Home » Eventi »Idee »Rubriche »Top Contributors » “The good, the bad and the ugly of artisanal wines”. L’intervento di Costantino Charrère a Vinitaly 2015:

“The good, the bad and the ugly of artisanal wines”. L’intervento di Costantino Charrère a Vinitaly 2015 Top Contributors

marzo 26, 2015 Eventi, Idee, Rubriche, Top Contributors

In chiusura della 49° edizione di Vinitaly, Salone Internazionale del Vino e dei Distillati di Verona, pubblichiamo un estratto dell’intervento di Costantino Charrère – proprietario dell’azienda vitivinicola Les Cretes di Aymavilles - all’incontro internazionale “The good, the bad and the ugly of artisanal wines“, organizzato da Vinitaly International Academy per fare chiarezza sull’uso e l’abuso dei termini “biologico, biodinamico, artigianale, naturale” nel mondo del vino, che crea grande confusione nel pubblico dei consumatori. Il testo di Charrère, che ha ricoperto anche il ruolo di presidente FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti), si inserisce idealmente nel dibattito avviato da Greenews.info, a partire dal 2012, sul tema #bioedintorni.

ll dizionario ltaliano definisce artigiano colui che realizza individualmente un’attività per la produzione di beni da destinare al consumo, esercitata con lavoro manuale prevalentemente proprio, non seriale. Definisce industriale colui che dirige e organizza un’attività di produzione di beni in serie, realizzata non individualmente, ed esercitata con il lavoro esclusivo di dipendenti al suo servizio. Sarebbe quindi l’esercizio della manualità del soggetto che lavora e produce, a determinare l’artigianalità o meno della fattura del prodotto.

Un vino artigianale, si può quindi ritenere tale, quando è realizzato dal lavoro di un vignaiolo, nell’esercizio della propria attività produttiva, e prevalentemente con la propria manualità. Pare logico poter sostenere che è proprio l’intervento diretto dell’artigiano del vino nel processo produttivo, a determinare la definizione etimologica di vino artigianale: un vino prodotto da un artigiano che si chiama vignaiolo. Ancor più manifesta è questa caratteristica produttiva, quando è esercitata da un vignaiolo che attua il completo ciclo di lavorazione del prodotto, dalla produzione dell’uva in vigna, fino all’imbottigliamento e all’immissione sul mercato del vino da essa prodotto.

Un vino realizzato in questo “percorso produttivo” determinato dal concetto di ‘terroir“, proprio perché prodotto nel rispetto della cultura del territorio, può essere senza esitazione definito artigianale, in quanto ricco di valori tradizionali e ancestrali e territoriali tramandati nel tempo. Questa artigianalità che rispetta, sviluppa e divulga la cultura dei vitigni autoctoni, componente spontanea dei vari territori produttivi, che riconsidera il vino come alimento, si sta lentamente perdendo, ed è sostituita da una produzione vitivinicola industriale senza identità, che rispecchia il gusto internazionale, con vini perfetti ma senza anima, privi di “terroir”, perché possono essere fatti ovunque, perché tutti identici e omologati.

Quando si parla di valore culturale del vino, non si deve prescindere dal suo territorio produttivo, inteso anche nella sua storica, dimensione catastale. E pare proprio che questo forte valore identitario, sia oggi messo in dubbio dalle regole produttive agro- alimentari Europee delle DOP/IGP. Regole che valorizzano la tutela del processo di trasformazione, dimenticando sovente l’origine della materia prima. ll valore culturale del vino, è oggi messo in discussione da una Commissione che sostiene la necessità di cancellare il sistema dei diritti di impianto, che certifica l’origine delle uve prodotte nei catasti vocazionali storici, sistema creato dalla cultura contadina da tempi immemorabili.

L’Europa della crisi economica, definisce quindi nuove regole di produzione rivolte alla concorrenza e al mercato che irrimediabilmente, favoriranno anche per il vino, fenomeni di delocalizzazione produttiva, tristemente noti e deleteri, già in altri settori produttivi. Questa Europa ha appena partorito un modello “bio commerciale”, frutto di un compromesso Nord/Sud sull’uso della solforosa, permissivo di pratiche enologiche eccessivamente invasive e non rispettose della materia prima. Un insieme di regole che accontentano tutti ma che hanno livellato e omologato in basso quello che doveva essere il reale valore aggiunto del biologico. A tal punto che un produttore “convenzionale”, applicando nel suo lavoro accorte regole produttive, è in grado di produrre oggi un vino, con livelli di solforosa decisamente inferiori rispetto a quelli consentiti dal protocollo “Bio UE”, già in applicazione per la vendemmia 2012.

Queste considerazioni ci permettono di affermare che il vino, nel modello di sviluppo contemporaneo sta perdendo buona parte della sua identità culturale, fino a ieri garantita dallo storico sistema dei VQPRD, e che dal 2002 è stata sacrificata sull’altare della OCM unica, paladina della concorrenza e del mercato. Per quanto riguarda le produzioni agro-alimentari europee, il vino rimane nonostante tutto, l’alimento più sicuro per il consumatore. Questo si realizza grazie alla scienza e alla ricerca applicate in tutto il processo produttivo, dal vigneto alla trasformazione, fino all’imbottigliamento: la sensibilità del vignaiolo alle tematiche ambientali è aumentata, l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare svolge autorevolmente il ruolo che le compete e il sistema dei controlli funziona. ll consumatore attento, oggi co-produttore, è sempre più consapevole del valore della terra e della cultura del territorio ed è già un forte alleato del vignaiolo, artigiano del vino. E’ nostro compito avere la capacità di coinvolgerlo direttamente, sempre di più per frenare e invertire questa deriva, e garantire un futuro anche occupazionale per i Nostri figli.

Costantino Charrère

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende