Home » Eventi » Sana 2011: anno zero per la nuova fiera:

Sana 2011: anno zero per la nuova fiera

settembre 12, 2011 Eventi

Il Sana 2011, Salone Internazionale del Naturale di Bologna, ha chiuso ieri sera i battenti della 23° edizione con un ottimo successo di pubblico professionale, ma soprattutto ha aperto un nuovo cammino: basta alla convivenza con il ”new age” fatto di santoni, incensini e mercatini (ne è rimasta qualche lieve traccia nei piani ammezzati) e largo ai veri (e seri) produttori del naturale e dell’agricoltura biologica, come si addice a una fiera promossa e organizzata da Federbio, la Federazione che raggruppa i principali operatori del biologico e biodinamico in Italia.

Come per ogni scelta difficile ed esclusiva (nel senso letterale) non sono mancate le polemiche da parte degli esclusi, che hanno denunciato un atteggiamento “classista” da parte degli organizzatori e fondato gruppi su Facebook, rivendicando il diritto (l’Italia ne è la patria più ricca) di vendere in fiera, pratica bandita, da quest’anno, per evitare l’effetto bazar e concentrarsi su altre 3 B: buyers, bio e broadcasters, grazie anche alla collaborazione con il Gruppo 24 Ore Quotidiano Nazionale, che ha trasmesso in diretta online interviste e approfondimenti sul nuovo canale QN Bologna Fiere News.

Soddisfatti invece i premiati delle tre nuove competizioni: Sana Award Benessere (riservato alle erboristerie), Bravo Bio (nato per incentivare la diffusione dei prodotti biologici in bar, hotel e ristoranti) e Sana Novità 2011, la vetrina dei prodotti più innovativi, che ha visto trionfare i crackers Benessere del Baule Volante, nella categoria Alimentazione, la linea all’acido ialuronico di Erbolario per la cosmesi e la cancelleria a basso impatto ambientale di Coop Italia - giusto in tempo per invitare gli studenti a un anno scolastico più “sostenibile”.

Immancabile la presentazione congiunta dell’Osservatorio Sana sui consumi e del Rapporto Sinab, il Sistema Informativo Nazionale sull’Agricoltura Biologica del Ministero per le Politiche Agricole, che hanno fotografato, dati alla mano, l’evoluzione del biologico nel paese. Dall’analisi al 31.12.2010 risultano numeri promettenti per il futuro del comparto: gli operatori del settore sono infatti ben 47.663, di cui 38.679 produttori esclusivi; 5.592 preparatori (comprese le aziende
di vendita al dettaglio); 3.128 che effettuano sia attività di produzione che di trasformazione; 44 importatori esclusivi; 220 importatori che effettuano anche attività di produzione o trasformazione. Rispetto ai dati 2009 si registra una riduzione complessiva del numero di operatori dell’1,7% che, tuttavia, può essere letta positivamente come una “scrematura dei malintenzionati”, a fronte di un aumento complessivo della superficie coltivata a biologico (pari a  1.113.742 ettari, con un incremento rispetto all’anno precedente di circa lo 0,6%), che indica, di contro, la crescita delle aziende sane.

La distribuzione degli operatori sul territorio nazionale vede, come per gli anni passati, la Sicilia seguita dalla Calabria, tra le regioni con maggiore presenza di aziende agricole biologiche; mentre per il numero di aziende di trasformazione impegnate nel settore la leadership spetta ancora all’Emilia Romagna – non per nulla padrona di casa del Sana - seguita da VenetoLombardia.

Non sono però tutte rose e fiori e gli operatori non si illudono. Le criticità in vista del rinnovo della PAC, la nuova Politica Agricola Comune dell’Unione Europea – che da sola pesa per il 40% circa del budget comunitario - sono state eloquentemente illustrate nel convegno di apertura dal Ministro Saverio Romano e dal Presidente della Commissione Agricoltura del PE, Paolo De Castro. E la ricetta vincente rimane sempre la stessa: fare squadra, fare sistema. Bisognerà vedere se, per una volta, le istituzioni e le imprese della green economy nazionale riusciranno a proiettarsi oltre il male nazionale dell’interesse di cortile e saper traguardare il futuro di un settore nel quale siamo tra i primi produttori al mondo.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende