Home » Eventi »Idee »Smart City » Torino si ispira a Calvino per rendere la città visibile (e vivibile):

Torino si ispira a Calvino per rendere la città visibile (e vivibile)

maggio 8, 2012 Eventi, Idee, Smart City

“Forse ci stiamo avvicinando a un momento di crisi della vita urbana, e Le città invisibili sono un sogno che nasce dal cuore delle città invivibili. […] La crisi della città troppo grande è l’altra faccia della crisi della natura”. Così scriveva Italo Calvino introducendo il suo viaggio visionario nelle città impossibili. Era il 1972, ma, si sa, Calvino è stato un anticipatore su molti fronti.

Non stupisce dunque che il primo Smart City Festival - ideato dalla Città di Torino e dalla Fondazione Torino Smart City con il sostegno di Iren Energia e Compagnia di San Paolo - si ispiri, sin dal titolo, alle celebri città calviniane. Presentato ieri mattina al Circolo dei Lettori, “Le città visibili” raccoglie all’interno di un ampio cartellone-contenitore, dal 23 maggio al 5 giugno, più di trenta iniziative, alcune già rodate e conosciute, altre nuove di zecca. Convegni, workshop, seminari, green economy, agricoltura urbana, tecnologia, arte, cinema, spettacoli, incontri B2B, fiere, mercatini, notti bianche, parate in bicicletta: un ventaglio eterogeneo di eventi, tutti accomunati dall’ambizione di proporre una visione rivoluzionaria e insieme concreta della città futura, la visione della “città che vorremmo, meno sprecona e più tecnologica, più pulita e verde”, creativa, innovativa, interconnessa, ecosostenibile e solidale.

«Vogliamo raccontare la dimensione nuova della nostra città all’interno del panorama europeo – ha dichiarato Enzo Lavolta, assessore all’Innovazione, Sviluppo e Sostenibilità Ambientale di Torino e presidente della Fondazione Torino Smart City – Sono convinto che Torino sia già smart: se si mettono insieme le tante iniziative virtuose già attive sul territorio, il risultato è straordinario. Ed è proprio quello che abbiamo cercato di fare: mettere in luce il cambiamento, riunendo in un unico calendario esperienze piccole e grandi che lavorano per traghettare la città dalla condizione di invisibilità/invivibilità a quella, contraria e auspicabile, di visibilità/vivibilità».

Se le metropoli contemporanee, parafrasando Calvino, sono le città “invivibili”, che sprecano risorse e perpetuano un modello sociale chiuso e alienante, la chiave per diventare “vivibili” risiede quindi nell’intelligenza, nell’efficienza e nella sostenibilità. Caratteristiche che già appartengono ad alcune realtà innovative: quella città “invisibile”, nascosta dietro il traffico e le inefficienze quotidiane, che ogni giorno sperimenta e preannuncia il nuovo.
«Lo scopo del Festival è di far conoscere ai torinesi ciò che si sta facendo per la loro città – ha aggiunto Andrea Ciuti di Iren Energia – Il bello del programma è che è talmente articolato e pervasivo, che chiunque faccia un giro a Torino nei giorni del Festival non potrà fare a meno di imbattersi in qualche conferenza o manifestazione che tratta di sostenibilità».

Per 14 giorni Torino sarà così il luogo di un dibattito diffuso sui temi dell’innovazione, della ricerca e dell’ambiente. Gli oltre trenta eventi saranno suddivisi in sei cornici, che prendono il nome dalle mappe concettuali ideate da Calvino per catalogare le sue città. Le città sottili metteranno in scena il rapporto tra innovazione tecnologica, ricerca scientifica e sostenibilità, attraverso iniziative come il Digital Experience Festival, La Scienza in Piazza e il Premio Areté Urban Innovation, rivolto alle municipalità che hanno saputo comunicare la cultura dell’innovazione urbana. Nella cornice de “Le città e gli scambi” troverà posto la relazione fra economia, impresa, consumo e sostenibilità, con Energethica - Salone dell’energia sostenibile e delle fonti rinnovabili, il Collina Po Day, dedicato ai comuni fluviali urbani del Po, e gli incontri B2B Creare Mercato e Costruendo. “Le città continue” saranno invece dedicate alle pratiche individuali e collettive di riappropriazione del territorio, come l’agricoltura urbana e sociale e il verde pubblico, temi al centro di FioriTO (che riunisce il Workshop IMAGE, la rassegna Flor ’12 e il convegno – con laboratori didattici annessi –  “Agricolura Urbana”), di Turin Turning Green, della giornata Ambiente a Torino e della tavola rotonda “Il Bio in comune”.

Nelle due cornici de “Le città e i segni” e “Le città e il desiderio”, il rapporto tra sostenibilità e vivere urbano si declinerà attraverso le arti del contemporaneo, con CinemAmbiente, i dibattiti al Circolo dei Lettori, i percorsi di “A scuola di… Ambiente”, il Festival per Sentieri e Remiganti, Architettura in Città e Bioedilizia Italia, il progetto San Salvario Ecoquartiere e il Fitzcarraldo Smart Day alle OGR. Infine, “Le altre città” raccoglieranno tutti gli eventi Off del Festival, dalla Notte Smart di San Salvario (sabato 2 giugno) al pranzo sociale dell’Imbarchino, al Valentino, dal Run 5.30, la maratona mattutina per promuovere il vivere sano in città, fino all’amatissimo Bike Pride di domenica 3 giugno.

Un cartellone ricchissimo che, come ha sottolineato Roberto Mastroianni, coordinatore del progetto, «rispecchia la volontà dell’assessorato di costruire una partecipazione orizzontale al processo di cambiamento della città». Un festival-ragnatela, insomma, intertestuale come piacerebbe a Calvino, che stimola il lettore-cittadino a crearsi il suo itinerario e la sua personale visione della città del futuro.

Giorgia Marino

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende