Home » Eventi »Idee » Un nuovo “Paesaggio sociale”, contro edifici aggressivi e città degradate:

Un nuovo “Paesaggio sociale”, contro edifici aggressivi e città degradate

dicembre 3, 2012 Eventi, Idee

Indignarsi non basta. Contro l’indifferenza che uccide la democrazia, contro la tirannia apolitica dei mercati dobbiamo rilanciare l’etica della cittadinanza”. Si esprime così Salvatore Settis, archeologo e storico dell’arte, nel suo ultimo libro Azione Popolare (Einaudi, Torino 2012) di fronte allo scempio del paesaggio. Oggi – questo il messaggio – si ha la necessità di ritrovare una giustizia sociale, di tutelare l’ambiente che stiamo deturpando con gli ecomostri e di riconsiderare la priorità del bene comune sul profitto del singolo.

Di questo tema si è discusso all’interno del convegno “Architettura a basso costo per un nuovo paesaggio sociale. Riutilizzare e recuperare i materiali per costruire il futuro in armonia con il presente e il passato”, nell’ambito di Restructura 2012, la Fiera dell’Edilizia e dell’Architettura Sostenibile che si è chiusa a Torino domenica 2 dicembre. Al convegno, a supportare le tesi di Settis, Pietro Derossi, professore emerito in Progettazione architettonica, Guido Montanari, docente di Storia dell’architettura contemporanea presso il Politecnico di Torino, Paolo Portoghesi, professore emerito presso l’Università di Roma La Sapienza, Andrea Talaia, Presidente provinciale CNA Costruzioni, Massimiliano Caporale, vice presidente CNA Giovani Imprenditori Torino e Riccardo Bedrone, presidente dell’Ordine degli Architetti di Torino e Provincia.

“Il concetto di Paesaggio è strettamente connesso alla sfera del sociale, ma sembra che oggi ce ne siamo dimenticati”, afferma Montanari,eppure la Convenzione Europea lo definisce come una ‘parte di territorio, così come è concepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e umani e dalle loro interrelazioni’, patrimonio europeo, cioè, connotato dalla sua chiara natura antropica”. Sembra dunque urgente domandarsi che cosa stia succedendo al popolo italiano e se, continuando ad andare nella direzione della cementificazione, si possa ancora fare un passo indietro e recuperare quella memoria storica che contraddistingue il Bel Paese.

E’ proprio dalla collettività e dalla civitas che dobbiamo infatti ripartire, secondo i relatori: si deve ragionare con la memoria storica per trasformare la città. La partecipazione è necessaria per frenare la distruzione dei nostri paesaggi: l’uomo di cultura – in ambito urbano l’architetto -  è depositario di “un sapere”, che molte volte è difficile comunicare. “Bisogna restituire il valore delle relazioni umane al posto del denaro, ridare dignità alle città che finora sono state violentate e popolate da edifici aggressivi: forse – sostiene Portoghesi - dando più spesso parola ad architetti donne, riusciremmo a conquistare un’architettura al femminile, più morbida e meno prepotente di quella che finora siamo stati in grado di fare”. Il paesaggio, dunque, come bene che va vissuto e protetto dall’uomo, senza contrastare l’equilibrio naturale che troppo spesso è stato alterato da una società basata monomaniacalmente sulla crescita e sul consumo.

In questo senso ha valore ripensare il bene comune, in un contesto in cui la politica viene dominata dalle potenze economiche e dall’interesse dei privati: “dobbiamo uscire dall’ottica di pensiero che sia il PIL la vera ricchezza di un Paese”, afferma Massimiliano Caporale, vice presidente CNA. “Il vero senso dell’architettura deve essere quello di rispondere ai bisogni dell’uomo e deve ritrovare i suoi fondamenti nell’artigianato”. La rivoluzione deve iniziare da noi cittadini, nel tentativo di ribellarci a questo modello sbagliato di società del tardo-consumismo, da cui siamo stati ipnotizzati; è con atti di grande impegno, di risparmio economico ed energetico, che dobbiamo adottare una nuova logica di pensiero, che non può essere ridotta ad una buona raccolta differenziata. “Sarebbe troppo semplice avere delle procedure per realizzare una bella città – argomenta Derossi - questa andrebbe compresa ed interpretata come una narrazione. La nostra interferenza è costituita dai brani di città che costruiamo, facendo ognuno la sua parte in modo da realizzare un racconto coerente e armonioso”.

Ambiente, patrimonio culturale, salute, ricerca, educazione incarnano, del resto, i valori di cui la Costituzione è il manifesto: libertà, eguaglianza, diritto al lavoro. La comunità dei cittadini deve necessariamente riguadagnare i suoi diritti all’interno dei movimenti civici, punto nodale alla base della civitas stessa. Una chiave di lettura per donare una nuova vita al paesaggio si colloca, pertanto, nel ritrovare la cultura e recuperare l’identità del nostro Paese: “serve oggi - scrive Settis in “Azione Popolare” - una nuova consapevolezza, una nuova responsabilità. Una forte azione popolare in difesa del bene comune“.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende