Home » Eventi » So Critical so Fashion, la moda alternativa allarga i suoi spazi:

So Critical so Fashion, la moda alternativa allarga i suoi spazi

settembre 25, 2012 Eventi

Non solo immagine, ora è tempo di contenuti. Dal 21 fino al 23 settembre, ai Frigoriferi Milanesi (stupenda location di archeologia industriale), è andata in scena la kermesse “So Critical So Fashion” tre giorni dedicati a designer, stilisti e artigiani in contemporanea con la più nota e luccicante Fashion Week. Giunta ormai alla sua terza edizione, la fiera, creata da Terre di Mezzo, che ha archiviato la scorsa edizione con 3.500 visitatori, 39 espositori e 110 giornalisti accreditati, quest’anno ha migliorato la sua performance ospitando 50 realtà selezionate nel panorama nazionale e internazionale.

Tra le novità di rilievo Ligneah, una linea di borse, portafogli, cinture e cappelli interamente realizzata in legno. Un materiale naturale e classico ma realizzato in forma innovativa, con sottilissimi fogli di legname certificato FSC, accoppiato con un tessuto microinciso al laser: l’effetto finale è del tutto paragonabile ad una morbida pelle naturale, ma realizzata con materie prime completamente vegetali e sostenibili. La collezione, che è stata presentata in anteprima a So Critical So Fashion, vuole fornire infatti un’alternativa all’utilizzo della pelle animale nel settore moda, a favore di materiali con un impatto ambientale inferiore.

Il recupero è invece alla base delle creazioni di Caracolgioielli cruelty free realizzati a mano con materiale recuperato dalle discariche, o gli stravaganti accessori per capelli di Moku in stile vintage, creati con ritagli di tessuto e inserti originali, come metri da sarta e rocchetti di filo o vecchi ingranaggi di sveglia. Originalità anche per i gioielli aromatici di Lalu: spezie incastonate in resine colorate che ne mantengono l’aroma, creando così accessori insoliti e profumati, e per gli sfiziosi ventagli da collo di Cadò.

Un’altra delle anteprime presentate in fiera è quella di Altromercato, con Auteurs du monde, una linea creata con il contributo di conoscenze e materiali del Sud del mondo: dai capi in alpaca diagonal prodotti in Perù fino ai cappotti in lana mélange realizzati a Katmandu. Da segnalare le vere e proprie calzature vegan fatte con tomaie e fodere in microfibre traspiranti, ma anche materiali riciclati come le gomme o il lino oppure, ancora, paglia di cocco e sughero.

Ecogeco, invece produce jeans, ma non jeans qualunque, bio-denim, fatti con l’originale tessuto genovese in cotone organico e indaco vegetale, tutto rigorosamente Made in Italy visto che il produttore realizza il capo di abbigliamento nell’arco di 50 km, rimanendo fortemente legato al territorio veronese e interrompendo quel meccanismo ormai degenerato per cui qualsiasi prodotto compie troppi passaggi prima di arrivare al pubblico.

Al So critical So Fashion gli esordienti convivono negli stessi spazi e scambiano esperienze con designer e stilisti emergenti o già più affermati, come nel caso del creatore di gioielli campano Giovanni Scafuro che, dopo il successo alla scorsa edizione, aprirà a Milano uno spazio di proprietà per le sue collane, realizzate recuperando frammenti di ceramiche antiche. Oppure le tre sorelle venete Francesca, Giulia e Margherita Paglia, uniche italiane invitate dalla fiera parigina “Ethical Fashion Show” a partecipare ai défilé al Carrousel du Louvre lo scorso 6-7 settembre.

Francesca, anima del brand FemPaglia, è intervenuta, domenica 23, al workshop Modacontromoda, un momento di confronto tra stilisti ed esperti di comunicazione, al quale hanno partecipato Andrea Gandiglio, direttore editoriale di Greenews.info e Presidente dell’Associazione Greencommerce, Mina Epifani, fondatrice del social network per creativi Design MeTamara Nocco, ideatrice di I Love ShoppingValentina Martin, titolare di Spazio Asti17 Angelica Ciardella, giornalista e blogger di Girlpower e Fashion Android. Di fronte ai relatori, oltre ai già citati brand, sono sfilate le creazioni degli stilisti selezionati dalle organizzatrici, Caterina Misuraca e Paola Sammarro: Secrets des Filles, le sorelle trevigiane che ripropongono modelli vintage, nello stile degli anni ’40 e ’50, a partire da capi e tessuti recuperati nei mercatini del mondo e Lorena Giuffrida, virtuosa del recupero di camere d’aria delle biciclette (fornite da una ciclofficina bergamasca), che diventano originali e trasgressive collane total black.

A tutti i designer un consiglio unanime da parte degli esperti: siate ambiziosi e non dimenticate mai stile e qualità! La battaglia per emergere e conquistare il mercato, infatti, non si combatte più, ormai, nella nicchia “green”, ma deve invadere gli spazi oggi occupati dalla moda tradizionale.

Francesca Fradelloni


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende