Home » Eventi »Idee »Smart City » Screen city: la città dal virtuale al reale, attraverso schermi intelligenti:

Screen city: la città dal virtuale al reale, attraverso schermi intelligenti

settembre 28, 2012 Eventi, Idee, Smart City

Immaginate di alzarvi la mattina, controllare la vostra agenda digitale sullo specchio touch-screen del bagno, accendere con un tocco il fornello a induzione per fare il caffè e intanto rispondere a una video-chiamata ingrandendo l’immagine direttamente sul piano della cucina; poi di uscire e programmare il percorso con un gesto sul display dell’automobile (elettrica?), che nel frattempo si sarà sincronizzata con i monitor del traffico sulle strade cittadine, arrivare in ufficio e presentare la vostra relazione “trascinando” testi e immagini sulla parete-schermo della sala riunioni (in stile CSI), fare un po’ di video-shopping, e infine tornare a casa e rilassarvi sfogliando un libro sul vostro e-reader.

Non è Blade Runner e nemmeno Harry Potter, ma un futuro non troppo lontano, che qualche volta, anzi, è già diventato presente. La suggestione di una giornata fatta di schermi intelligenti è una delle tante raccolte dal comitato scientifico del neonato web-magazine Screen City e presentate in questi giorni nell’ambito della Social Media Week di Torino.
Screen City è un portale, una rete di soggetti, un laboratorio di progetti, ma prima di tutto è una visione, nata a cavallo tra la sociologia dei media e l’urbanistica. Si parte da una semplice quanto potente constatazione: lo schermo, quello stesso schermo con cui, fino a qualche tempo fa, ci relazionavamo come soggetti puramente passivi, fruitori di informazioni “calate dall’alto”, è negli anni diventato – almeno nell’esperienza privata – uno strumento sempre più interattivo. La stessa sorte potrebbe allora toccare anche agli schermi urbani, il digital signage, trasformandoli da mezzi di diffusione di contenuti istituzionali o pubblicità, a sistemi interattivi che, dialogando con i cittadini, siano in grado di assolvere a una serie di funzioni utili nell’ambito, ad esempio, della sicurezza, dell’efficienza energetica, della mobilità.

«Alla fine degli anni ’80 usciva un celebre saggio del sociologo americano Joshua Meyrowitz intitolato “Oltre il senso del luogo” – ha spiegato Giulio Lughi, membro del comitato scientifico di Screen City e docente all’Università di Torino – Sembrava allora che il mondo mediatico avrebbe ogni giorno di più sostituito quello reale. Ma pian piano ci siamo accorti che non era vero: i nuovi media, al contrario, hanno dato vita a una sorta di rispazializzazione, attraverso funzioni come la tracciabilità e la geo-localizzazione. Si assiste quindi a un ribaltamento dello schermo: lo schermo è oggi il territorio stesso che, una volta solo percorribile, diventa scrivibile».

Un po’ quello che è accaduto a Helsinki con il progetto sperimentale Urbanflow, che si propone di trasformare gli schermi urbani in piattaforme di dialogo fra la città, i suoi residenti e i turisti. La sincronizzazione di computer, tablet e smartphone con i monitor in punti strategici del tessuto urbano rende possibile lo scambio di informazioni e feedback su ogni aspetto della vita metropolitana: traffico, incidenti, manifestazioni ed eventi culturali, dati ambientali come la qualità dell’aria, il consumo energetico e le emissioni di CO2, bike-sharing, orari dei trasporti pubblici, stazioni di polizia, ecc. Utenti e istituzioni sono così messi sullo stesso piano e partecipano entrambi alla creazione di una mappa interattiva, inviando e verificando in tempo reale dati e notizie.

Ma non è detto che l’utilizzo degli schermi urbani debba necessariamente essere guidato da istituzioni pubbliche. Emblematico è l’uso che ne ha fatto Amnesty International per la campagna “Unlock the truth about Guantanamo” in Svezia: a ogni firma inviata tramite iPad, sullo schermo gigante nella piazza principale di Stoccolma le sbarre si aprivano e “liberavano” il nome di un prigioniero, rendendo così emotivamente e simbolicamente evidente l’efficacia di ciascun piccolo contributo alla causa.

Più prosaicamente, il colosso dello shopping online Tesco, con il motto di “Let the store come to people”, ha creato un supermercato virtuale nei corridoi dell’affollatissima metropolitana di Seoul. Su schermi grandi come veri scaffali del supermarket, gli indaffaratissimi coreani puntano i loro smartphone, inquadrano ciò che vogliono mangiare per cena e, tramite un QRcode, ne prenotano l’orario di consegna: certo un po’ alienante, ma indubbiamente un risparmio di tempo e di stressanti spostamenti nel traffico cittadino.

«Insomma, il nostro portale vuole essere un osservatorio su questo tipo di esperienze e sperimentazioni – ha concluso Simone Arcagni, direttore di Screen City e ricercatore all’Università di Palermo – Raccoglieremo pubblicazioni e ricerche accademiche, ma soprattutto terremo d’occhio ciò che succede nel mondo, segnalando idee, prototipi e progetti già realizzati che possano servire da spunto anche ad altri innovatori. L’importante, dal nostro punto di vista, è che siano utili ai cittadini. Non abbiamo bisogno di un’altra televisione in piazza, ma di strumenti che stimolino la partecipazione e l’inclusione e ci facciano sentire parte intelligente del sistema-città».

Giorgia Marino

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende