Home » Eventi »Smart City » Torino Smart City, la vera missione si chiama efficienza energetica:

Torino Smart City, la vera missione si chiama efficienza energetica

maggio 24, 2012 Eventi, Smart City

Se la strategia Smart City può cambiare il volto della città di Torino, la direzione della green economy, strettamente correlata, può funzionare da acceleratore della ripresa economica. Il settore, infatti, secondo uno studio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, entro il 2020 può generare un’occupazione di 250.000 addetti nelle energie pulite e 600.000 nel comparto efficienza e riqualificazione energetica, per un mercato globale stimato in 2.200 miliardi di euro.

E la situazione in Piemonte fa ben sperare. I primi risultati del Rapporto “Eco-imprese in Piemonte” – promosso dalla Camera di Commercio di Torino con il supporto operativo del Ceipiemonte – diffusi  in occasione della sessione di apertura di Bioedilizia Italia a Energethica, delineano “un territorio in grado di attrarre investimenti anche nel comparto eco”. Nella regione, le eco-company sono cresciute di 100 unità dal 2009 al 2011: nel 2009 erano circa 1.200, soprattutto nel settore energia, mentre nel 2011 si contavano circa 1.300 eco-imprese diffuse su tutto il territorio, con un fatturato di 2,6 miliardi di euro. Aziende che coprono le diverse province, da Torino (45%) a Cuneo (20%), da Alessandria (9%) a Novara (8%), fino a Biella (6%), Asti (5%), Vercelli (4%) e Verbania (3%). Quasi la metà (49%) sono concentrate nel settore energia, di queste il solare rappresenta il 76%. Le eco-imprese sono soprattutto micro: su un campione di 600 imprese analizzate, il 73% conta meno di 10 impiegati, il 21 % tra gli 11 e i 50, solo il 6% più di 50.

Per una città Smart, insieme a trasporti pubblici, gestione sostenibile dei rifiuti, piste ciclabili, gioca un ruolo importantissimo la qualità degli edifici, che devono essere efficienti, non disperdere calore, consentire il risparmio di energia. Anche la Commissione Europea è consapevole dell’importanza dell’efficienza energetica e circa un anno fa ha messo a punto una proposta di direttiva, ancora in discussione, per assicurarsi che gli obiettivi 20-20-20 vengano tutti raggiunti, considerando anche che le previsioni per il futuro parlano di consumi energetici in aumento. Il gap da recuperare è pari ad almeno 202 Mtep: 1.678 Mtep sono i consumi di energia stimati al 2020, mentre l’obiettivo è fissato a 1.474 Mtep. Al centro della proposta ci sono misure per riqualificare gli edifici pubblici e consentire una riduzione dei consumi per le abitazioni private.

Proprio i cittadini, infatti, sono i nuovi protagonisti della green economy. Secondo Mauro Chianale, presidente di Environment Park, l’ente organizzatore di Bioedilizia Italia, infatti, c’è “un approccio nuovo anche da parte dei cittadini, che tenderanno sempre più al risparmio nei consumi, ad una maggiore attenzione ai materiali costruttivi e a modelli abitativi eco-compatibili. La sostenibilità energetica di un edificio è il fil rouge del complesso sistema di relazioni che alimenta una città sostenibile, una Smart City”. La casa, del resto, sottolinea  l’ideatore di Energethica Edgar Mäder, “è il luogo da cui partono i nuovi comportamenti sostenibili e ne costituisce un nodo essenziale per il risparmio energetico, prima fonte di energia”. E anche al centro dei progetti di ricerca internazionali sull’argomento, racconta Stefano Carosio, Division Manager della società di consulenza D’Appolonia, “ci devono essere l’utilizzatore e l’impatto dei suoi comportamenti. Le persone, infatti, con lo sviluppo delle rinnovabili, saranno sempre più prosumer, cioè produttori e consumatori di energia”.

Sul fronte delle politiche europee, che pure sono importanti per indirizzare gli interventi di riqualificazione, c’è però ancora molto da fare sul fronte del coordinamento. “L’Unione europea – spiega Xavier Marti, responsabile dei programmi di riqualificazione energetica MED e MARIE per la Catalogna  – ha sette fondi diversi per finanziare gli interventi di efficienza energetica, per i quali servirebbe un approccio comune e un maggior coinvolgimento delle Regioni nelle scelte. Inoltre, gli investimenti andrebbero valutati per il ritorno sia economico, sia in termini di efficienza”. Perché, come ormai si ripete spesso, l’energia più sostenibile è quella risparmiata.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende