Home » Eventi »Idee » Una cura del ferro e della fibra (ottica) per la città del futuro di Ecopolis:

Una cura del ferro e della fibra (ottica) per la città del futuro di Ecopolis

marzo 25, 2011 Eventi, Idee

Come saranno le città del futuro? Sicuramente in continua crescita, abitate nel 2030 da 8 miliardi di persone. I cittadini, soprattutto i più giovani, le sognano più sostenibili, più sicure, più “socializzanti”, in una parola, più “armoniche”. Dovranno scommettere sull’efficienza energetica, il potenziamento del trasporto pubblico, l’erogazione di servizi on line, da casa, per diminuire il numero di persone che si spostano. Sono queste le strade maestre indicate da quattro ricerche presentate ieri a Ecopolis, il salone della sostenibilità urbana organizzato alla Fiera di Roma.

Uno dei temi chiave del futuro sarà il risparmio energetico, attraverso un nuovo modo di consumare e produrre energia per gli edifici. Secondo la ricerca “Città, costruzioni ed energy technology” realizzata  dal Cresme (Centro Ricerche Economiche Sociali di Mercato per l’Edilizia e il Territorio), attraverso l’ “efficientamento” energetico del patrimonio edilizio italiano, si potrebbero ridurre le emissioni di Co2 addirittura del 45%. Risultati ben superiori a quanto previsto con il ricorso alle tecnologie per l’uso delle fonti rinnovabili (22,4%).  Per quanto riguarda le nuove costruzioni, «è in crescita il numero di Comuni che ha messo mano ai propri strumenti di governo degli interventi edilizi, per introdurre nuovi  criteri e obiettivi energetico-ambientali». «D’altra parte – commenta il direttore tecnico Lorenzo Bellicini – negli ultimi anni l’aspetto ambientale delle costruzioni è per i consumatori il più importante. In questo settore la domanda è più avanti dell’offerta».

Al risparmio di energia, dovrà accompagnarsi, per usare le parole di Retecamere, la «cura del ferro e della fibra ottica». Internet e la mobilità urbana influiscono in modo significativo sulla qualità, ma anche sulle aspettativa di vita degli abitanti delle città italiane e sono quindi due aspetti su cui i centri urbani dovranno puntare.

Nello studio “Trasformazioni urbane e mobilità sostenibile”, la Società delle Camere di Commercio Italiane spiega che «gli spostamenti delle persone nelle città devono essere ridotti e razionalizzati, in quanto provocano il drammatico aumento delle emissioni di Co2. Per raggiungere questo obiettivo, le nuove tecnologie e Internet sono fattori cruciali. I cittadini, infatti, possono accedere ai servizi sia pubblici che privati senza muoversi da casa, solo con l’aiuto di un computer o di uno smartphone». Per favorire l’uso del trasporto pubblico, le città dovrebbero poi collocare, spiega il direttore generale di Retecamere Claudio Cipollini, «gli uffici e  i centri commerciali nei pressi delle stazioni ferroviarie e metropolitane, magari in aree dismesse da recuperare».

E per aumentare il numero dei cittadini che utilizzano autobus e metropolitane, serve una formazione continua. A sottolinearlo è un altro studio, dal titolo “La mobilità urbana sostenibile: strategie e sperimentazioni”, condotto dal Critevat (il Centro Reatino di Ricerche di Ingegneria per la Tutela e la Valorizzazione dell’Ambiente e del Territorio dell’Università La Sapienza). La ricerca mette a confronto l’approccio di otto città e aree urbane europee, diverse per tipologia e dimensioni, alla mobilità sostenibile: Dresda, Vienna, Stoccolma, Parma, Torino, provincia di Torino, Roma, provincia di Roma. Elemento fondamentale che le accomuna è la «cultura del cambiamento»: «Tutte le esperienze investono molto sulla formazione e la partecipazione dei cittadini ai temi della mobilità sostenibile, indicando chiaramente che non ci può essere un cambiamento sensibile se non si modificano le proprie abitudini e il modo di usare la città». «Quello che ancora manca – spiega Carlo Cecere, direttore del Centro – è il fare sistema, l’integrazione tra le iniziative di diverse enti che insistono su uno stesso territorio. Questo consentirebbe di dare risposte più concrete al problema della sostenibilità».

Su come i giovani sognano i luoghi urbani si è concentrata la ricerca “La città del futuro”, realizzata dall’istituto di sondaggi Swg per Ecopolis. «I ragazzi e le ragazze puntano sulla città come luogo in cui si può realmente determinare la rinascita, la rifondazione e il ridisegno della concezione della qualità dell’esistenza, delle relazioni, del vivere con gli altri. La città di domani dovrebbe essere frizzante, accattivante, godibile, frequentata, sicura, gioiosa e accogliente», spiegano da Swg. Le caratteristiche della città del futuro, così come la sognano i giovani, potrebbero essere riassunte nella parola “armonia”, «che trova realizzazione attraverso cinque ambiti di action: sicurezza, salubrità, socialità, funzionalità e vitalità». Vivere in una città verde, pulita, sostenibile, provvista di piste ciclabili e auto elettriche, piena di parchi e laghetti, è insomma un sogno molto diffuso. «L’armonia è un obiettivo a cui non si arriva semplicemente con la tecnica, la città è una comunità complessa, fatta di persone e relazioni sociali, di cui bisogna tenere conto per costruire città armoniche», spiega il direttore di Swg Enzo Risso.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende