Home » Eventi »Smart City » Torino Smart City, la vera missione si chiama efficienza energetica:

Torino Smart City, la vera missione si chiama efficienza energetica

maggio 24, 2012 Eventi, Smart City

Se la strategia Smart City può cambiare il volto della città di Torino, la direzione della green economy, strettamente correlata, può funzionare da acceleratore della ripresa economica. Il settore, infatti, secondo uno studio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, entro il 2020 può generare un’occupazione di 250.000 addetti nelle energie pulite e 600.000 nel comparto efficienza e riqualificazione energetica, per un mercato globale stimato in 2.200 miliardi di euro.

E la situazione in Piemonte fa ben sperare. I primi risultati del Rapporto “Eco-imprese in Piemonte” – promosso dalla Camera di Commercio di Torino con il supporto operativo del Ceipiemonte – diffusi  in occasione della sessione di apertura di Bioedilizia Italia a Energethica, delineano “un territorio in grado di attrarre investimenti anche nel comparto eco”. Nella regione, le eco-company sono cresciute di 100 unità dal 2009 al 2011: nel 2009 erano circa 1.200, soprattutto nel settore energia, mentre nel 2011 si contavano circa 1.300 eco-imprese diffuse su tutto il territorio, con un fatturato di 2,6 miliardi di euro. Aziende che coprono le diverse province, da Torino (45%) a Cuneo (20%), da Alessandria (9%) a Novara (8%), fino a Biella (6%), Asti (5%), Vercelli (4%) e Verbania (3%). Quasi la metà (49%) sono concentrate nel settore energia, di queste il solare rappresenta il 76%. Le eco-imprese sono soprattutto micro: su un campione di 600 imprese analizzate, il 73% conta meno di 10 impiegati, il 21 % tra gli 11 e i 50, solo il 6% più di 50.

Per una città Smart, insieme a trasporti pubblici, gestione sostenibile dei rifiuti, piste ciclabili, gioca un ruolo importantissimo la qualità degli edifici, che devono essere efficienti, non disperdere calore, consentire il risparmio di energia. Anche la Commissione Europea è consapevole dell’importanza dell’efficienza energetica e circa un anno fa ha messo a punto una proposta di direttiva, ancora in discussione, per assicurarsi che gli obiettivi 20-20-20 vengano tutti raggiunti, considerando anche che le previsioni per il futuro parlano di consumi energetici in aumento. Il gap da recuperare è pari ad almeno 202 Mtep: 1.678 Mtep sono i consumi di energia stimati al 2020, mentre l’obiettivo è fissato a 1.474 Mtep. Al centro della proposta ci sono misure per riqualificare gli edifici pubblici e consentire una riduzione dei consumi per le abitazioni private.

Proprio i cittadini, infatti, sono i nuovi protagonisti della green economy. Secondo Mauro Chianale, presidente di Environment Park, l’ente organizzatore di Bioedilizia Italia, infatti, c’è “un approccio nuovo anche da parte dei cittadini, che tenderanno sempre più al risparmio nei consumi, ad una maggiore attenzione ai materiali costruttivi e a modelli abitativi eco-compatibili. La sostenibilità energetica di un edificio è il fil rouge del complesso sistema di relazioni che alimenta una città sostenibile, una Smart City”. La casa, del resto, sottolinea  l’ideatore di Energethica Edgar Mäder, “è il luogo da cui partono i nuovi comportamenti sostenibili e ne costituisce un nodo essenziale per il risparmio energetico, prima fonte di energia”. E anche al centro dei progetti di ricerca internazionali sull’argomento, racconta Stefano Carosio, Division Manager della società di consulenza D’Appolonia, “ci devono essere l’utilizzatore e l’impatto dei suoi comportamenti. Le persone, infatti, con lo sviluppo delle rinnovabili, saranno sempre più prosumer, cioè produttori e consumatori di energia”.

Sul fronte delle politiche europee, che pure sono importanti per indirizzare gli interventi di riqualificazione, c’è però ancora molto da fare sul fronte del coordinamento. “L’Unione europea – spiega Xavier Marti, responsabile dei programmi di riqualificazione energetica MED e MARIE per la Catalogna  – ha sette fondi diversi per finanziare gli interventi di efficienza energetica, per i quali servirebbe un approccio comune e un maggior coinvolgimento delle Regioni nelle scelte. Inoltre, gli investimenti andrebbero valutati per il ritorno sia economico, sia in termini di efficienza”. Perché, come ormai si ripete spesso, l’energia più sostenibile è quella risparmiata.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

ottobre 1, 2018

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

Come sarà la mobilità di domani? È possibile sperimentarla già oggi? Future Mobility Week, dall’1 al 5 ottobre al Lingotto di Torino, cercherà di rispondere a queste domande attraverso una rassegna sull’hardware, il software e i servizi per la mobilità nuova, che cambia le abitudini, le infrastrutture, la città, la società e l’economia. Un occasione [...]

Pedalare in Sardegna. Un convegno a Nuoro fa il punto sul cicloturismo

settembre 28, 2018

Pedalare in Sardegna. Un convegno a Nuoro fa il punto sul cicloturismo

Nell’ambito della 17° edizione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, l’associazione FIAB-Amicinbici organizza a Nuoro per  sabato 29 settembre 2018 un convegno dedicato a “Mobilità sostenibile in Sardegna – Cicloturismo e economia del territorio”. L’incontro, che si terrà  presso l’auditorium della Biblioteca Satta dalle ore 9, intende presentare un’ampia panoramica delle “buone pratiche” connesse all’utilizzo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende