Home » Eventi »Recensioni » The Fruit Hunters inaugura CinemAmbiente 2013:

The Fruit Hunters inaugura CinemAmbiente 2013

giugno 1, 2013 Eventi, Recensioni

Questa è la sua sedicesima edizione. Il Festival CinemAmbiente – inaugurato ieri sera e in programma fino al 5 giugno – è ormai diventato un appuntamento importante a livello nazionale e non solo, come hanno ricordato ieri sera nella sala 1 del cinema Massimo Gaetano Capizzi, direttore del Festival, e Enzo Lavolta, assessore all’Innovazione e Ambiente del Comune di Torino. “Torino ha visto una trasformazione fisica che ha accompagnato anche una trasformazione culturale – sottolinea Lavolta – voglio ringraziare CinemAmbiente perché ha impreziosito la città con il suo contributo in questi anni”. Nonostante i timori di non riuscire a mantenere la manifestazione per via della difficile situazione generale, Roberto Ronco, assessore Ambiente della Provincia di Torino, ha dichiarato che “essere presente qui stasera mi rallegra perché, nella selezione delle attività che abbiamo deciso di continuare a sostenere, c’è CinemAmbiente, che ci aiuta a riflettere su tematiche vitali”.

La serata inaugurale ha visto due eventi speciali. Dopo il breve discorso di apertura di Ugo Nespolo, presidente del Museo Nazionale del Cinema, è stato proiettato il corto Casa Oz: Anteprima, un breve documentario per la regia di Alessandro Avataneo che racconta l’attività di questa associazione torinese al servizio delle famiglie di bambini malati. Una carrellata intensa su alcune delle persone che abitano o frequentano la Casa, da cui emerge una quotidianità fatta non solo di difficoltà e malattia, ma anche di collaborazione, condivisione e di legami familiari allargati.

A seguire, l’altro evento speciale della serata, ovvero la presentazione in anteprima italiana del film The Fruit Hunters, di Yung Chang, presente in sala insieme a due dei protagonisti Bill Pullman e Isabella Dalla Ragione. Il documentario è stato ispirato dal libro The Fruit Hunters: A Story of Nature, Adventure, Commerce and Obsession scritto da Adam Leith Gollner, amico del regista. Lo spettatore segue il viaggio di Yung Chang nel mondo dei cacciatori di frutta, ovvero quegli appassionati di frutti rari e perduti disposti a viaggiare in tutto il mondo pur di recuperarli e tentare di conservarne la produzione. Un inno alla biodiversità che spiega attraverso la passione delle persone intervistate quanto e perché sia importante mantenere una tale varietà di frutti e sapori.  Impariamo così a conoscere il mango bianco di Bali o il raro kura-kura durian del Borneo, scopriamo che esistono dei fichi italiani ormai quasi scomparsi ma rintracciabili nei dipinti del Rinascimento, osserviamo i banchi del Mango Festival di Miami in Florida organizzato dalla Rare Fruit Council International, capiamo quali sono le regole  del commercio delle banane in Honduras, incontriamo persino Bill Pullman, volto noto del cinema che ci sorprende con il suo sogno di realizzare un frutteto nella collina di Hollywood.

Yung Chang riesce a trasmettere lo stesso entusiasmo dei cacciatori grazie all’uso di una fotografia eccellente e con riprese talmente innamorate dei frutti da farci quasi sentire profumi e sapori. “Durante la lettura del libro ciò che mi ha interessato ancora di più delle informazioni sui frutti sono state le persone – dice Yung Chang – scoprire le loro vita, come si sono legate a questa passione. Nel mio documentario ho voluto raccontare proprio questo aspetto, posso affermare che per me è stato un percorso di formazione importante”.

Garbo, umorismo e un punto di vista a volte inaspettato rendono la pellicola gradevole e leggera, pur senza privarla di contenuto. Come ha affermato Isabella Dalla Ragione – altra protagonista insieme a Pullman, archeologa arborea che indaga i dipinti rinascimentali in cerca di indizi per poter ritrovare i frutti perduti – “questo film dimostra come l’amore e la cultura della terra parlino un unico linguaggio. Io, per esempio, ho lavorato in Vietnam e, nonostante le barriere linguistiche, mi sono intesa perfettamente con i contadini. Il nostro era un codice condiviso”.  Bill Pullmann, che nel film compare nella sua veste più privata, insieme ai suoi amici, nell’orto di casa, ha creduto in questo documentario perché condivide l’importanza di costruire un mondo sano per le generazioni future. “Sono contento di presentare il film proprio qui a Torino perché, con  questo Festival e non solo, ha dimostrato di saper andare oltre la propria natura di città industriale e di seguire una visione ambientalista, di saper riscoprire le necessità della Terra”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende