Home » Eventi » Turismo sostenibile, alla BIT l’offerta “green” contro la crisi:

Turismo sostenibile, alla BIT l’offerta “green” contro la crisi

febbraio 18, 2013 Eventi

Quattro italiani su dieci (39%) sarebbero disponibili a pagare dal 10 al 20% in più, se avessero garanzie di un rispetto per l’ambiente, mentre a parità di prezzo il 70% opterebbe per un albergo “green”. Esiste un turismo da riscoprire. Ecologico. Sempre più cittadini decidono di passare il proprio tempo libero nei parchi naturali, nelle aree protette e nei siti archeologici. In occasione della Bit 2013 la Borsa Internazionale del Turismo, è stato presentato nei giorni scorsi, a Milano, il terzo rapporto su “Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo” durante il convegno sul tema: “Turismo e sostenibilità contro la crisi”, organizzato dalla Fondazione Univerde. Il panorama è quello di una popolazione sempre più orientata a scegliere soggiorni turistici che non danneggino l’ambiente, con punte del 64% tra i giovani sotto i 34 anni. Ancora: prima di prenotare in una struttura, uno su tre si informa sulla sua sostenibilità e per farlo usa soprattutto internet, a cui ricorre l’89% (rispetto al 78% di un anno fa e al 65% del 2011). Gli italiani sembrano consapevoli dell’importanza di un turismo attento all’ambiente. Secondo il 38%, per lo sviluppo economico di un’area turistica il vincolo alla sostenibilità è una necessità, mentre per il 50% rappresenta un’opportunità di crescita.

Grande richiesta, ma poca offerta. Nelle principali città italiane il turismo ecosostenibile è carente. In una scala da uno a dieci, l’unica città che supera di poco la sufficienza è Firenze (voto 6,3), mentre Napoli (4), Bari (4,1) e Palermo (4,3) si piazzano in fondo alla classifica.

“Il turismo è, per l’Italia, il settore che dà maggiori e concrete prospettive per uscire dalla crisi. Un’industria che, non essendo delocalizzabile può creare molta occupazione in tutto il Paese”, racconta Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde. In crescita la consapevolezza sui danni del turismo. Il 47% degli italiani ha risposto che “esiste oggi in Italia, un’emergenza che riguarda i danni che il turismo può portare all’ambiente”, soprattutto per quanto concerne la speculazione edilizia e la costruzione selvaggia. Per il 76% degli italiani oggi il turismo sostenibile è poco praticato, nonostante sia per il 50% un’opportunità di crescita e per il 74% sviluppo. Sviluppo e investimenti, è appunto il messaggio che Legambiente, sempre dalla Bit, ha voluto lanciare, con la sua proposta di legge dedicata alla bellezza, con gli Oscar dell’Ecoturismo, quest’anno suddiviso in 5 categorie: per la qualità della gestione, per l’alimentazione sana e la qualità enogastronomica, per l’impegno sociale, per l’eco-sostenibilità e infine l’oscar per la promozione del territorio.

Bellezze che hanno bisogno di essere difese e valorizzate. Un esempio concreto arriva proprio dalle 32 strutture turistiche, che fanno parte dell’etichetta ecologica di Legambiente Turismo e che hanno ricevuto l’Oscar per il loro impegno eco-sostenibile. Situate in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Campania, Sardegna e Puglia, le 32 vincitrici del prestigioso premio dimostrano come si possa fare green economy nel pieno rispetto dell’ambiente valorizzando territori, risorse locali e rilanciando l’economia.

“Puntare sulla bellezza – scrive Legambiente nella premessa del disegno di legge – è un obiettivo imprescindibile e una chiave fondamentale per capire come il nostro Paese possa ritrovare le idee e la forza per guardare con ottimismo al futuro”. L’intento della proposta è quello di tutelare il patrimonio paesaggistico dell’Italia attivando nei territori processi di trasformazione che puntino a rendere più belle, moderne e vivibili le città italiane, a migliorare la qualità della convivenza, del benessere individuale e collettivo e a muovere la creatività.

Il disegno di legge è composto da 10 articoli, che riorganizzano in un sistema unico i provvedimenti legislativi inerenti alla qualità del territorio e definiscono chiaramente il percorso da intraprendere per rimettere al centro la bellezza nelle sue tante declinazioni operative. Il testo è stato sottoscritto da numerose personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, delle imprese e della scienza e sarà sottoposto ai candidati alle elezioni affinché lo facciano proprio e ai sindaci italiani.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende