Home » Eventi » Salone del Gusto e Terra Madre 2012: in attesa della primavera che verrà:

Salone del Gusto e Terra Madre 2012: in attesa della primavera che verrà

ottobre 25, 2012 Eventi

L’edizione 2012 del Salone del Gusto e Terra Madre che si apre oggi a Torino è quella della maturità. L’edizione del bilancio, e della presa di coscienza della propria forza. La fusione dei due appuntamenti in un unico grande evento è stato il primo segno di una svolta. “Il nostro obiettivo è di creare il più importante appuntamento mondiale dedicato al cibo”, spiega Paolo Di Croce, segretario generale della Fondazione Terra Madre. La presenza, alla cerimonia di apertura inaugurale, del direttore generale della Fao José Graziano Da Silva, è il riconoscimento di Slow Food e della Rete dei produttori di Terra Madre come interlocutori credibili e competenti quando si parla di cibo. Carlin Petrini, fondatore del movimento e oggi presidente di Slow Food International, non nasconde l’emozione: “E’ la prima volta che il direttore generale della FAO viene da noi. Terra Madre è un grande fenomeno politico, e noi siamo orgogliosi di dialogare con la FAO”.

Nella lunga cerimonia, durata quasi quattro ore, si susseguono gli interventi di produttori agricoli e personaggi noti, dall’economista indiana Vandana Shiva al giullare premio Nobel Dario Fo, da Roy Paci - che insieme a una band multietnica suona l’inno di Terra Madre – ad Alice Waters, la prima negli Stati Uniti ad aver parlato di educazione alimentare per i bambini e oggi vicepresidente del ramo internazionale dell’associazione di Petrini.

Diritto al cibo, sovranità alimentare e lotta allo spreco sono i temi al centro del dibattito. Lo stesso Da Silva, che tiene il suo discorso in quattro lingue, lancia la sfida “Fame Zero” della FAO, che alcuni anni fa, da Ministro della Sicurezza Alimentare in Brasile, lui stesso ha in buona parte vinto nel suo Paese. “Una dieta sana, sufficiente e dignitosa non può più essere un privilegio di pochi, deve diventare un diritto di tutti”. Un obiettivo legato strettamente alla sostenibilità: “La rivoluzione verde (attenzione, il termine non si riferisce alla green economy! Ndr) ha dimostrato che gli agricoltori possono sfamare il pianeta, ma ha anche comportato l’uniformità delle colture e l’utilizzo di pesticidi dannosi. Per soddisfare i bisogni dei prossimi decenni, bisogna cambiare i modelli di produzione e consumo, che significa anche rivalutare i prodotti locali in un mondo globalizzato”. Un esempio su tutti: “Il 20% della popolazione Usa – spiega Alice Waters – frequenta la scuola. Se, come è accaduto in Brasile, fossero introdotte norme che impongono l’acquisto dei prodotti per le mense dagli agricoltori locali e sostenibili, si cambierebbe il sistema alimentare in un giorno”.

A questo deve unirsi la lotta agli sprechi: “Circa un terzo del cibo va sprecato nelle fasi di produzione e trasformazione. E nei Paesi ricchi, ogni anno i consumatori buttano nell’immondizia 222 milioni di tonnellate di cibo. Se riuscissimo a dimezzare queste perdite, potremmo sfamare un altro miliardo di persone”, continua Da Silva. Ma la lotta per il diritto al cibo inizia dai semi, oggi oggetto di brevetti da parte delle multinazionali come la Monsanto. “Un seme – dice Vandana Shiva dal palco – non viene inventato, è il risultato di migliaia di evoluzioni. Per questo ogni brevetto su un seme è un furto, un atto di biopirateria. In India 270.000 contadini si sono suicidati a causa dei debiti contratti con le aziende sementiere dopo l’introduzione del cotone Ogm”. Anche nel 1500, racconta Dario Fo, che sul palco interpreta la fame del contadino Zanni, “nella valle del Po gli agricoltori morirono o furono costretti a emigrare, perché dall’estero iniziarono ad arrivare derrate a prezzi più bassi e nessuno comprava più i loro prodotti”.

Gli agricoltori di Terra Madre salgono sul palco per parlare della loro esperienza, di reti di agricoltori, siccità, importanza della biodiversità, energia, salvaguardia dei terreni. Petrini apre il suo discorso conclusivo davanti ai delegati delle 400 Comunità del cibo del mondo con un bilancio: “In questi anni è cambiata la sensibilità verso l’ambiente, il cibo e il suo spreco ma la strada è ancora lunga. La sovranità alimentare è minacciata da speculazioni vergognose, e lo stesso diritto alla terra è minacciato dal land grabbing, una forma di neocolonialismo più aggressivo di quello storico, di fronte al quale la comunità internazionale non può far più finta di niente”. Poi parla delle necessità di “ricostruire le comunità dei semi, rifiutando che siano oggetto di proprietà privata”, della battaglia contro lo spreco e dei cambiamenti climatici, che ci impongono “di impegnarci nella difesa della biodiversità per non farci trovare impreparati”.

Ma è la seconda parte del discorso di Petrini – con parole che vogliono incoraggiare e consegnare ai delegati una missione, un messaggio da portare ai produttori dei loro Paesi – quella che dà maggiormente il senso dell’evento di quest’anno. “Terra Madre è una straordinaria iniziativa politica. Dovete essere coscienti che, anche se vivete in uno sperduto villaggio del Perù o in una piccola oasi in Africa, state realizzando la vera politica”. Una politica che però, avverte il fondatore di Slow Food, “deve essere realizzata con gioia e serenità. Vinceremo la nostra battaglia con la tenacia, la determinazione, ma anche con il sorriso”. E cita la “felice versatilità”, virtù che Pericle attribuiva agli ateniesi: “Dobbiamo essere così, avere la capacità di adattarci, ma con felicità. La primavera arriverà”.

Veronica Ulivieri

Consulta gli appuntamenti del Salone in tema di ambiente selezionati dalla nostra redazione: “Salone del Gusto 2012: la selezione di Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende