Home » Eventi »Idee » Think global, dance local!:

Think global, dance local!

ottobre 11, 2009 Eventi, Idee


dancefloorThink global dance local!

E’ il grido di chi vuole smetterla di demonizzare la night life e dire - a tutti quelli che pensano che ballare e divertirsi sia solo uno spreco di energie e risorse - che un altro modo di fare festa è possibile…e, soprattutto, eco-compatibile.

EVA (acronimo di ElectroVideoAmbiente), il progetto con cui Associazione Culturale Situazione Xplosiva esplora le connessioni tra musica elettronica, elettroacustica e rispetto dell’ambiente è un esempio concreto di questa nuova tendenza. Dalla sua costituzione, dieci anni fa, Associazione Xplosiva, regina del nightclubbing torinese, nazionale ed ormai europeo (con l’ormai consolidato appuntamento novembrino del Festival Internazionale di Musiche e Arti Elettroniche Club To Club), ha sempre mostrato, oltre ad un’attenzione speciale ai nuovi stili musicali, la volontà di trovare sinergie con le arti visive, le arti performative, il cinema e la sostenibilità. Con EVA, da maggio 2008, questo impegno si è concretizzato in una serie di iniziative a “zero emissioni” che hanno accompagnato il calendario degli eventi dell’associazione: dal buono per un aperitivo con vino biologico regalato a chi arriva in bicicletta o si presenta con un kg di carta da riciclare, alla possibilità di usufruire gratuitamente di cuffie e stuoie mentre si ascoltano dj e gruppi la cui musica è alimentata da energia a idrogeno (ElectroPowerSystems) o da energia solare fotovoltaica (laboratorio Hysylab di Environment Park).

Recentemente, in occasione della manifestazione “Uniamo le energie”, Xplosiva ha ospitato presso il suo stand una delle più rivoluzionarie proposte di eco-sostenibilità in ambito di nightclubbing: il sustainable dancefloor, letteralmente “pista da ballo sostenibile”, progettato e realizzato da Michel Smit (Sustainable Dance Club), Stef van Dongen (Enviu) e J.J. H. Paulides dell’Università di Eindhoven.

Abbiamo incontrato Alessandro Maioglio, uno dei fondatori dell’Associazione Xplosiva, in occasione di uno degli aperitivi sostenibili, organizzati per permettere al grande pubblico di toccare con mano (o meglio: con i piedi) le virtù di questo innovativo gioiello dell’eco-fun:

D) Come è nato il progetto EVA?

R) Eva nasce dall’intenzione di creare un format che avvicini la musica elettronica all’ambiente in vari modi. Nonostante l’apparente ossimoro, la musica elettronica è pur sempre arte e come ogni altra arte si interroga sulla questione ambientale. Sono molti i musicisti e sound designer che cercano di dare il loro contributo al problema, sia affrontando il tema nei loro brani, sia lavorando soprattutto sull’inquinamento sonoro degli spazi urbani, creando, attraverso opere di sound design, atmosfere meno caotiche e quindi meno stressanti e più vivibili. EVA si pone come obiettivo quello di raccogliere e dare spazio a questi contributi. C’è poi una questione più tecnologica e culturale: l’intrattenimento musicale inquina. E’ possibile ridimensionarne l’impatto ambientale? Da questo interrogativo sono nate le collaborazioni con SDC, con PLAY ON PLAID e con L’ENVIRONMENT PARK, lavorando su progetti che riducono il consumo energetico di tutto ciò che serve in una serata, dalla consolle all’impianto, dalle luci alle immagini.

D) In cosa consiste l’impatto di una discoteca, un evento o un festival sull’ambiente circostante in termini di inquinamento?

R) Non esistono dati precisi in merito, anche perché le percentuali variano da club a club, così come da evento a evento. Dipende ovviamente dalla dimensione del club e dalla sua dislocazione nella topografia cittadina. Se, ad esempio, si trova in zone periferiche molte più persone prenderanno l’auto per raggiungerlo, di conseguenza si avrà maggiore produzione di CO2. La quantità di gente è un fattore importante, perchè influisce sia sui consumi che sull’assorbimento del suono.

3) Recentemente molti festival musicali si sono svolti nel rispetto dell’ambiente che li ha ospitati adottando misure e accorgimenti per evitare inquinamento e sprechi. Basti pensare alle migliaia di bicchieri di plastica, ai rifiuti organici, all’acqua potabile utilizzata. In che direzione si stanno muovendo i gestori dei locali notturni?

R) La situazione nazionale è abbastanza fuori controllo. All’estero si usano piccoli accorgimenti che quantomeno riducono i consumi e facilitano la differenziazione dei rifiuti, come la cauzione sul vetro che si versa in Germania, restituita alla consegna del vuoto. Il Watt [il primo club che ha adottato la filosofia del People Party Power e che produce energia utilizzando quella prodotta dai ballerini in pista, N.d.R] comunque rimane una mosca bianca nel panorama mondiale.

D) Progetti futuri di EVA?

R) Per il momento tutte le nostre energie sono concentrate sull’evento internazionale Club to Club, che si svolgerà tra Torino e Bruxelles dal 5 al 7 novembre. Di altri progetti se ne riparlerà terminato questo tour de force!

Party, ecologia e tutela della quiete possono dunque convivere? Mentre intervistavamo Maioglio, sulla pista di Torino Esposizioni saltellavano, come grilli silenziosi in una scena surreale, gruppi di giovani, ma anche mamme con i loro bambini – tutti rigorosamente dotati di cuffie wireless, per non disturbare i vicini impegnati in altre attività. Risultato: loro si sono divertiti a ballare, producendo con il calpestio l’energia necessaria ad alimentare il gioco di luci della piattaforma e l’impianto sonoro, noi abbiamo potuto conversare amabilmente senza urlarci nelle orecchie e improvvisarci mimi.

Elena Marcon

sustainable-01-01

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende