Home » Eventi »Idee » Stop the Fever – la cura sei tu!:

Stop the Fever – la cura sei tu!

marzo 22, 2010 Eventi, Idee

StopTheFever, Courtesy of LegambienteStop the Fever – Effetto Serra: la cura sei tu” è la nuova campagna di Legambiente per combattere le emissioni di CO2 in atmosfera. E già molti volti noti della radio, del cinema e della tv hanno “ci hanno messo la faccia” per sostenerla: da Linus a Sergio Muniz, Stefano Accorsi, Maurizio Costanzo, Paolo Migone, Dino Meneghin e Piero Chiambretti, per citarne alcuni, oltre alle emittenti Radio Deejay e AllMusic.

Piccoli gesti quotidiani per un grande risparmio di anidride carbonica: la rivoluzione del clima inizia nelle nostre case. Da quelle micro azioni a cui non diamo peso – e che invece, sull’inquinamento atmosferico, un peso ce l’hanno, eccome.

L’obiettivo è ambizioso e l’impegno è minimo: ridurre in 10 anni i consumi del 20% e aumentare le fonti rinnovabili di un altrettanto 20% (diminuendo i gas serra di quel 20% che permetterebbe al sistema Mondo di attenuare il surriscaldamento globale). Come? Attraverso azioni concrete di ciascuno di noi, chiamato a riorganizzare la propria giornata secondo scelte di consumo consapevole, mobilità sostenibile, abbattimento degli sprechi.

Detto in parole povere: bicicletta, bus o metro, lampadina a basso voltaggio, risparmio dell’acqua, tanto per iniziare. Oggetti e pratiche “green” che non cambiano la qualità della nostra vita. E che, moltiplicate negli anni e per i milioni di cittadini, possono sortire effetti importanti sulla graduale “purificazione” del nostro ambiente. L’effetto domino si sente, anzi si respira.

Con la campagna “Stop the fever”, Legambiente si fa portatrice di un programma preciso e semplice di sensibilizzazione. Prima di tutto diffondendo dati: i numeri del risparmio, tradotti in chili di CO2, che non vanno a finire nell’atmosfera, se noi non sprechiamo. Poi scandendo la giornata nelle sue parti: a ogni ora c’è un momento giusto per fare “scendere la febbre del Pianeta”.

Prendiamo, ad esempio, il Signor Mario Rossi, dice Legambiente. Si alza, entra in doccia e già si trova di fronte al primo bivio della giornata: in vasca da bagno consumerebbe tra i 150 e i 200 litri d’acqua, sotto il getto del box doccia tra i 25 e i 50. Un bel risparmio, che in un anno ci frutta 20 kg in meno di CO2 nell’aria. Non parliamo poi dei rubinetti che perdono: una goccia ogni 5 secondi fa sprecare in un anno 2 mila litri di H2O.

Continuando con la fiction del signor Mario Rossi, alle prese con il risparmio energetico e una conduzione di vita più “ecosostenibile”, è il momento della colazione. Riciclare 3 vasetti o bottiglie di vetro non è una mania da massaia ossessiva: meno 11 kg di CO2. Mentre il picco più alto del risparmio, non solo in termini di anidride carbonica, ma soprattutto di costi, si ha con i trasporti (nel 2005 responsabili di emissioni per il 30,5% in Italia): con 10 km di bicicletta a settimana meno 90 kg di CO2 e 42 euro di carburante, in un mese 164 euro, 0,13 kg di CO2 ogni km. Usare in ufficio i fogli riciclati rende 13,13 kg di CO2 e 6 kg di carta in meno (e sappiamo quanto gli alberi sono importanti per l’ecosistema ambiente). Anche bere acqua dal rubinetto contribuisce alla causa: risparmio di 24 kg di CO2 l’anno e 11 kg di bottiglie di plastica.

Illuminazione responsabile anche a casa. In cucina e nelle stanze da letto Mario ha diversificato le intensità:  a seconda degli ambienti e del loro uso, se basta una potenza più bassa, è bene scegliere una luce diretta da 15 W per metro quadrato (in camera e in salotto), da 30 W per le stanze che richiedono luce più intensa (le lampadine di casa di Mario sono tutte di classe A). Il nostro protagonista modello è parsimonioso anche nelle piccole cose: non tiene le lampade inutilmente e quando si allontana da una stanza spegne la luce. Quando va a dormire disattiva tutti gli standby degli apparecchi elettronici: risparmia 80 kg di CO2 in un anno e circa 33 euro.

Gli accorgimenti però non sono solo domestici. Facendo attenzione alla corretta pressione dei pneumatici, il risparmio è di 140 kg di CO2. Riutilizzare una borsa della spesa (in tessuto o anche in plastica) priva l’ambiente di 8 kg di inquinante CO2. Riciclando 35.100 tonnellate di imballaggi si evita l’emissione di 343 mila tonnellate di CO2.

Sarà anche una goccia ciò che ognuno di noi può fare. Ma si sa che la goccia che cade crea cerchi concentrici in tutto il lago o, come dicevano i latini, gutta cavat lapidem, la goccia scava la roccia. In America le chiamano comunità intelligenti (“smart grid communities”) quelle realtà che fanno sistema per utilizzare larghe fonti alternative di sviluppo energetico. Alla Germania, che certo non è un paese tra i più assolati d’Europa, va per paradosso la medaglia d’oro della produzione dell’energia solare. In Italia la sensibilità al tema è invece ancora poco sviluppata, e le risposte di governi e privati sono lente a talvolta timide.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende