Home » Eventi »Smart City » Stop alle barche a motore: a Venezia la prima domenica ecologica:

Stop alle barche a motore: a Venezia la prima domenica ecologica

aprile 12, 2013 Eventi, Smart City

Di domeniche ecologiche ce ne sono tante ma quella che si terrà a Venezia il 14 aprile è davvero unica. A fermarsi, per la prima volta nella storia, non saranno solo le auto di Mestre in terraferma, ma anche le barche a motore tradizionale che solcano quotidianamente il Canal Grande.

La città più suggestiva del mondo per un giorno tornerà silenziosa e sostenibile. Il fermo dalle 10 alle 15 riguarda tutte le imbarcazioni a motore (esclusi i mezzi del trasporto pubblico locale come i vaporetti e di soccorso) dal Ponte degli Scalzi alla Punta della Dogana e in Canale di Cannaregio. Gratuito il servizio traghetti con le gondole, grazie alla collaborazione dell’Associazione dei Bancali. Dalle 11 sfileranno in corteo acqueo verso il Ponte di Rialto barche ibride, elettriche e a remi, e alle 12 a Ca’ Farsetti, sede del Comune, si farà il punto sulle tecnologie che si stanno sperimentando e sui finanziamenti per imbarcazioni a ridotte emissioni, come motori ibridi, elettrici e a idrogeno.

L’iniziativa ha, come quasi sempre in questi casi, un valore simbolico e di sensibilizzazione, ma per Venezia è anche qualcosa di più. Forse per chi la visita per la prima volta, incantato dalle bellezze monumentali e artistiche della città e da romantiche attraversate in gondola, il problema del traffico passa in secondo piano. Anche a Venezia però raggiunge livelli di gravità e pericolosità simili alle altre città fortemente urbanizzate. L’unica differenza è nel mezzo di trasporto: barche a Venezia, autoveicoli nel resto d’Italia e del mondo.

L’aumento dei flussi turistici, cuore dell’economia dell’antica Serenissima e dell’intera regione, causa l’incremento esponenziale del traffico acqueo, col corollario di conseguenze che esso comporta, in primis l’inquinamento dell’aria e acustico. Ma Venezia è sempre Venezia, per cui qui traffico significa anche inquinamento delle acque interne delle calli e della laguna (con ricadute sull’itticoltura), oltre al famigerato fenomeno del moto ondoso. Secondo Assonautica Venezia, da almeno un decennio in prima linea sul fronte della mobilità sostenibile della nautica lagunare e tra i promotori insieme al Comune di Venezia della ecodomenica, “il trasporto dei passeggeri mediante taxi (300 quelli regolari più tutti quelli degli enti) e quello delle merci con mototopi (1.800 tra quelli in conto terzi e quelli a uso privato) aggiunto a quello dei servizi di linea e, al mattino della nettezza urbana, sta letteralmente intasando i canali interni alla città”. La programmazione della circolazione con fasce orarie per il trasporto merci e il controllo delle velocità in Canal Grande con il sistema di telesorveglianza Argos, voluti dall’amministrazione comunale, sono ancora palliativi.

Le emissioni dei motori endotermici, non sempre a norma non esistendo obblighi a riguardo, provocano la solfatazione delle pietre dei monumenti, mentre il moto ondoso dovuto allo spostamento veloce delle imbarcazioni erode fondamenta e rive dei canali. “Dieci anni fa abbiamo iniziato a contattare cantieri navali per sperimentare nella nautica le tecnologie esistenti per i motori automobilistici, come l’elettrico e l’ibrido – commenta soddisfatto il presidente di Assonautica Venezia Roberto Magliocco – Oggi siamo in grado di dire che le tecnologie ci sono anche per i diportisti, comprese i motori elettrici da fuori bordo, e che il corteo acqueo di domenica sarà la festa di chi, come noi, ha scommesso sul futuro ecologico della nautica. Resta il problema però che le risposte da parte di chi le deve dare ai cittadini sono ancora lacunose”.

Fuor di metafora, il presidente snocciola cosa manca perché la mobilità nautica veneziana sia davvero “green”: punti di rifornimento del gpl, fondi comunali per incentivare l’uso di motori ibridi ed elettrici, restrizioni per le imbarcazioni che non se ne dotano. Mentre il Comune attraverso l’assessore alla mobilità Ugo Bergamo ha rinnovato “l’appello al prossimo governo affinché siano stanziati dei fondi per la riconversione dei motori delle imbarcazioni in modo da ridurre le emissioni inquinanti”, su proposta della locale Assonautica, la Camera di commercio veneziana ha dedicato una parte del “Bando Green Economy” alla nautica, stanziando per il secondo anno 50.000 euro per piccole e medie imprese che intendono trasformare il proprio natante da propulsione endotermica a quella ibrida o elettrica (nella foto il barchino promozionale). Il contributo singolo è di 5.000 euro a impresa.

Qualcosa sta effettivamente cambiando anche se lentamente. Se, targhe alla mano, le imbarcazioni a motore endotermico sono complessivamente 50.000, le barche a trazione ibrida o elettrica sono una ventina. Due i taxi nautici ecosostenibili, uno elettrico della Provincia di Venezia e uno ibrido di una cooperativa di tassisti. Lo scarto resta ancora notevole ma non è stato semplice superare lo scoglio del cambio di mentalità.

Dal canto suo il Comune, con l’assessorato al Piano strategico, sta puntando su una mobilità smart che unisca sostenibilità e nuove tecnologie nell’intera area lagunare coinvolgendo il mondo della ricerca pubblica universitaria. È il caso del progetto “Elettrosmart boat” coordinato da Corila (Consorzio per la attività di ricerca della Laguna di Venezia), che ha superato la prima tappa di selezione a un bando del Miur per le Smart city. “Prevede la sperimentazione e la realizzazione su tutta la Laguna di flotte prototipo e stazioni di ricarica per barche a motore elettrico di dimensioni e usi diversi, privati e non, e un servizio di boat sharing con venti imbarcazioni utilizzabili come le bici da punto a punto – racconta il direttore del consorzio Pierpaolo Campostrini – Le flotte saranno equipaggiate con sensori ambientali sviluppati dal Cnr per monitorare la qualità dell’aria, dell’acqua, il risparmio di CO2”. Se il progetto sarò approvato, la sperimentazione potrebbe partire già dall’estate.

Intanto in questi giorni al Salone Nautico di Venezia (fino al 14 aprile a Mestre, nell’area del Parco San Giuliano), è stata presentata da Hydrogen Park e Veneto Innovazione Accadue, prototipo di vaporetto a celle a combustibile a idrogeno realizzato da Venezia Tecnologie spa, grazie ad un progetto finanziato da Regione Veneto e ministero dell’Ambiente. Mentre oggi pomeriggio, 12 aprile, un convegno farà il punto sulla mobilità ecosostenibile acquea attraverso l’uso di imbarcazioni elettriche o a idrogeno.

Ma, ironia della sorte, nella ecodomenica il fermo delle imbarcazioni non ecologiche non si estenderà al Canale della Giudecca sul quale il Comune non ha giurisdizione. Le grandi navi da crociera perciò potranno transitare davanti a San Marco per raggiungere il porto dopo il cosiddetto “inchino”. Un fenomeno, questo dell’ingresso in laguna di navi imponenti, che ha suscitato proteste tra i cittadini e la dura presa di posizione del Comitato No Grandi Navi (che per contrastare questa prassi ha indetto una manifestazione per l’8 e 9 giugno) e della sezione locale di Italia Nostra.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende