Home » Eventi »Recensioni » Sogni d’immondizia (Garbage Dreams):

Sogni d’immondizia (Garbage Dreams)

giugno 4, 2010 Eventi, Recensioni

Courtesy of Flickr23 milioni di abitanti. 3000 tonnellate di rifiuti giornalieri. L’80% di questi riciclati e ritrasformati in materie prime. Sembra un’idea platonica invece è ciò che accadeva fino a pochi anni fa a Il Cairo, caotica e sovrappopolata capitale dell’Egitto grazie all’opera degli zabbaleen, 60.000 poverissimi che del quartiere-ghetto in cui vivono hanno fatto la più grande discarica a cielo aperto del mondo e la loro principale fonte di reddito.

Questa incredibile storia è stata scelta dalla regista americana Mai Iskander per essere raccontata nel suo lungometraggio d’esordio: un docu-film, Garbage Dreams, che ha richiesto ben 4 anni di lavorazione e che ha seguito da vicino la storia di tre giovani zabbaleen, i loro sogni, le loro speranze e l’infrangersi di queste di fronte alle società straniere di raccolta e riciclaggio dei rifiuti che li hanno privati del loro mezzo di sostentamento.

Presentato al SXSW Film Festival di Austin in Texas il documentario ha vinto il primo premio nella sezione US Documentary Competition, è stato mostrato in più di 30 film festival negli Stati Uniti, ha attirato l’attenzione di Al Gore (che lo ha voluto al suo Nashville Film Festival), è ufficialmente candidato tra i 15 documentari in lizza per l’Oscar 2010 ed è stato proiettato con ottima accoglienza da parte del pubblico, ieri sera, durante la terza giornata del festival Cinemambiente a Torino (in replica questa sera alle 22.00 al Cortile della Farmcia del Museo di Scienze Naturali).

Ignorati dalle classi alte e medie della società egiziana questi uomini, donne e bambini hanno svolto per decenni un compito importantissimo in assenza di un’organizzazione cittadina efficiente per la raccolta dei rifiuti: la città de Il Cairo si è tacitamente affidata a queste persone – per la maggior parte cristiani copti – per la raccolta e il riciclo delle enormi quantità di spazzatura prodotte ogni giorno.

Gli zabbaleen hanno trasformato Mokattam, il loro quartiere di immondizia, in un vero e proprio laboratorio di riciclaggio: ovunque si possono scorgere individui intenti a separare anche il più piccolo pezzetto di materiale organico da quello inorganico, ovvero ciò che è compostabile da ciò che è utile per poter poi essere suddiviso in alluminio, carta, plastica e trasformato in materie seconde pronte per essere stoccate e rivendute, anche all’estero. Sveglia all’alba, camion vetusti, mani nude, granulatori per plastica, macine, compattatori per carta e cartone, sono gli strumenti del mestiere di questa enorme massa di disperati che vede nel proprio lavoro la manifestazione della volontà di Dio. “Essere uno zabballen è scritto nel nostro destino”, ripetono i protagonisti. Il guadagno per questa attività è irrisorio, circa 2 dollari al giorno, ma è tutto ciò che queste persone hanno imparato a fare e fanno molto bene.

Riciclare l’80% dei rifiuti è un risultato eccellente, migliore del target previsto e richiesto dall’Unione Europea. Eppure dal 2005 il governo egiziano ha scelto di privatizzare i servizi e ha appaltato la raccolta dei rifiuti per 50 milioni di dollari di contratti annuali a tre società private, due Italiane e una Spagnola. Per contratto queste società sono obbligate a riciclare solo il 20% di quello che raccolgono, lasciando il resto a marcire nelle gigantesche discariche delle periferie.

Garbage Dreams è un caso paradigmatico che dimostra che la modernizzazione non è sempre sinonimo di progresso“, ha dichiarato Al Gore.

L’affidamento della gestione dello smaltimento dell’immondizia agli “stranieri” pare aver comportato infatti un notevole passo indietro da un punto di vista ambientale, oltre che un disastro economico per la comunità Zabbaleen che nel nuovo business non è stata minimamente presa in considerazione.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende