

Il Salone del Gusto offre però anche uno spunto per tornare a parlare di Certificazione Biologica. Molti, infatti, tra i produttori presenti quelli virtuosi nelle pratiche a tutela dell’ambiente e della biodiversità e che hanno scelto di certificare come biologici i loro prodotti. È il caso, ad esempio, della recente linea di panettoni a lievito madre della Pasticceria Fraccaro di Castelfranco Veneto, che dal 1932 crea i propri prodotti in modo artigianale. Quest’anno, l’azienda presenta al Salone un panettone speciale impreziosito da ingredienti dei Presìdi Slow Food. Tra questi, la Vaniglia naturale Mananara del Madagascar coltivata e raccolta a mano nella Riserva della Biosfera Mananara Nord (creata da Unesco ed Angap) all’ombra delle piante della foresta pluviale, a pochi metri sul livello del mare, ma priva di bollino biologico. E la vaniglia è uno dei pochi ingredienti che, da disciplinare, invalida la certificazione di un prodotto anche se presente in grammatura inferiore al 5% sul totale.

Anche la Naturale Birra Cimbra è un prodotto privo di Certificazione Biologica, ma è il frutto di un visionario progetto nato nel 2011 da due ragazzi di Asiago con la precisa volontà di valorizzare la tradizione del territorio attraverso un prodotto artigianale, non pastorizzato e microfiltrato, utilizzando solo acqua delle ventiquattro sorgenti alpine del parco naturale di Hans, malto di prima qualità coltivato a chilometro zero e una combinazione di luppoli tedeschi e boemi. La birra è prodotta in collaborazione con uno dei più piccoli ed antichi birrifici d’Europa sito in Carinzia che vanta prime produzioni risalenti al 1270.

Simile il caso di Primitivizia, un’azienda di Spiazzo, in provincia di Trento, che raccoglie esclusivamente quel offre la natura delle montagne circostanti e lavora le materie prime con tecniche manuali e rispettose della tradizione. L’azienda, finora priva di certificazione proprio a causa della natura delle materie prime selvatiche utilizzate nei loro prodotti, sente la necessità di avviare l’iter per l’ottenimento del bollino per esportare con maggior successo oltreoceano.

Spesso la ricerca delle materie prime, le produzioni ridotte o le caratteristiche stesse del prodotto commercializzato rendono insostenibile economicamente (qualcuno dice: superflua) la certificazione. Una soluzione concreta viene da un gruppo di apicoltori facenti parte della Comunità mondiale del cibo ad energia pulita e rinnovabile della Toscana, un progetto virtuoso che insiste sui metodi di produzione anziché sui prodotti, attraverso la proposta di una sorta di autocertificazione del produttore che si rende disponibile a consentire i controlli da parte di un ente terzo indipendente ogni qualvolta questo si renda necessario. Uno dei produttori, Alberto Fatticcioni, racconta come quest’anno, particolarmente critico per l’apicultura, gli oneri economici che sarebbero derivati dall’ottenimento della certificazione biologica avrebbero superato i ricavi ottenuti dalla sua piccola produzione, costringendolo alla vendita del miele ad un prezzo tre volte superiore rispetto a quello che lui considera equo. Che fare? Il dibattito resta aperto su #bioedintorni.

Elisabetta Redavid

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende