Home » Eventi » Salone del Gusto: continua l’impegno per ridurre l’impatto ambientale:

Salone del Gusto: continua l’impegno per ridurre l’impatto ambientale

ottobre 24, 2014 Eventi

Dal 23 al 27 ottobre Torino ospita la decima edizione del Salone Internazionale del Gusto insieme alla sesta Terra Madre. L’appuntamento, organizzato ogni due anni, da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, è dedicato al progetto dell’Arca del Gusto e all’agricoltura familiare, entrambi temi fortemente legati al concetto di biodiversità e salvaguardia del territorio. Carlo Petrini, presidente di Slow Food, ha insistito ieri, durante la conferenza di inaugurazione, nel ricordare l’urgenza di una legge per difendere il suolo agricolo e fermare la cementificazione, consegnando al Ministro Maurizio Martina una lista di sei idee da portare al Presidente del Consiglio per sostenere l’agricoltura “a costo zero”.

Dal 2006 all’edizione 2014 molto è stato fatto per rendere il Salone del Gusto un evento a ridotto impatto ambientale, valutando utilizzo di energia, rifiuti ed emissioni prodotte. Non semplicemente attraverso azioni di compensazione ma con l’ausilio di misure concrete che non fossero nocive per l’ambiente circostante: grazie alla collaborazione di svariati soggetti (tra cui il dipartimento di Design del Politecnico di Torino, l’Università di Scienze Gastronomiche e oltre quaranta enti ed aziende) nelle quattro edizioni l’impatto ambientale è stato ridotto del 65% rispetto all’edizione di riferimento del 2006.

Ma raggiunto questo notevole risultato, il traguardo diventa ancora più ambizioso: il progetto è di sviluppare, nelle prossime edizioni, indicatori specifici e una metodologia di ricerca per la valutazione dell’impatto della manifestazione a 360 gradi. Systemic Event Design (S.Ee.D) il nome di questo nuovo progetto ideato dagli organizzatori del Salone con il coordinamento scientifico dell’Università di Scienze Gastronomiche e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Parte già da questa edizione, invece, lo sforzo per far sì che i visitatori prendano consapevolezza di poter diventare “co-organizzatori” che, attraverso il loro comportamento, influenzano parte della sostenibilità dell’evento. Questo il motivo della presenza dei volontari di Legambiente che supportano le persone nella differenziazione dei rifiuti nelle 120 Isole di Raccolta dislocate nei padiglioni, o delle facilitazioni per la mobilità attraverso numerose convenzioni con Trenitalia, GTT, il bike-sharing [TO]Bike e il car-sharing BlaBlaCar. Non manca l’attenzione per gli eco-materiali per l’allestimento: anche quest’anno, infatti, le bancarelle sono realizzate con Greenpallet® Palm certificati PEFC e FSC, in legno di abete e pioppo proveniente da foreste italiane gestite secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.

Il Salone del Gusto offre però anche uno spunto per tornare a parlare di Certificazione Biologica. Molti, infatti, tra i produttori presenti quelli virtuosi nelle pratiche a tutela dell’ambiente e della biodiversità e che hanno scelto di certificare come biologici i loro prodotti. È il caso, ad esempio, della recente linea di panettoni a lievito madre della Pasticceria Fraccaro di Castelfranco Veneto, che dal 1932 crea i propri prodotti in modo artigianale. Quest’anno, l’azienda presenta al Salone un panettone speciale impreziosito da ingredienti dei Presìdi Slow Food. Tra questi, la Vaniglia naturale Mananara del Madagascar coltivata e raccolta a mano nella Riserva della Biosfera Mananara Nord (creata da Unesco ed Angap) all’ombra delle piante della foresta pluviale, a pochi metri sul livello del mare, ma priva di bollino biologico. E la vaniglia è uno dei pochi ingredienti che, da disciplinare, invalida la certificazione di un prodotto anche se presente in grammatura inferiore al 5% sul totale.

Anche la Naturale Birra Cimbra è un prodotto privo di Certificazione Biologica, ma è il frutto di un visionario progetto nato nel 2011 da due ragazzi di Asiago con la precisa volontà di valorizzare la tradizione del territorio attraverso un prodotto artigianale, non pastorizzato e microfiltrato, utilizzando solo acqua delle ventiquattro sorgenti alpine del parco naturale di Hans, malto di prima qualità coltivato a chilometro zero e una combinazione di luppoli tedeschi e boemi. La birra è prodotta in collaborazione con uno dei più piccoli ed antichi birrifici d’Europa sito in Carinzia che vanta prime produzioni risalenti al 1270.

Simile il caso di Primitivizia, un’azienda di Spiazzo, in provincia di Trento, che raccoglie esclusivamente quel offre la natura delle montagne circostanti e lavora le materie prime con tecniche manuali e rispettose della tradizione. L’azienda, finora priva di certificazione proprio a causa della natura delle materie prime selvatiche utilizzate nei loro prodotti, sente la necessità di avviare l’iter per l’ottenimento del bollino per esportare con maggior successo oltreoceano.

Spesso la ricerca delle materie prime, le produzioni ridotte o le caratteristiche stesse del prodotto commercializzato rendono insostenibile economicamente (qualcuno dice: superflua) la certificazione. Una soluzione concreta viene da un gruppo di apicoltori facenti parte della Comunità mondiale del cibo ad energia pulita e rinnovabile della Toscana, un progetto virtuoso che insiste sui metodi di produzione anziché sui prodotti, attraverso la proposta di una sorta di autocertificazione del produttore che si rende disponibile a consentire i controlli da parte di un ente terzo indipendente ogni qualvolta questo si renda necessario. Uno dei produttori, Alberto Fatticcioni, racconta come quest’anno, particolarmente critico per l’apicultura, gli oneri economici che sarebbero derivati dall’ottenimento della certificazione biologica avrebbero superato i ricavi ottenuti dalla sua piccola produzione, costringendolo alla vendita del miele ad un prezzo tre volte superiore rispetto a quello che lui considera equo. Che fare? Il dibattito resta aperto su #bioedintorni.

Elisabetta Redavid

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende