Home » Eventi »Off the Green »Rubriche » Seeds & Blue Chips: quando i grandi danno patenti di “sostenibilità”:

Seeds & Blue Chips: quando i grandi danno patenti di “sostenibilità”

maggio 11, 2018 Eventi, Off the Green, Rubriche

Sto invecchiando o diventando saggio? Non lo so, ma i palchi scintillanti e i nomi dei guru nei programmi degli eventi non mi danno più emozione. Non disdegno la forma, ma sono sempre più attratto dalla sostanza. Seeds & Chips,The Global Food Innovation Summit“(Milano, 7-10 maggio 2018), è indubbiamente una manifestazione fascinosa, ma la sensazione è che le suggestioni cucinate dal bravo cerimoniere Marco Gualtieri (il Farinetti lombardo?) facciano perdere di vista tutto il resto.

Se tra gli hashtag appaiono #sustainability e #climatechange, io poi divento automaticamente pistino e inizio a fare le pulci. Perché non ho nulla contro la grandeur milanese (ho vissuto e lavorato con piacere in città), ma da umile e squadrato torinese inizio un po’ a ribollire quando vedo che si vuole l’uovo e la gallina. Vuoi fare il megaevento food con i grandi sponsor? Bene. Vuoi i grandi nomi per dare lustro e attrarre i media? Niente di male. Magari fai anche profitto sull’evento e crei indotto? Benissimo, siamo tutti felici. Ma se inizi a piegare i concetti di sostenibilità e green economy a uso e consumo delle multinazionali più scaltre (vedi Expo 2015) e lasci che sia il loro verbo a guidare giovani startuppers di belle speranze verso una presunta “innovazione” e un “futuro migliore”, allora – con tutto il rispetto – mi girano un po’le balle.

E’credibile che la “soluzione” ai problemi ambientali, sociali ed economici del mondo arrivi da Bayer, da 3M, da Intesa Sanpaolo, da Bolton Food, da Unilever e da qualche altro gigante della grande distribuzione? Personalmente non ho pregiudizi contro nessuno e mi rallegro quando vedo riduzioni degli impatti ambientali nei processi produttivi industriali di chiunque, ma se guardo i fatti, ad oggi – e non il marketing – faccio molta fatica a crederlo.

E, veramente, le “innovazioni” alle quali possiamo ambire per migliorare la salubrità e disponibilità di cibo, sono pallide insalatine da coltura idroponica abbronzate alla luce di lampade elettriche in un capannone di cemento armato? O droni che dispensano agrofarmaci sui campi con la precisione di un farmacista? Mi fa un po’orrore. Credo che potremmo fare di meglio grazie alla formazione, all’istruzione e alla sensibilizzazione ecologica dei “nuovi contadini” di seconda o terza generazione, al loro ritorno alla terra e alla riqualificazione dei vecchi borghi periferici di campagna e di montagna. La tecnologia, lo sappiamo, può aiutare, ma non è mai la soluzione, tanto più nelle mani sbagliate di chi cerca solo profitto, guadagni sulle spalle altrui, finanziamenti e buoni affari a basso rischio imprenditoriale.

Prima di dare per scontato che nel 2030 le metropoli esploderanno di abitanti affamati, riqualifichiamo e portiamo i servizi e la banda larga nei centri “minori” (io penso, in controtendenza, che diventeranno sempre più appetibili in futuro), prima di triplicare la produzione di cibo riduciamo gli sprechi cambiando le abitudini di consumo e di recupero (come promuovono, tra gli espositori di Seeds & Chips, le startup Rebox e Wasteless), prima di inginocchiarci e pendere dalle labbra dello chef di Obama, ascoltiamo “sul campo” i nostri tanti contadini biologici anonimi, che da decenni mettono le mani nella terra e osservano, con i loro occhi, gli effetti quotidiani devastanti dei cambiamenti climatici. Non saprei dire se questa ricetta possa funzionare ovunque nel mondo, ma sono fermamente convinto che possa dare ottimi risultati e vera innovazione in un paese come l’Italia, dove (vivaddio) le micro e piccole imprese del settore alimentare sono più numerose delle multinazionali e dove la biodiversità e l’autenticità locale sono delle cifre distintive che possono diventare un vantaggio competitivo, se inserite in un “ecosistema” che le valorizzi adeguatamente.

Per quanto possa valere il mio giudizio, sarei ingrato a sminuire Seeds & Chips con una recensione tranchant. Indubbiamente tra le sue corsie si annida del buono e nei suoi “pitch” si confrontano giovani imprenditori con buone idee e buona volontà, ma gli organizzatori dovrebbero ricordare che quando si punta così in alto si assumono delle responsabilità importanti e si creano delle aspettative che andrebbero mantenute. Perché, ad esempio, in un evento che si definisce, senza mezzi termini, “the leading food innovation summit in the World“, il bar del centro fieristico non è stato “educato” a servire acqua in caraffe di vetro, ma dispone solo di anacronistici e sovrabbondanti bottiglioni di plastica da 75 cl.? Perché nelle pause tra un convegno e l’altro, mi devo accontentare di un pasto da “autogrill” con panini o insalate dozzinali dove l’ingrediente non conta nulla? Da sbranare di fretta su un tavolino da fast food. Non è certo l’espressione migliore del food Made in Italy, tanto meno per i numerosi visitatori stranieri della manifestazione. E perché tutto quello che viene avanzato finisce, insieme alle stoviglie di plastica, in due soli bidoni della spazzatura indifferenziata? Mi dispiace fare il puntiglioso, ma il futuro esige coerenza e concretezza per essere sostenibile e i dettagli, per me, contano più di qualsiasi CEO di Starbucks.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende