Home » Eventi »Idee » ToBEeco 2011: i vincitori e la selezione di Greenews.info:

ToBEeco 2011: i vincitori e la selezione di Greenews.info

marzo 7, 2011 Eventi, Idee

I vincitori di toBEeco 2011, Courtesy of Alex BertoRicrea, Riluci, Alicucio, Made in Langagià dai nomi di alcuni dei partecipanti all’edizione 2011 di toBEeco  erano evidenti le mission intorno alle quali si sarebbero sviluppati i principali progetti: recupero della materiarecupero dell’artiginalità, recupero del legame territoriale. Tre assi programmatici che rispecchiano le più interessanti tendenze contemporanee dell’ecodesign e che hanno trovato un’espressione di ottimo livello nella seconda edizione del concorso, lanciato nel 2010 dalla fiera Expocasa di Torino.   

Sarà stata la differente provenienza geografica dei 30 designers partecipanti, o la crescente notorietà di questo piccolo (ma curioso) concorso: fatto sta che più di qualcuno dei 52.000 visitatori (in particolare dei visitatori fuori-regione), la fiera di quest’anno li deve anche all’oasi verde del Padiglione 2 che, a partire dall’allestimento in greenpallet e tubi inncoenti, si è dimostrata qualitativamente superiore, più curata e più attrattiva, anche nei confronti di un pubblico che risiede al di là delle “colonne d’Ercole” del Monferrato.

Dopo 10 giorni di passione (nel senso biblico), in cui i giovani designers – ottimi promotori di sè stessi - si sono impegnati a raccontarsi, a fare networking, ma soprattutto a vendere, si è giunti, sabato, all’attesa premiazione dei tre vincitori che, a detta della giuria, hanno saputo meglio interpretare il tema della cucina e le 3 ECO del concorso.

Per l’ECOnomia del processo è stato premiato Paluc, un progetto a marchio Madeinlanga di Officine Catena (Cesare Catena e Luca Toppino) che riutilizza pali da vigna per creare lampade o preziosi portabottiglie. Per l’ECOlogia di processo, ovvero il riuso del materiale, si è distinta invece Giravotaefirrìa di Alicucio (Arcangelo Favata e Maria Elena Gemmellaro), un’espressione siciliana impronunciabile che nasconde, nel nome, il concept di una seduta polifunzionale da cui, ribaltando lo schienale, si ottiene un tavolino con annesso cassetto. Per l’ECOmulti-funzionalità di prodotto e l’innovazione tecnologica il riconoscimento è andato invece a Atelier Studio (Federica Rastelli Architetto), che ha presentato Bin-Bag, una borsa realizzata al 100% in tessuto ottenuto da materiale riciclato (servono 6 bottiglie di PET per una borsa) e riciclabile; divisa in scomparti per dividere la spesa – con lista promemoria incorporata – dopo aver consumato i prodotti la sporta si adatta perfettamente al trasporto di rifiuti differenziati (carta, plastica, pile etc).

Bravi! Li avremmo scelti anche noi. Ma insieme ad almeno altri tre progetti che, come di consueto, la nostra redazione ha individuato come co-vincitori morali – al pari degli altri seppur, ahimé, senza i 500 euro dell’assegno in tasca.

Partiamo da Push the Bottom, una simpatica e colorata invenzione per trasformare la raccolta differenziata in un gioco salva-spazio e salva-fatica. Push the Bottom è infatti una seduta, disegnata da Riccardo Vicentini per Ardes Progetti, che consente di alzare un mantice a soffietto, inserire il rifiuto desiderato (bottiglie di plastica, lattine o tetrapak), posarvi comodamente sopra il proprio peso e raccogliere poi, nel cassetto corrispondente, quanto schiacciato e ridotto a un volume più facilmente trasportabile nella raccolta differenziata. Il cuscino e il mantice sono  in gomma riciclata proveniente da pneumatici esausti rigenerati, mentre la struttura centrale e i contenitori sono realizzati in ABS riciclato. Buon divertimento!

il team di Ricrea, di Cristina Merlo, ha esposto invece diversi prodotti di design accomunati dal riutilizzo di materiali di scarto delle lavorazioni industriali. Nella serie Ludika, ad esempio, si possono trovare delle bellissime sedute realizzate con il materiale idrorepellente e ignifugo usato per i gommoni, oppure con gli interminabili rotoli di lattice in cui vengono tagliate le forme delle suole per le scarpe. Bisogna farci un attimo l’occhio, ma guardando da vicino si scopre la genialità della trovata. Botanika è, al contrario, la serie che vede i Sakkorto in TNT di varia derivazione tagliati come morbidi “vasi” portafiori e piante, adatti agli interni o agli esterni. Ogni sakko viene venduto con una miscela equilibrata di terriccio, torba, terra di lombrico e feltro tritato (studiato per questo tipo di coltura), da sistemare sul fondo delle sacche come umettante che eviti i ristagni d’acqua.      

Dulcis in fundo Mösign Studio, il nostro conflitto d’interessi preferito. Un rapporto professionale e d’amicizia nato un anno fa, proprio a seguito della prima edizione di toBEeco, alla quale dobbiamo la scoperta di due creativi come Gilberto Pescatore e Diego Marinelli, che anche quest’anno sono stati capaci di stupire con una nuova serie di prodotti, sul tema della cucina, frutto di una felice armonia tra semplicità, genialità e estetica. I Gomma-frutta sono copertoni recuperati da auto e motociclette, tagliati, sterilizzati al vapore e vernicicati internamente con una pittura all’acqua siliconata che ne mantiene la flessibilità pur reggendo la frutta in esposizione. Stappa-sicura sono invece apribottiglie da birra derivati dalle cinture di sicurezza (tema caro a Mösign, per chi ricordi Tura), mentre il sottopentola Leonardo è un tributo al grande maestro Da Vinci, inventore della catena a trazione che, recuperata dalle biciclette in disuso e intervallata da tasselli di legno per non graffiare il piano cottura, diventa un eccentrico quanto ecologico sottopentola.

Vedere per credere. Il prossimo appuntamento è per il 3 marzo 2012!

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende