Home » Eventi »Recensioni » The Fruit Hunters inaugura CinemAmbiente 2013:

The Fruit Hunters inaugura CinemAmbiente 2013

giugno 1, 2013 Eventi, Recensioni

Questa è la sua sedicesima edizione. Il Festival CinemAmbiente – inaugurato ieri sera e in programma fino al 5 giugno – è ormai diventato un appuntamento importante a livello nazionale e non solo, come hanno ricordato ieri sera nella sala 1 del cinema Massimo Gaetano Capizzi, direttore del Festival, e Enzo Lavolta, assessore all’Innovazione e Ambiente del Comune di Torino. “Torino ha visto una trasformazione fisica che ha accompagnato anche una trasformazione culturale – sottolinea Lavolta – voglio ringraziare CinemAmbiente perché ha impreziosito la città con il suo contributo in questi anni”. Nonostante i timori di non riuscire a mantenere la manifestazione per via della difficile situazione generale, Roberto Ronco, assessore Ambiente della Provincia di Torino, ha dichiarato che “essere presente qui stasera mi rallegra perché, nella selezione delle attività che abbiamo deciso di continuare a sostenere, c’è CinemAmbiente, che ci aiuta a riflettere su tematiche vitali”.

La serata inaugurale ha visto due eventi speciali. Dopo il breve discorso di apertura di Ugo Nespolo, presidente del Museo Nazionale del Cinema, è stato proiettato il corto Casa Oz: Anteprima, un breve documentario per la regia di Alessandro Avataneo che racconta l’attività di questa associazione torinese al servizio delle famiglie di bambini malati. Una carrellata intensa su alcune delle persone che abitano o frequentano la Casa, da cui emerge una quotidianità fatta non solo di difficoltà e malattia, ma anche di collaborazione, condivisione e di legami familiari allargati.

A seguire, l’altro evento speciale della serata, ovvero la presentazione in anteprima italiana del film The Fruit Hunters, di Yung Chang, presente in sala insieme a due dei protagonisti Bill Pullman e Isabella Dalla Ragione. Il documentario è stato ispirato dal libro The Fruit Hunters: A Story of Nature, Adventure, Commerce and Obsession scritto da Adam Leith Gollner, amico del regista. Lo spettatore segue il viaggio di Yung Chang nel mondo dei cacciatori di frutta, ovvero quegli appassionati di frutti rari e perduti disposti a viaggiare in tutto il mondo pur di recuperarli e tentare di conservarne la produzione. Un inno alla biodiversità che spiega attraverso la passione delle persone intervistate quanto e perché sia importante mantenere una tale varietà di frutti e sapori.  Impariamo così a conoscere il mango bianco di Bali o il raro kura-kura durian del Borneo, scopriamo che esistono dei fichi italiani ormai quasi scomparsi ma rintracciabili nei dipinti del Rinascimento, osserviamo i banchi del Mango Festival di Miami in Florida organizzato dalla Rare Fruit Council International, capiamo quali sono le regole  del commercio delle banane in Honduras, incontriamo persino Bill Pullman, volto noto del cinema che ci sorprende con il suo sogno di realizzare un frutteto nella collina di Hollywood.

Yung Chang riesce a trasmettere lo stesso entusiasmo dei cacciatori grazie all’uso di una fotografia eccellente e con riprese talmente innamorate dei frutti da farci quasi sentire profumi e sapori. “Durante la lettura del libro ciò che mi ha interessato ancora di più delle informazioni sui frutti sono state le persone – dice Yung Chang – scoprire le loro vita, come si sono legate a questa passione. Nel mio documentario ho voluto raccontare proprio questo aspetto, posso affermare che per me è stato un percorso di formazione importante”.

Garbo, umorismo e un punto di vista a volte inaspettato rendono la pellicola gradevole e leggera, pur senza privarla di contenuto. Come ha affermato Isabella Dalla Ragione – altra protagonista insieme a Pullman, archeologa arborea che indaga i dipinti rinascimentali in cerca di indizi per poter ritrovare i frutti perduti – “questo film dimostra come l’amore e la cultura della terra parlino un unico linguaggio. Io, per esempio, ho lavorato in Vietnam e, nonostante le barriere linguistiche, mi sono intesa perfettamente con i contadini. Il nostro era un codice condiviso”.  Bill Pullmann, che nel film compare nella sua veste più privata, insieme ai suoi amici, nell’orto di casa, ha creduto in questo documentario perché condivide l’importanza di costruire un mondo sano per le generazioni future. “Sono contento di presentare il film proprio qui a Torino perché, con  questo Festival e non solo, ha dimostrato di saper andare oltre la propria natura di città industriale e di seguire una visione ambientalista, di saper riscoprire le necessità della Terra”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende