Home » Eventi » So Critical so Fashion, la moda alternativa allarga i suoi spazi:

So Critical so Fashion, la moda alternativa allarga i suoi spazi

settembre 25, 2012 Eventi

Non solo immagine, ora è tempo di contenuti. Dal 21 fino al 23 settembre, ai Frigoriferi Milanesi (stupenda location di archeologia industriale), è andata in scena la kermesse “So Critical So Fashion” tre giorni dedicati a designer, stilisti e artigiani in contemporanea con la più nota e luccicante Fashion Week. Giunta ormai alla sua terza edizione, la fiera, creata da Terre di Mezzo, che ha archiviato la scorsa edizione con 3.500 visitatori, 39 espositori e 110 giornalisti accreditati, quest’anno ha migliorato la sua performance ospitando 50 realtà selezionate nel panorama nazionale e internazionale.

Tra le novità di rilievo Ligneah, una linea di borse, portafogli, cinture e cappelli interamente realizzata in legno. Un materiale naturale e classico ma realizzato in forma innovativa, con sottilissimi fogli di legname certificato FSC, accoppiato con un tessuto microinciso al laser: l’effetto finale è del tutto paragonabile ad una morbida pelle naturale, ma realizzata con materie prime completamente vegetali e sostenibili. La collezione, che è stata presentata in anteprima a So Critical So Fashion, vuole fornire infatti un’alternativa all’utilizzo della pelle animale nel settore moda, a favore di materiali con un impatto ambientale inferiore.

Il recupero è invece alla base delle creazioni di Caracolgioielli cruelty free realizzati a mano con materiale recuperato dalle discariche, o gli stravaganti accessori per capelli di Moku in stile vintage, creati con ritagli di tessuto e inserti originali, come metri da sarta e rocchetti di filo o vecchi ingranaggi di sveglia. Originalità anche per i gioielli aromatici di Lalu: spezie incastonate in resine colorate che ne mantengono l’aroma, creando così accessori insoliti e profumati, e per gli sfiziosi ventagli da collo di Cadò.

Un’altra delle anteprime presentate in fiera è quella di Altromercato, con Auteurs du monde, una linea creata con il contributo di conoscenze e materiali del Sud del mondo: dai capi in alpaca diagonal prodotti in Perù fino ai cappotti in lana mélange realizzati a Katmandu. Da segnalare le vere e proprie calzature vegan fatte con tomaie e fodere in microfibre traspiranti, ma anche materiali riciclati come le gomme o il lino oppure, ancora, paglia di cocco e sughero.

Ecogeco, invece produce jeans, ma non jeans qualunque, bio-denim, fatti con l’originale tessuto genovese in cotone organico e indaco vegetale, tutto rigorosamente Made in Italy visto che il produttore realizza il capo di abbigliamento nell’arco di 50 km, rimanendo fortemente legato al territorio veronese e interrompendo quel meccanismo ormai degenerato per cui qualsiasi prodotto compie troppi passaggi prima di arrivare al pubblico.

Al So critical So Fashion gli esordienti convivono negli stessi spazi e scambiano esperienze con designer e stilisti emergenti o già più affermati, come nel caso del creatore di gioielli campano Giovanni Scafuro che, dopo il successo alla scorsa edizione, aprirà a Milano uno spazio di proprietà per le sue collane, realizzate recuperando frammenti di ceramiche antiche. Oppure le tre sorelle venete Francesca, Giulia e Margherita Paglia, uniche italiane invitate dalla fiera parigina “Ethical Fashion Show” a partecipare ai défilé al Carrousel du Louvre lo scorso 6-7 settembre.

Francesca, anima del brand FemPaglia, è intervenuta, domenica 23, al workshop Modacontromoda, un momento di confronto tra stilisti ed esperti di comunicazione, al quale hanno partecipato Andrea Gandiglio, direttore editoriale di Greenews.info e Presidente dell’Associazione Greencommerce, Mina Epifani, fondatrice del social network per creativi Design MeTamara Nocco, ideatrice di I Love ShoppingValentina Martin, titolare di Spazio Asti17 Angelica Ciardella, giornalista e blogger di Girlpower e Fashion Android. Di fronte ai relatori, oltre ai già citati brand, sono sfilate le creazioni degli stilisti selezionati dalle organizzatrici, Caterina Misuraca e Paola Sammarro: Secrets des Filles, le sorelle trevigiane che ripropongono modelli vintage, nello stile degli anni ’40 e ’50, a partire da capi e tessuti recuperati nei mercatini del mondo e Lorena Giuffrida, virtuosa del recupero di camere d’aria delle biciclette (fornite da una ciclofficina bergamasca), che diventano originali e trasgressive collane total black.

A tutti i designer un consiglio unanime da parte degli esperti: siate ambiziosi e non dimenticate mai stile e qualità! La battaglia per emergere e conquistare il mercato, infatti, non si combatte più, ormai, nella nicchia “green”, ma deve invadere gli spazi oggi occupati dalla moda tradizionale.

Francesca Fradelloni


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende