Home » Eventi » SEP 2010: per una gestione ecotecnologica dei rifiuti:

SEP 2010: per una gestione ecotecnologica dei rifiuti

aprile 24, 2010 Eventi

rifiuti

Tra gli eventi di maggiore rilievo di questa settimana si è tenuto a Padova il Sep, il Salone Internazionale delle Ecotecnologie. Tema centrale di questa 23ª edizione i rifiuti, in particolare gli RsuRifiuti Solidi Urbani – insieme alle soluzioni e tecnologie attualmente disponibili o in fase di imminente definizione per la loro raccolta, trasporto e gestione.

A dominare gli spazi espositivi, con le ultime novità in termini di prodotti e servizi, sono state le aziende produttrici di veicoli e impianti ecologici che hanno avuto l’occasione di confrontarsi sul piano dell’innovazione e la possibilità di entrare in contatto con interlocutori, pubblici e privati. La gestione dei rifiuti è un innazitutto un problema che riguarda aziende, grande distribuzione, amministrazioni e cittadini. Ma è anche un business: l’ultima edizione del Sep, quella del 2007, (il salone si tiene con scadenza triennale per adeguarsi alla velocità di sviluppo di questo settore, che richiede tempo e test) ha visto la partecipazione di 22 mila tecnici ambientali, di cui un 10% stranieri, 650 espositori e 150 ore di aggiornamento professionale, numeri che ben descrivono la crescita che riguarda il settore rifiuti.

Sep 2010 ha rafforzato ulteriormente le aspettative generali sul livello di sviluppo di aziende e operatori, mettendo in mostra numerose novità, soprattutto per quanto riguarda gli RSU, dove la domanda di gestione è più forte. Nei padiglioni dedicati ai rifiuti solidi si trovano le innovazioni tecnologiche che riguardano la raccolta, il riciclo, il trattamento e lo smaltimento.

I cestini per la raccolta differenziata diventano così oggetti di design che impreziosiscono l’arredo urbano: sensori elettronici spruzzano un mix di profumo e disinfettante ecocompatibile all’apertura dei coperchi dei bidoni per combattere sgradevoli miasmi e ridurre il formarsi di batteri. I normali cassonetti vengono invece assemblati con i raccoglitori di rifiuti tossici e pericolosi per formare isole ecologiche altamente tecnologiche, informatizzate, a scomparsa, interrate, regolate termicamente, addirittura mobili. I vantaggi? Stoccare insieme maggiori quantità di rifiuti, evitare la decomposizione chimica degli scarti, limitare il trasporto su gomma, agevolare la differenziazione ed eliminare i cassonetti dalla vista (e dall’olfatto) delle persone.

Se il tema predominante è quello della gestione dei rifiuti solidi, non è mancato però spazio anche per altri settori strategici per l’ambiente, come l’approvvigionamento energetico da fonti a basso impatto ambientale, l’uso efficiente delle risorse e la sostenibilità. La biometanazione, ovvero la produzione di metano e idrogeno con l’impiego di residui organici, è forse una delle frontiere più interessanti nell’ambito del recupero energetico da rifiuti, oggetto del convegno conclusivo “Energia e Ambiente”.

Nei quattro giorni di apertura, il Salone ha visto, accanto all’attività espositiva, una vivace attività congressuale e di formazione. Il Comitato di Programma del Sep, coordinato dal Cnr ha infatti coinvolto università e esperti nazionali nell’organizzazione di seminari e corsi di aggiornamento su innovazioni e argomenti di attualità, seguiti dalla presentazione di casi di studio nazionali e internazionali sia sul piano tecnologico che normativo.

A ciascun giorno è stato assegnato un tema: “Ambiente Urbano e beni culturali”, “Acqua e bonifiche”, “Gestione del ciclo integrato dei rifiuti” e “Rifiuti ed energia”. Tra le applicazioni più interessanti i sistemi informatici per la gestione ambientale, del rischio e delle tecnologie pulite, le tecnologie “trenchless” per la riduzione di scavi nella posa e nella mappature delle reti di servizi e gli scanner ottici per la videoispezione.

La varietà dell’offerta espositiva e formativa di Sep 2010 ha reso evidente come gli investimenti in ricerca e innovazione tecnologica possano non solo contribuire al rilancio dell’economia, ma anche alla diffusione della cultura della sostenibilità ambientale fra imprese e cittadini. I rifiuti, in particolare, vengono riscoperti come risorsa energetica ed economica. La loro valenza residuale sembra così scomparire: appena prodotti possono essere da subito organizzati e reintrodotti nel sistema produttivo.

Caterina Tripepi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende