Home » Eventi » So Critical so Fashion, la moda alternativa allarga i suoi spazi:

So Critical so Fashion, la moda alternativa allarga i suoi spazi

settembre 25, 2012 Eventi

Non solo immagine, ora è tempo di contenuti. Dal 21 fino al 23 settembre, ai Frigoriferi Milanesi (stupenda location di archeologia industriale), è andata in scena la kermesse “So Critical So Fashion” tre giorni dedicati a designer, stilisti e artigiani in contemporanea con la più nota e luccicante Fashion Week. Giunta ormai alla sua terza edizione, la fiera, creata da Terre di Mezzo, che ha archiviato la scorsa edizione con 3.500 visitatori, 39 espositori e 110 giornalisti accreditati, quest’anno ha migliorato la sua performance ospitando 50 realtà selezionate nel panorama nazionale e internazionale.

Tra le novità di rilievo Ligneah, una linea di borse, portafogli, cinture e cappelli interamente realizzata in legno. Un materiale naturale e classico ma realizzato in forma innovativa, con sottilissimi fogli di legname certificato FSC, accoppiato con un tessuto microinciso al laser: l’effetto finale è del tutto paragonabile ad una morbida pelle naturale, ma realizzata con materie prime completamente vegetali e sostenibili. La collezione, che è stata presentata in anteprima a So Critical So Fashion, vuole fornire infatti un’alternativa all’utilizzo della pelle animale nel settore moda, a favore di materiali con un impatto ambientale inferiore.

Il recupero è invece alla base delle creazioni di Caracolgioielli cruelty free realizzati a mano con materiale recuperato dalle discariche, o gli stravaganti accessori per capelli di Moku in stile vintage, creati con ritagli di tessuto e inserti originali, come metri da sarta e rocchetti di filo o vecchi ingranaggi di sveglia. Originalità anche per i gioielli aromatici di Lalu: spezie incastonate in resine colorate che ne mantengono l’aroma, creando così accessori insoliti e profumati, e per gli sfiziosi ventagli da collo di Cadò.

Un’altra delle anteprime presentate in fiera è quella di Altromercato, con Auteurs du monde, una linea creata con il contributo di conoscenze e materiali del Sud del mondo: dai capi in alpaca diagonal prodotti in Perù fino ai cappotti in lana mélange realizzati a Katmandu. Da segnalare le vere e proprie calzature vegan fatte con tomaie e fodere in microfibre traspiranti, ma anche materiali riciclati come le gomme o il lino oppure, ancora, paglia di cocco e sughero.

Ecogeco, invece produce jeans, ma non jeans qualunque, bio-denim, fatti con l’originale tessuto genovese in cotone organico e indaco vegetale, tutto rigorosamente Made in Italy visto che il produttore realizza il capo di abbigliamento nell’arco di 50 km, rimanendo fortemente legato al territorio veronese e interrompendo quel meccanismo ormai degenerato per cui qualsiasi prodotto compie troppi passaggi prima di arrivare al pubblico.

Al So critical So Fashion gli esordienti convivono negli stessi spazi e scambiano esperienze con designer e stilisti emergenti o già più affermati, come nel caso del creatore di gioielli campano Giovanni Scafuro che, dopo il successo alla scorsa edizione, aprirà a Milano uno spazio di proprietà per le sue collane, realizzate recuperando frammenti di ceramiche antiche. Oppure le tre sorelle venete Francesca, Giulia e Margherita Paglia, uniche italiane invitate dalla fiera parigina “Ethical Fashion Show” a partecipare ai défilé al Carrousel du Louvre lo scorso 6-7 settembre.

Francesca, anima del brand FemPaglia, è intervenuta, domenica 23, al workshop Modacontromoda, un momento di confronto tra stilisti ed esperti di comunicazione, al quale hanno partecipato Andrea Gandiglio, direttore editoriale di Greenews.info e Presidente dell’Associazione Greencommerce, Mina Epifani, fondatrice del social network per creativi Design MeTamara Nocco, ideatrice di I Love ShoppingValentina Martin, titolare di Spazio Asti17 Angelica Ciardella, giornalista e blogger di Girlpower e Fashion Android. Di fronte ai relatori, oltre ai già citati brand, sono sfilate le creazioni degli stilisti selezionati dalle organizzatrici, Caterina Misuraca e Paola Sammarro: Secrets des Filles, le sorelle trevigiane che ripropongono modelli vintage, nello stile degli anni ’40 e ’50, a partire da capi e tessuti recuperati nei mercatini del mondo e Lorena Giuffrida, virtuosa del recupero di camere d’aria delle biciclette (fornite da una ciclofficina bergamasca), che diventano originali e trasgressive collane total black.

A tutti i designer un consiglio unanime da parte degli esperti: siate ambiziosi e non dimenticate mai stile e qualità! La battaglia per emergere e conquistare il mercato, infatti, non si combatte più, ormai, nella nicchia “green”, ma deve invadere gli spazi oggi occupati dalla moda tradizionale.

Francesca Fradelloni


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende