Home » Eventi » Turismo sostenibile, alla BIT l’offerta “green” contro la crisi:

Turismo sostenibile, alla BIT l’offerta “green” contro la crisi

febbraio 18, 2013 Eventi

Quattro italiani su dieci (39%) sarebbero disponibili a pagare dal 10 al 20% in più, se avessero garanzie di un rispetto per l’ambiente, mentre a parità di prezzo il 70% opterebbe per un albergo “green”. Esiste un turismo da riscoprire. Ecologico. Sempre più cittadini decidono di passare il proprio tempo libero nei parchi naturali, nelle aree protette e nei siti archeologici. In occasione della Bit 2013 la Borsa Internazionale del Turismo, è stato presentato nei giorni scorsi, a Milano, il terzo rapporto su “Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo” durante il convegno sul tema: “Turismo e sostenibilità contro la crisi”, organizzato dalla Fondazione Univerde. Il panorama è quello di una popolazione sempre più orientata a scegliere soggiorni turistici che non danneggino l’ambiente, con punte del 64% tra i giovani sotto i 34 anni. Ancora: prima di prenotare in una struttura, uno su tre si informa sulla sua sostenibilità e per farlo usa soprattutto internet, a cui ricorre l’89% (rispetto al 78% di un anno fa e al 65% del 2011). Gli italiani sembrano consapevoli dell’importanza di un turismo attento all’ambiente. Secondo il 38%, per lo sviluppo economico di un’area turistica il vincolo alla sostenibilità è una necessità, mentre per il 50% rappresenta un’opportunità di crescita.

Grande richiesta, ma poca offerta. Nelle principali città italiane il turismo ecosostenibile è carente. In una scala da uno a dieci, l’unica città che supera di poco la sufficienza è Firenze (voto 6,3), mentre Napoli (4), Bari (4,1) e Palermo (4,3) si piazzano in fondo alla classifica.

“Il turismo è, per l’Italia, il settore che dà maggiori e concrete prospettive per uscire dalla crisi. Un’industria che, non essendo delocalizzabile può creare molta occupazione in tutto il Paese”, racconta Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde. In crescita la consapevolezza sui danni del turismo. Il 47% degli italiani ha risposto che “esiste oggi in Italia, un’emergenza che riguarda i danni che il turismo può portare all’ambiente”, soprattutto per quanto concerne la speculazione edilizia e la costruzione selvaggia. Per il 76% degli italiani oggi il turismo sostenibile è poco praticato, nonostante sia per il 50% un’opportunità di crescita e per il 74% sviluppo. Sviluppo e investimenti, è appunto il messaggio che Legambiente, sempre dalla Bit, ha voluto lanciare, con la sua proposta di legge dedicata alla bellezza, con gli Oscar dell’Ecoturismo, quest’anno suddiviso in 5 categorie: per la qualità della gestione, per l’alimentazione sana e la qualità enogastronomica, per l’impegno sociale, per l’eco-sostenibilità e infine l’oscar per la promozione del territorio.

Bellezze che hanno bisogno di essere difese e valorizzate. Un esempio concreto arriva proprio dalle 32 strutture turistiche, che fanno parte dell’etichetta ecologica di Legambiente Turismo e che hanno ricevuto l’Oscar per il loro impegno eco-sostenibile. Situate in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Campania, Sardegna e Puglia, le 32 vincitrici del prestigioso premio dimostrano come si possa fare green economy nel pieno rispetto dell’ambiente valorizzando territori, risorse locali e rilanciando l’economia.

“Puntare sulla bellezza – scrive Legambiente nella premessa del disegno di legge – è un obiettivo imprescindibile e una chiave fondamentale per capire come il nostro Paese possa ritrovare le idee e la forza per guardare con ottimismo al futuro”. L’intento della proposta è quello di tutelare il patrimonio paesaggistico dell’Italia attivando nei territori processi di trasformazione che puntino a rendere più belle, moderne e vivibili le città italiane, a migliorare la qualità della convivenza, del benessere individuale e collettivo e a muovere la creatività.

Il disegno di legge è composto da 10 articoli, che riorganizzano in un sistema unico i provvedimenti legislativi inerenti alla qualità del territorio e definiscono chiaramente il percorso da intraprendere per rimettere al centro la bellezza nelle sue tante declinazioni operative. Il testo è stato sottoscritto da numerose personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, delle imprese e della scienza e sarà sottoposto ai candidati alle elezioni affinché lo facciano proprio e ai sindaci italiani.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende