Home » Eventi » Sana 2011: uniti per migliorare la PAC:

Sana 2011: uniti per migliorare la PAC

settembre 8, 2011 Eventi

La proposta preliminare della nuova PAC, la Politica Agricola Comune, che il Commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos presenterà al Parlamento Europeo il 12 ottobre prossimo va cambiata. E’questo il messaggio emerso dalla conferenza “L’agricoltura biologica come strumento di sviluppo sostenibile. Le prospettive nell’ambito della riforma della PAC“, che ha inaugurato questa mattina il 23° Sana, Salone Internazionale del Naturale di Bologna.

Al “convitato di pietra” Ciolos è riuscito il miracolo: far convergere sulla stessa posizione un esponente di punta del centrodestra e uno del centrosinistra, rispettivamente l’attuale Ministro dell’Agricoltura Saverio Romano e il suo predecessore – ora Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo – Paolo De Castro, concordi nell’annunciare che se la Commissione non cambierà la proposta per il futuro dell’agricoltura europea dopo il 2013, l’Italia farà muro. E anche il Parlamento Europeo e il Consiglio ne chiederanno la revisione.     

Il problema principale sta nel criterio di assegnazione dei fondi: se passerà il principio della superficie, l’Italia – dotata di una superficie coltivabile piuttosto ridotta - sarà fortemente penalizzata.

Ma Tiberio Rabboni, Assessore all’Agricoltura dell’Emilia Romagna, ha altre preoccupazioni: così come risulta formulata oggi, la proposta per la nuova PAC contiene molti (forse troppi) obiettivi ambiziosi, tra cui quello prioritario di una maggiore sostenibilità ambientale. Contemporaneamente si propone, però, di aumentare la produzione, per far fronte a una domanda crescente. E, ancora, di ridistribuire meglio gli incentivi alle aziende agricole, soprattutto quelle che destineranno almeno il 5% della propria superficie coltivabile al biologico. Eppure il budget europeo, a quanto è noto, risulta ridotto del 12% rispetto alla PAC in vigore, che prevede una quota di co-finanziamento da parte degli stati membri. In Italia l’allora Ministro De Castro, ricorda Rabboni, definì, per il Programma di Sviluppo Rurale, un cofinanziamento del 56%, ma due anni fa, a seguito delle difficoltà economiche, questo è già sceso al 40%. Cosa succederà ora, in tempo di ulteriori tagli?

Il Ministro Romano, in partenza per Bruxelles per l’incontro vis à vis con Ciolos, non batte ciglio. La buona notizia è infatti che, proprio in questi giorni, è in pubblicazione un bando da 10 mln. di euro per sostenere l’agricoltura biologica. La cattiva è la conferma che, in sede europea, si profila una politica che rischia di penalizzere i nostri agricoltori. La superficie coltivabile italiana viene computata dalla Commissione al 6%, mentre l’Italia contribuisce economicamente con il 13% alla PAC. I conti non tornano. Per questo a novembre il Ministero proporrà una conferenza nazionale per fare il punto e favorire larghe intese e coordinamento in difesa dell’interesse nazionale.

Ma sono veramente tutte povere e vessate le aziende agricole nostrane? Secondo Andrea Ferrante, presidente Aiab, va fatto un distinguo, perchè 5.000 grandi produttori italiani incassano attualmente, dalla PAC, 350mila euro esentasse, senza contribuire minimamente, in periodo di crisi, alla “solidarietà” nazionale. E senza nemmeno riconoscere il ruolo centrale che spetterebbe al contadino, travolto da meccanismi incontrollabili che hanno lasciato nelle mani degli hedge fund e dei futures la determinazione dei prezzi delle materie prime agricole. La PAC, denuncia Ferrante, viaggia ormai a traino degli accordi WTO e ne subisce le conseguenze, invece di saper imporre regole contenitive.

E pensare che l’Europa è il secondo produttore al mondo di biologico. E l’Italia il primo produttore europeo. Solo che la prima è costretta a importare ancora una buona fetta dei prodotti dai paesi extracomunitari e la seconda è ferma al 2% di consumi biologici sul totale, mentre in altri paesi europei la percentuale raggiunge il 10%.

La produzione si deve dunque adeguare alla crescita del mercato, ma – ricorda Paolo Carnemolla, presidente di Federbio – anche la distribuzione deve fare la sua parte, aumentando l’offerta di prodotti biologici a scaffale. Il resto lo farà una corretta comunicazione e informazione al consumatore, oggi ancora carente. 

La situazione, insomma è complessa, e ricetta uniche non esistono. Tutto infatti sta cambiando molto velocemente, ammonisce il presidente De Castro, ma uniti si può ancora vincere.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende