Home » Eventi »Finanziamenti »Normative » Una “rivoluzione solare” per uscire dallo stallo rinnovabili:

Una “rivoluzione solare” per uscire dallo stallo rinnovabili

marzo 16, 2011 Eventi, Finanziamenti, Normative

Solar Revol SummitA indicare una strada possibile, una via d’uscita dalla situazione di stallo, ci prova Gianni Chianetta, presidente di Assosolare. Lo scenario è quello del Solar Revolution Summit, l’appuntamento annuale per tutti gli operatori del solare organizzato da Business International.

La proposta è semplice: «Chiediamo al ministro Romani un decreto legge per tutelare gli investimenti già partiti e di prendere invece un po’ di tempo per la legge sugli incentivi». Regole che vanno scritte, sottolineano gli operatori, dopo una riflessione attenta e un approfondimento delle dinamiche del settore.

La situazione è di blocco totale. Aziende congelate, prospettive incerte: oltre 10.000 persone potrebbero essere messe in cassa integrazione, sarebbero bloccati – e in parte già lo sono – 40 miliardi di euro di investimenti. Con conseguenze distruttive anche sulla presenza di molti investitori esteri in Italia.

Luca Piffer, country manager Italia del gruppo cinese Ldk Solar, sottoscrive la frase che da giorni tutte le aziende straniere ripetono come un mantra: «Se non ci saranno modifiche al decreto rinnovabili, saremo obbligati a spostare la nostra attenzione su altre parti del mondo». Ma a dimostrare che la speranza c’è ancora, è per esempio il mancato tracollo in Borsa della Terni Energia: «I nostri titoli continuano ad avere un valore alto, è il segno che gli investitori sono fiduciosi», commenta Paolo Ricci, consigliere delegato dell’azienda.

D’altra parte, come essere pessimisti di fronte al vero e proprio boom del settore? Alcuni dati significativi raccontano di un fenomeno comunque in forte sviluppo, sostenuto da una green sensibility crescente, unita a possibilità reali di risparmio sull’energia e a ritorni economici cospicui sugli investimenti. Il settore rinnovabili conta infatti oggi 20.000 aziende e  140.000 occupati tra diretti e indotto, per un fatturato che supera i 13 miliardi.

«Nel 2010 sono stati connessi oltre 74.000 impianti fotovoltaici , per più di 2.700 megawatt. Un raddoppio rispetto al 2009, e un raddoppio ci si aspetta anche quest’anno rispetto al 2010. Le richieste in corso riguardano 36.281 mw di fotovoltaico e 9.633 mw di eolico», spiega Eugenio Di Marino, responsabile Ingegneria e unificazione di Enel Distribuzione.

Davanti a questi risultati, per gli operatori le parole di Confindustria sul decreto Romani non sono state facili da digerire. Frasi come «Il Ministro dello Sviluppo economico ha adottato il giusto approccio per razionalizzare il sistema di incentivazione, garantendo sia il contenimento dei costi al 2020 sia la certezza del quadro normativo, indispensabile per programmare gli investimenti» hanno lasciato spiazzati gli imprenditori del settore. E il rapporto con Confindustria e Anie (il braccio dell’associazione che raccoglie le imprese elettrotecniche ed elettroniche di ogni tipo) non è facile.

«In Confindustria ci sono persone ancora poco informate sulle rinnovabili, così come chi oggi decide sul futuro di questo settore. Ma bisogna anche dire che Confindustria è disponibile a sostenerci nella nostra battaglia», assicura Gert Gremes di Anie. Associazione in cui, spiega Paolo Rocco Viscontini, consigliere di Anie e Gifi, «il tema del fotovoltaico è stato preso a cuore».

Se oggi c’è ancora molto poco di certo sul futuro, Antonio Nodari, managing director di Pöyry Management Consulting, prova a fare una previsione: «Da uno scenario caratterizzato da elevati incentivi e specificità nazionali, si passerà a un altro con incentivi ridotti, aumento della concorrenza e competizione per la terra dove installare tanti impianti non superiori a 1 mw».  Il progressivo ritiro dei certificati verdi, inoltre, «garantirà ai consumatori un costo inferiore dell’energia, circa 20 euro in meno a megawattora».

Un esempio di come le rinnovabili possano essere, come dice Filippo Levati, chief operating officer di Mx Group, «l’opportunità di rilancio complessivo» di un paese, è il Progetto Desertec. L’idea è quella di realizzare una rete di centrali elettriche e infrastrutture per distribuire in Europa energia prodotta da fonti rinnovabili, in particolare energia solare dai deserti del Sahara e del Medio Oriente ed energia eolica prodotta sulle coste atlantiche dell’Africa. Investimenti che favoriranno una modernizzazione dei cosiddetti paesi Mena, grazie alla creazione di infrastrutture e posti di lavoro. «Il Marocco – racconta Cornelius Matthes, director Business Alliance di Desertec Industrial Initiative – si è dato come obiettivo al 2020 il raggiungimento di 2 gigawatt di eolico e 2 di solare». Tra i 14 paesi che partecipano al progetto, «l’Italia gioca un ruolo importante, sia perché tra i soci ci sono grandi aziende italiane come Terna, Unicredit, Enel, Italcementi, sia come compratore di energia pulita per il raggiungimento degli obiettivi 2020».

Veronica Ulivieri

L’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro onlus ed Edizioni Ambiente
sono lieti di presentare
State of the World 2011
Innovazioni che nutrono il pianeta
Sarà presente la curatrice Danielle Nierenberg
Modera l’incontro Silvia Rosa Brusin, Rai3 TG Leonardo
23 marzo 2011 ore 20,30
Museo Regionale di Scienze Naturali, via Giolitti 36 – Torino
“Viviamo in un mondo dove si produce più cibo di quanto se ne sia mai prodotto, ma dove la fame
non è mai stata così diffusa.” Si apre con questa affermazione una delle edizioni più importanti del
rapporto State of the World, per la prima volta interamente dedicata al tema dell’alimentazione e
della produzione agroalimentare.
L’idea secondo cui sarebbe possibile eliminare la fame nel mondo col denaro e la tecnologia è ora
messa in discussione non solo a causa dei suoi limiti ma anche perché si accumulano le prove che
dimostrano che i nuovi approcci per la creazione di un sistema agricolo sostenibile possono
efficacemente integrare o sostituire gli elementi dell’agricoltura standard. Ciò è particolarmente
vero nell’Africa subsahariana, dove migliaia di piccoli agricoltori attingono all’antica saggezza
culturale e, servendosi delle nuove tecnologie, producono cibo in abbondanza, nel rispetto dei
suoli locali e degli ecosistemi globali.
Questa è la storia raccontata nel libro e nel progetto Nourishing the Planet del Worldwatch
Institute. Durante il 2009 e il 2010, la direttrice del coprogetto Danielle Nierenberg ha visitato 25
paesi africani, scambiando opinioni con agricoltori su argomenti quali l’irrigazione a goccia, la
coltivazione sui tetti, la silvicoltura e le nuove tecniche per proteggere il suolo.
L’équipe di ricerca ha poi localizzato una gamma ancora più vasta di progetti agricoli innovativi.
Il quadro che emerge è entusiasmante. Sono centinaia i casi studio e le esperienze raccontate in
prima persona in grado di fornire molte soluzioni per ridurre la fame e la povertà.
Un cambiamento rapido e proficuo è possibile a patto che venga conferito potere ai piccoli
agricoltori e in particolare alle donne, che in pratica controllano l’agricoltura in Africa.
Se anche una parte infinitesimale delle risorse che ora si utilizzano negli allevamenti industriali
statunitensi e nelle piantagioni di soia brasiliane fosse investita in piccole aziende agricole
innovative, il pianeta non farebbe così fatica a raggiungere l’obiettivo stabilito dall’ONU di
dimezzare la fame nel mondo entro il 2015.
Danielle Nierenberg è Project Director dello State of the
World 2011 del Worldwatch Institute. La sua conoscenza
degli allevamenti intensivi e dell’agricoltura sostenibile è
stata ampiamente citata in giornali quali The New York
Times Magazine, l’International Herald Tribune, The
Washington Post e altri. Ha lavorato per due anni come
volontaria dei Corpi di Pace nella Repubblica Dominicana
e presso i farmers markets, l’Earth Sangha (organizzazione
che si occupa di riforestazione urbana) e Citizen Effect
(ONG che realizza progetti di sviluppo in tutto il mondo).
Ha passato gli ultimi anni viaggiando in più di 25 paesi
dell’Africa Subsahariana alla ricerca di metodi sostenibili
per alleviare la fame e la povertà.
Il Worldwatch Institute, fondato nel 1974, è considerato
il più autorevole centro di ricerca interdisciplinare sui
trend ambientali del nostro pianeta. State of the World
viene pubblicato da quasi trent’anni e tradotto in
moltissime lingue.
L’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro onlus dal 1982 sviluppa attività di
divulgazione, promozione culturale, progettazione e formazione, soprattutto nel ramo della tutela
ambientale e del patrimonio culturale.
Pubblica il mensile “.eco, l’educazione sostenibile”, prima rivista italiana di educazione ambientale
ed è sede del Segretariato Internazionale WEEC – World Environmental Education Congress.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Sarà disponibile un servizio di traduzione consecutiva

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende