Home » Eventi »Green Economy »Internazionali »Nazionali »Politiche » Stati Generali: più occupazione con il “Made Green in Italy”:

Stati Generali: più occupazione con il “Made Green in Italy”

Tre milioni di lavori verdi, con 234.000 nuove assunzioni solo nel 2014 secondo il rapporto GreenItaly 2014 di Unioncamere-Fondazione Symbola presentato nei giorni scorsi. 190.000 posti di lavoro nel solo 2013 per la realizzazione e gestione di impianti di fonti rinnovabili; migliaia nelle 50.000 aziende agricole biologiche. Più di 460.000 possibili posti di lavoro da un programma di rafforzamento dell’efficienza energetica; 30.000 da una gestione più efficiente della raccolta differenziata.  Gli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Ministero dell’Ambiente e dal Consiglio Nazionale della Green Economy, con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, si sono chiusi ieri a Rimini, mettendo in evidenza la capacità dell’economia verde di rispondere alle questioni occupazionali presenti tutti i giorni sulle scrivanie dei membri del governo e nel dibattito pubblico.

Il titolo di quest’anno – “Lo sviluppo delle imprese della green economy per uscire dalla crisi italiana” – collocava di proposito l’evento nel rovente dibattito sul lavoro, come per dire: “Noi le potenzialità ce le abbiamo, e ne abbiamo già dato prova con numeri importanti. Adesso serve che anche la politica e chi governa ci metta del suo”. Messaggio ricevuto? Vedremo. “I numeri ci mostrano che le uniche aziende che hanno tenuto nella crisi economica, sono quelle della green economy. Sono cresciute, infatti, in fatturato e in occupazione”, ha ammesso – da buon commercialista – il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. “Le imprese della green economy sono imprese nuove che creano nuovi posti di lavoro. Dobbiamo aiutare queste realtà con regole semplici, certe, che durino nel tempo”, si è impegnato il titolare del Lavoro, Giuliano Poletti.

In particolare sono due le proposte che vengono dagli Stati Generali per far fronte alla disoccupazione giovanile: “Ridurre in maniera significativa, per almeno tre anni, il prelievo fiscale e contributivo per l’impiego dei giovani e il varo di un Piano Nazionale per lo sviluppo dell’occupazione giovanile. Quest’ultimo, in particolare, deve essere sostenuto da misure mirate alla formazione e qualificazione, con lo scopo di dare più forza al manifatturiero Made in Italy associato alla bellezza e alla qualità ecologica, con produzioni pulite”.

Per attuare questo obiettivo, è l’idea degli imprenditori che hanno partecipato all’evento, sono necessarie cinque azioni: “La revisione e la riallocazione in chiave di green economy e di ecoinnovazione degli incentivi distribuiti all’industria, un rafforzamento green delle principali filiere produttive; un programma di risanamento e riqualificazione ambientale degli impianti e delle produzioni ad alto impatto; il lancio di speciali iniziative nazionali di valorizzazione del tessuto produttivo attraverso la produzione del “Made Green in Italy”; il sostegno alle start up di imprese giovanili della green economy”. In Italia, riassume il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ed ex ministro Edo Ronchi, “le imprese della green economy, sia core green, cioè quelle che producono beni e servizi ambientali, sia go green, che adottano cioè modelli di business ambientale, hanno un peso rilevante spesso sottovalutato. Il loro sviluppo può trainare la ripresa economica”.

Se fino a una decina d’anni fa la green economy italiana poteva ancora essere definita un settore di nicchia, oggi, con un valore aggiunto di oltre 100 miliardi di euro (pari al 10% dell’intera economia nazionale, sommerso escluso), essa ha aumentato il proprio potere contrattuale. Anche se non sempre questo fatto è riconosciuto.

A livello mondiale l’industria verde negli anni ha continuato a crescere, nonostante la crisi: il giro d’affari globale nel 2005, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO), era di 990 miliardi di euro in sei settori green (efficienza energetica, gestione sostenibile delle risorse idriche, mobilità sostenibile, energia, uso efficiente dei materiali, gestione dei rifiuti e riciclo), nel 2020 è stato stimato che sarà più che raddoppiato arrivando a circa 2.200 miliardi di euro. In Italia oggi (Flash Eurobarometer 381), il 25% delle aziende fino a 250 dipendenti offre prodotti e servizi eco e un altro 7% intende offrirli nei prossimi 3 anni (sono il 33% in Germania, il 31% nel Regno Unito, il 30% in Francia e il 34% negli Usa).

Secondo un’indagine elaborata dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, che ha coinvolto 437 imprenditori, oltre il 90% delle imprese della green economy è convinto che la produzione in chiave sostenibile possa contribuire alla ripresa. “Gli imprenditori stanno cominciando a fare squadra su idee e convinzioni condivise: la crisi economica può essere superata innovando, differenziando e puntando su produzioni e consumi in direzione green”, spiegano dalla Fondazione. E proprio in quest’ottica, durante i due giorni di Rimini, oltre alle proposte per il lavoro ne sono state presentate altre riguardanti diversi settori della green economy: agricoltura, ecoinnovazione, gestione del capitale naturale e dei servizi ecosistemici, rifiuti, acqua, certificazioni ambientali, clima ed energia. La partita ora va giocata.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende