Home » Eventi »Smart City » Stop alle barche a motore: a Venezia la prima domenica ecologica:

Stop alle barche a motore: a Venezia la prima domenica ecologica

aprile 12, 2013 Eventi, Smart City

Di domeniche ecologiche ce ne sono tante ma quella che si terrà a Venezia il 14 aprile è davvero unica. A fermarsi, per la prima volta nella storia, non saranno solo le auto di Mestre in terraferma, ma anche le barche a motore tradizionale che solcano quotidianamente il Canal Grande.

La città più suggestiva del mondo per un giorno tornerà silenziosa e sostenibile. Il fermo dalle 10 alle 15 riguarda tutte le imbarcazioni a motore (esclusi i mezzi del trasporto pubblico locale come i vaporetti e di soccorso) dal Ponte degli Scalzi alla Punta della Dogana e in Canale di Cannaregio. Gratuito il servizio traghetti con le gondole, grazie alla collaborazione dell’Associazione dei Bancali. Dalle 11 sfileranno in corteo acqueo verso il Ponte di Rialto barche ibride, elettriche e a remi, e alle 12 a Ca’ Farsetti, sede del Comune, si farà il punto sulle tecnologie che si stanno sperimentando e sui finanziamenti per imbarcazioni a ridotte emissioni, come motori ibridi, elettrici e a idrogeno.

L’iniziativa ha, come quasi sempre in questi casi, un valore simbolico e di sensibilizzazione, ma per Venezia è anche qualcosa di più. Forse per chi la visita per la prima volta, incantato dalle bellezze monumentali e artistiche della città e da romantiche attraversate in gondola, il problema del traffico passa in secondo piano. Anche a Venezia però raggiunge livelli di gravità e pericolosità simili alle altre città fortemente urbanizzate. L’unica differenza è nel mezzo di trasporto: barche a Venezia, autoveicoli nel resto d’Italia e del mondo.

L’aumento dei flussi turistici, cuore dell’economia dell’antica Serenissima e dell’intera regione, causa l’incremento esponenziale del traffico acqueo, col corollario di conseguenze che esso comporta, in primis l’inquinamento dell’aria e acustico. Ma Venezia è sempre Venezia, per cui qui traffico significa anche inquinamento delle acque interne delle calli e della laguna (con ricadute sull’itticoltura), oltre al famigerato fenomeno del moto ondoso. Secondo Assonautica Venezia, da almeno un decennio in prima linea sul fronte della mobilità sostenibile della nautica lagunare e tra i promotori insieme al Comune di Venezia della ecodomenica, “il trasporto dei passeggeri mediante taxi (300 quelli regolari più tutti quelli degli enti) e quello delle merci con mototopi (1.800 tra quelli in conto terzi e quelli a uso privato) aggiunto a quello dei servizi di linea e, al mattino della nettezza urbana, sta letteralmente intasando i canali interni alla città”. La programmazione della circolazione con fasce orarie per il trasporto merci e il controllo delle velocità in Canal Grande con il sistema di telesorveglianza Argos, voluti dall’amministrazione comunale, sono ancora palliativi.

Le emissioni dei motori endotermici, non sempre a norma non esistendo obblighi a riguardo, provocano la solfatazione delle pietre dei monumenti, mentre il moto ondoso dovuto allo spostamento veloce delle imbarcazioni erode fondamenta e rive dei canali. “Dieci anni fa abbiamo iniziato a contattare cantieri navali per sperimentare nella nautica le tecnologie esistenti per i motori automobilistici, come l’elettrico e l’ibrido – commenta soddisfatto il presidente di Assonautica Venezia Roberto Magliocco – Oggi siamo in grado di dire che le tecnologie ci sono anche per i diportisti, comprese i motori elettrici da fuori bordo, e che il corteo acqueo di domenica sarà la festa di chi, come noi, ha scommesso sul futuro ecologico della nautica. Resta il problema però che le risposte da parte di chi le deve dare ai cittadini sono ancora lacunose”.

Fuor di metafora, il presidente snocciola cosa manca perché la mobilità nautica veneziana sia davvero “green”: punti di rifornimento del gpl, fondi comunali per incentivare l’uso di motori ibridi ed elettrici, restrizioni per le imbarcazioni che non se ne dotano. Mentre il Comune attraverso l’assessore alla mobilità Ugo Bergamo ha rinnovato “l’appello al prossimo governo affinché siano stanziati dei fondi per la riconversione dei motori delle imbarcazioni in modo da ridurre le emissioni inquinanti”, su proposta della locale Assonautica, la Camera di commercio veneziana ha dedicato una parte del “Bando Green Economy” alla nautica, stanziando per il secondo anno 50.000 euro per piccole e medie imprese che intendono trasformare il proprio natante da propulsione endotermica a quella ibrida o elettrica (nella foto il barchino promozionale). Il contributo singolo è di 5.000 euro a impresa.

Qualcosa sta effettivamente cambiando anche se lentamente. Se, targhe alla mano, le imbarcazioni a motore endotermico sono complessivamente 50.000, le barche a trazione ibrida o elettrica sono una ventina. Due i taxi nautici ecosostenibili, uno elettrico della Provincia di Venezia e uno ibrido di una cooperativa di tassisti. Lo scarto resta ancora notevole ma non è stato semplice superare lo scoglio del cambio di mentalità.

Dal canto suo il Comune, con l’assessorato al Piano strategico, sta puntando su una mobilità smart che unisca sostenibilità e nuove tecnologie nell’intera area lagunare coinvolgendo il mondo della ricerca pubblica universitaria. È il caso del progetto “Elettrosmart boat” coordinato da Corila (Consorzio per la attività di ricerca della Laguna di Venezia), che ha superato la prima tappa di selezione a un bando del Miur per le Smart city. “Prevede la sperimentazione e la realizzazione su tutta la Laguna di flotte prototipo e stazioni di ricarica per barche a motore elettrico di dimensioni e usi diversi, privati e non, e un servizio di boat sharing con venti imbarcazioni utilizzabili come le bici da punto a punto – racconta il direttore del consorzio Pierpaolo Campostrini – Le flotte saranno equipaggiate con sensori ambientali sviluppati dal Cnr per monitorare la qualità dell’aria, dell’acqua, il risparmio di CO2”. Se il progetto sarò approvato, la sperimentazione potrebbe partire già dall’estate.

Intanto in questi giorni al Salone Nautico di Venezia (fino al 14 aprile a Mestre, nell’area del Parco San Giuliano), è stata presentata da Hydrogen Park e Veneto Innovazione Accadue, prototipo di vaporetto a celle a combustibile a idrogeno realizzato da Venezia Tecnologie spa, grazie ad un progetto finanziato da Regione Veneto e ministero dell’Ambiente. Mentre oggi pomeriggio, 12 aprile, un convegno farà il punto sulla mobilità ecosostenibile acquea attraverso l’uso di imbarcazioni elettriche o a idrogeno.

Ma, ironia della sorte, nella ecodomenica il fermo delle imbarcazioni non ecologiche non si estenderà al Canale della Giudecca sul quale il Comune non ha giurisdizione. Le grandi navi da crociera perciò potranno transitare davanti a San Marco per raggiungere il porto dopo il cosiddetto “inchino”. Un fenomeno, questo dell’ingresso in laguna di navi imponenti, che ha suscitato proteste tra i cittadini e la dura presa di posizione del Comitato No Grandi Navi (che per contrastare questa prassi ha indetto una manifestazione per l’8 e 9 giugno) e della sezione locale di Italia Nostra.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende