Home » Eventi » Sana 2011: uniti per migliorare la PAC:

Sana 2011: uniti per migliorare la PAC

settembre 8, 2011 Eventi

La proposta preliminare della nuova PAC, la Politica Agricola Comune, che il Commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos presenterà al Parlamento Europeo il 12 ottobre prossimo va cambiata. E’questo il messaggio emerso dalla conferenza “L’agricoltura biologica come strumento di sviluppo sostenibile. Le prospettive nell’ambito della riforma della PAC“, che ha inaugurato questa mattina il 23° Sana, Salone Internazionale del Naturale di Bologna.

Al “convitato di pietra” Ciolos è riuscito il miracolo: far convergere sulla stessa posizione un esponente di punta del centrodestra e uno del centrosinistra, rispettivamente l’attuale Ministro dell’Agricoltura Saverio Romano e il suo predecessore – ora Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo – Paolo De Castro, concordi nell’annunciare che se la Commissione non cambierà la proposta per il futuro dell’agricoltura europea dopo il 2013, l’Italia farà muro. E anche il Parlamento Europeo e il Consiglio ne chiederanno la revisione.     

Il problema principale sta nel criterio di assegnazione dei fondi: se passerà il principio della superficie, l’Italia – dotata di una superficie coltivabile piuttosto ridotta - sarà fortemente penalizzata.

Ma Tiberio Rabboni, Assessore all’Agricoltura dell’Emilia Romagna, ha altre preoccupazioni: così come risulta formulata oggi, la proposta per la nuova PAC contiene molti (forse troppi) obiettivi ambiziosi, tra cui quello prioritario di una maggiore sostenibilità ambientale. Contemporaneamente si propone, però, di aumentare la produzione, per far fronte a una domanda crescente. E, ancora, di ridistribuire meglio gli incentivi alle aziende agricole, soprattutto quelle che destineranno almeno il 5% della propria superficie coltivabile al biologico. Eppure il budget europeo, a quanto è noto, risulta ridotto del 12% rispetto alla PAC in vigore, che prevede una quota di co-finanziamento da parte degli stati membri. In Italia l’allora Ministro De Castro, ricorda Rabboni, definì, per il Programma di Sviluppo Rurale, un cofinanziamento del 56%, ma due anni fa, a seguito delle difficoltà economiche, questo è già sceso al 40%. Cosa succederà ora, in tempo di ulteriori tagli?

Il Ministro Romano, in partenza per Bruxelles per l’incontro vis à vis con Ciolos, non batte ciglio. La buona notizia è infatti che, proprio in questi giorni, è in pubblicazione un bando da 10 mln. di euro per sostenere l’agricoltura biologica. La cattiva è la conferma che, in sede europea, si profila una politica che rischia di penalizzere i nostri agricoltori. La superficie coltivabile italiana viene computata dalla Commissione al 6%, mentre l’Italia contribuisce economicamente con il 13% alla PAC. I conti non tornano. Per questo a novembre il Ministero proporrà una conferenza nazionale per fare il punto e favorire larghe intese e coordinamento in difesa dell’interesse nazionale.

Ma sono veramente tutte povere e vessate le aziende agricole nostrane? Secondo Andrea Ferrante, presidente Aiab, va fatto un distinguo, perchè 5.000 grandi produttori italiani incassano attualmente, dalla PAC, 350mila euro esentasse, senza contribuire minimamente, in periodo di crisi, alla “solidarietà” nazionale. E senza nemmeno riconoscere il ruolo centrale che spetterebbe al contadino, travolto da meccanismi incontrollabili che hanno lasciato nelle mani degli hedge fund e dei futures la determinazione dei prezzi delle materie prime agricole. La PAC, denuncia Ferrante, viaggia ormai a traino degli accordi WTO e ne subisce le conseguenze, invece di saper imporre regole contenitive.

E pensare che l’Europa è il secondo produttore al mondo di biologico. E l’Italia il primo produttore europeo. Solo che la prima è costretta a importare ancora una buona fetta dei prodotti dai paesi extracomunitari e la seconda è ferma al 2% di consumi biologici sul totale, mentre in altri paesi europei la percentuale raggiunge il 10%.

La produzione si deve dunque adeguare alla crescita del mercato, ma – ricorda Paolo Carnemolla, presidente di Federbio – anche la distribuzione deve fare la sua parte, aumentando l’offerta di prodotti biologici a scaffale. Il resto lo farà una corretta comunicazione e informazione al consumatore, oggi ancora carente. 

La situazione, insomma è complessa, e ricetta uniche non esistono. Tutto infatti sta cambiando molto velocemente, ammonisce il presidente De Castro, ma uniti si può ancora vincere.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende