Home » Eventi »Idee »Rassegna Stampa » Tecniche antiche per dare lunga vita ai vigneti:

Tecniche antiche per dare lunga vita ai vigneti

marzo 16, 2010 Eventi, Idee, Rassegna Stampa

Praparatori d'uva, Courtesy of Simonitesirch.itPer frenare il deperimento precoce dei vigneti italiani e tutelare la biodiversità, agronomi e vivaisti tornano a guardare al passato, in particolare all’antico approccio della potatura soffice.

E’ quanto emerso dal convegno sul deperimento dei vigneti italiani, tenutosi nei giorni scorsi a Erbusco (Bs), che ha coinvolto più di 170 partecipanti tra produttori, enologi, ed agronomi.  Il presidente delle cantine Bellavista, Vittorio Moretti, ha sottolineato l’estrema importanza di un tema che ai più potrà sembrare bizzarro, ma che è “sentito da tutto il territorio per i gravi danni che provoca; un tema attuale da affrontare con spirito di collaborazione e in tempi veloci”. Il mal dell’esca, sostiene infatti Laura Mugnai, Professore Associato di Patologia Vegetale alla Facoltà di Agraria dell’Università di Firenze, “é un problema di natura mondiale. Questa patologia porta a una mortalità annua delle vigne di circa il 2%, con un conseguente decremento della qualità del prodotto poiché anche i grappoli che sembrano sani, ma provengono da una pianta malata, hanno caratteristiche qualitative inferiori a quelli normali. Purtroppo queste sono malattie che si stanno presentando ultimamente anche in vigneti molto giovani. Ma la ricerca sta dando, in tema, risultati incoraggianti”.

Al centro dell’incontro in Franciacorta, l’esperienza di Marco Simonit, agronomo friulano - titolare, insieme a Pierpaolo Sirch, dei Preparatori d’Uva - che da oltre 20 anni ha recuperato l’antico approccio alla potatura soffice, fatto di piccoli interventi mirati, pianta per pianta “senza l’ansia di uno sfruttamento immediato, ma con la lungimiranza di preservare la salute e lo sviluppo equilibrato e lento della vigna”, come si legge nel sito internet dei “Preparatori”.

Il metodo consiste nel potare, sempre sul legno giovane, con un approccio lento e mirato. Il primo immediato vantaggio consiste nel prevenire le malattie del legno – che come una pandemia stanno compromettendo i vigneti – applicando alla vite i criteri della medicina preventiva, che le consentono di crescere e invecchiare bene riducendo anche i costi di gestione. Viene inoltre recuperata una filosofia di gestione del vigneto, in parte abbandonata, che dava valore alle viti vecchie accrescendo la qualità delle rese. E viene infine recuperato un antico mestiere che si sta perdendo, quello del potatore, sostituito oggi da manodopera spesso occasionale e improvvisata, costituita da persone prive di un’esperienza specifica, o da processi meccanizzati che assecondano le esigenze della produzione intensiva. 

Un ritorno al passato, quello dei “Preaparatori d’Uva”, auspicato anche, nel convegno di Erbusco, da Attilio Scienza, Ordinario di Viticoltura all’Università di Milano, che ha ricordato come “Il mal dell’esca e i disseccamenti sono malattie antiche, ma si sono manifestate in modo virulento negli ultimi anni. Gli intensi tagli di potatura, per dare alla vite una forma da allevamento di dimensioni ridotte, spesso non riescono a cicatrizzare. E molti disseccamenti hanno questa origine e provocano una notevole riduzione di efficacia nel trasporto delle linfa compromettendo la durata del vigneto. Perciò la vite esige una tecnica di potatura che tenga conto di queste caratteristiche anatomiche e strutturali“.

In Bellavista, sottolinea  il direttore e enologo Mattia Vezzola, “abbiamo realizzato negli anni un percorso che ha richiesto un investimento importante e abbiamo riscoperto un approccio alla potatura antico e specifico, tale da consentire alle piante di crescere e invecchiare bene più di 40 anni“, il doppio della normale durata.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende