Home » Eventi » SEP 2010: per una gestione ecotecnologica dei rifiuti:

SEP 2010: per una gestione ecotecnologica dei rifiuti

aprile 24, 2010 Eventi

rifiuti

Tra gli eventi di maggiore rilievo di questa settimana si è tenuto a Padova il Sep, il Salone Internazionale delle Ecotecnologie. Tema centrale di questa 23ª edizione i rifiuti, in particolare gli RsuRifiuti Solidi Urbani – insieme alle soluzioni e tecnologie attualmente disponibili o in fase di imminente definizione per la loro raccolta, trasporto e gestione.

A dominare gli spazi espositivi, con le ultime novità in termini di prodotti e servizi, sono state le aziende produttrici di veicoli e impianti ecologici che hanno avuto l’occasione di confrontarsi sul piano dell’innovazione e la possibilità di entrare in contatto con interlocutori, pubblici e privati. La gestione dei rifiuti è un innazitutto un problema che riguarda aziende, grande distribuzione, amministrazioni e cittadini. Ma è anche un business: l’ultima edizione del Sep, quella del 2007, (il salone si tiene con scadenza triennale per adeguarsi alla velocità di sviluppo di questo settore, che richiede tempo e test) ha visto la partecipazione di 22 mila tecnici ambientali, di cui un 10% stranieri, 650 espositori e 150 ore di aggiornamento professionale, numeri che ben descrivono la crescita che riguarda il settore rifiuti.

Sep 2010 ha rafforzato ulteriormente le aspettative generali sul livello di sviluppo di aziende e operatori, mettendo in mostra numerose novità, soprattutto per quanto riguarda gli RSU, dove la domanda di gestione è più forte. Nei padiglioni dedicati ai rifiuti solidi si trovano le innovazioni tecnologiche che riguardano la raccolta, il riciclo, il trattamento e lo smaltimento.

I cestini per la raccolta differenziata diventano così oggetti di design che impreziosiscono l’arredo urbano: sensori elettronici spruzzano un mix di profumo e disinfettante ecocompatibile all’apertura dei coperchi dei bidoni per combattere sgradevoli miasmi e ridurre il formarsi di batteri. I normali cassonetti vengono invece assemblati con i raccoglitori di rifiuti tossici e pericolosi per formare isole ecologiche altamente tecnologiche, informatizzate, a scomparsa, interrate, regolate termicamente, addirittura mobili. I vantaggi? Stoccare insieme maggiori quantità di rifiuti, evitare la decomposizione chimica degli scarti, limitare il trasporto su gomma, agevolare la differenziazione ed eliminare i cassonetti dalla vista (e dall’olfatto) delle persone.

Se il tema predominante è quello della gestione dei rifiuti solidi, non è mancato però spazio anche per altri settori strategici per l’ambiente, come l’approvvigionamento energetico da fonti a basso impatto ambientale, l’uso efficiente delle risorse e la sostenibilità. La biometanazione, ovvero la produzione di metano e idrogeno con l’impiego di residui organici, è forse una delle frontiere più interessanti nell’ambito del recupero energetico da rifiuti, oggetto del convegno conclusivo “Energia e Ambiente”.

Nei quattro giorni di apertura, il Salone ha visto, accanto all’attività espositiva, una vivace attività congressuale e di formazione. Il Comitato di Programma del Sep, coordinato dal Cnr ha infatti coinvolto università e esperti nazionali nell’organizzazione di seminari e corsi di aggiornamento su innovazioni e argomenti di attualità, seguiti dalla presentazione di casi di studio nazionali e internazionali sia sul piano tecnologico che normativo.

A ciascun giorno è stato assegnato un tema: “Ambiente Urbano e beni culturali”, “Acqua e bonifiche”, “Gestione del ciclo integrato dei rifiuti” e “Rifiuti ed energia”. Tra le applicazioni più interessanti i sistemi informatici per la gestione ambientale, del rischio e delle tecnologie pulite, le tecnologie “trenchless” per la riduzione di scavi nella posa e nella mappature delle reti di servizi e gli scanner ottici per la videoispezione.

La varietà dell’offerta espositiva e formativa di Sep 2010 ha reso evidente come gli investimenti in ricerca e innovazione tecnologica possano non solo contribuire al rilancio dell’economia, ma anche alla diffusione della cultura della sostenibilità ambientale fra imprese e cittadini. I rifiuti, in particolare, vengono riscoperti come risorsa energetica ed economica. La loro valenza residuale sembra così scomparire: appena prodotti possono essere da subito organizzati e reintrodotti nel sistema produttivo.

Caterina Tripepi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende