Home » Eventi » Tra cambiamenti climatici e diritti delle donne: il Social Change Film Festival di Bali:

Tra cambiamenti climatici e diritti delle donne: il Social Change Film Festival di Bali

aprile 27, 2011 Eventi

If you throw enough mud, some of it will stick” (se tiri abbastanza fango qualcosa rimarrà attaccato), recita un vecchio proverbio inglese.

Dal 12 al 17 aprile a Bali, in Indonesia, si e’ svolta la prima edizione del Social Change Film Festival and Institute (GSCFFI), quattro giorni molto intensi di conferenze e workshop, accompagnati dalla proiezione degli 8 film documentari selezionati per l’edizione 2011.

Grazie a sponsor del calibro di Ford Foundation, Abigail Disney e Wendy Burgher, l’organizzazione è riuscita a proporre un evento che aspira a diventare un appuntamento fisso, ogni anno, in una citta’ e in un continente diverso. Quest’anno e’  stata la volta di Ubud, il centro culturale di Bali.  “Women and Film” il tema, che ha visto eleggere, come honoree del festival, Nia Dinata, famosa regista e attivista indonesiana. L’apertura è stata infatti riservata alla proiezione di “Guerrilla Midwife“, documentario sull’ostetrica Robin Lim e sull’Ong da lei fondata, la Bumi Sehat Foundation, centro di ostetricia e pediatria senza scopo di lucro con base a Bali.

Film vincitore del festival è stato invece “Family Talk” di Sara Terry, su riconciliazione e perdono in Sierra Leone dopo la guerra civile che ha stravolto il paese. “Le donne sono il motore di importanti cambiamenti sociali ed e’ per questo che abbiamo scelto quest’argomento per la prima edizione del festival. Abbiamo anche scelto di concentrarci sulla qualita’ dei film selezionati e di seguire la campagna lanciata da ognuno di questi. “Ecco perche’ abbiamo previsto la proiezione di solo 8 film”, racconta entusiasta Cynthia Phillips, la direttrice e fondatrice del festival.

I workshop e le conferenze hanno spaziato tra vari argomenti, dai cambiamenti climatici ai diritti delle donne, ma tutti si sono focalizzati, come metodo, sulla trasmissione e lo scambio di strumenti e conoscenze per favorire la distribuzione di film a tematica sociale e rafforzare le campagne lanciate attraverso di questi.

Il compito che si propongono il festival e l’istituto e’ infatti, da un lato, sostenere i registi nel coinvolgimento di un pubblico più ampio e, dall’altro, consentire ai volontari gia’ coinvolti in ambito sociale di acquisire la capacita’ di raccontare le proprie battaglie in modo piu’ carismatico e accattivante – come necessario, per poter affermare un messaggio, nella nostra civiltà mediatica. “Vogliamo lavorare su vari aspetti. Sicuramente e’ necessario sfruttare al meglio i social media e la tecnologia attuale per distribuire i documentari, ma e’ anche fondamentale creare pubblico e sostenere la campagna lanciata dai film, continua Cynthia. Ogni film selezionato e’ stato scelto per la componente militante, ovvero la sua capacita’ di ispirare il pubblico a reagire, e intorno ad ogni film e’ stata creata una campagna che verra’ seguita e di cui si valuteranno i primi risultati il prossimo anno a New Orleans, citta’ scelta per ospitare l’edizione 2012 del festival, con tema l’Acqua”.

“I film a tematica sociale hanno un potenziale educativo altissimo, che inizialmente ispira il pubblico e lo intrattiene, per poi spingerlo ad agire in modo socialmente consapevole”, aggiunge Craig Malina, che, con Stevie Michelson, gestisce la Specialty Studios, una societa’ di distribuzione statunitense che si occupa da ben 27 anni di documentari a tematica ambientale. Entrambi partecipano al festival in qualita’ di relatori e come distributori di due dei film proiettati: “Climate Refugees“, documentario sui profughi del cambiamento climatico e “So right so smart“, sulla rivoluzione ecologica attuata da alcune aziende statunitensi. La Specialty Studios ha iniziato negli anni ’80 con film che documentavano le questioni sollevate dall’energia nucleare e oggi e’ specializzata in film che trattano di ambiente, sostenibilità e giustizia sociale.

L’adozione di un modello di distribuzione collettivo, ovvero che punti all’ aggregazione delle persone nelle scuole, nelle associazioni o nelle aziende, permette a questi film di agire da catalizzatori di cambiamento e di unire persone nella lotta per cause comuni. “In futuro ci attendono problemi sostanziali che potranno essere affrontati e superati dalle prossime generazioni grazie a un percorso educativo e a maggiori informazioni che spingano ad agire per cambiare le cose.” continua Craig, sottolineando come sia importante allontanarsi dal sensazionalismo nel documentare la realta’ per poter veramente avvicinarsi al pubblico e ispirare le persone a trovare una soluzione.

Il successo riscosso dal festival e dalla sua formula alla prima edizione indonesiana lascia intravedere interessanti sviluppi futuri – non solo in Asia.

Marcella Segre*

*corrispondente Greenews.info dal Sud-Est Asiatico

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende