Home » Eventi »Idee » Una tassa per sostenere le politiche sociali e ambientali. La proposta di Terra Futura:

Una tassa per sostenere le politiche sociali e ambientali. La proposta di Terra Futura

maggio 31, 2010 Eventi, Idee

Courtesy of Terra FuturaSi può davvero parlare di economia e sostenibilità senza una adeguata coesione sociale e senza una tensione etica che animi l’agire politico ? Le tensioni sociali che nelle ultime settimane hanno scosso la Grecia, fortemente colpita dalla crisi economica e finanziaria, sembrerebbero suggerire una riposta negativa.

Per evitare che situazioni analoghe possano contagiare, in futuro, altri paesi gravando sulle fasce più deboli della popolazione, basterebbero alcune semplici misure, seco0ndo quanto emerso nel weekend a Terra Futura, la mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità,  tenutasi  a Firenze (Fortezza da Basso) dal 28 al 30 maggio.

Da Firenze, infatti, BancaEtica, Cisl, Acli e Arci hanno lanciato una proposta concreta: una mini tassa dello 0,05% su tutte le transazioni finanziarie, in grado di produrre un gettito stimato, su scala mondiale, di 655 milardi di dollari a cui i Governi nazionali (messi a dura prova dai salvataggi delle banche negli anni 2009 e 2010)  potrebbero attingere per rilanciare le politiche sociali, ambientali e di cooperazione allo sviluppo.

Gli organizzatori di Terra Futura, insieme alla Regione Toscana, lanciano dunque una petizione, una raccolta di firma per introdurre la tassazione sulle transazioni ed intendono portare le firme e la proposta direttamente sul tavolo del Ministro Giulio Tremonti .

La campagna per l’introduzione della tassa è promossa a livello internazionale e si rivolge a tutti gli esponenti dei Governi dei Paesi membri del G8 e del G20 ma l’Italia, sostiene Andrea Baranes, ricercatore della Campagna per la Riforma della Banca Mondiale e della Fondazione Culturale di Banca Etica, “potrebbe essere l’ago della bilancia”. Pare, infatti, che sia Obama che la Merkel e Sarkozy, insieme ad altri capi di stato, abbiano dimostrato interesse alla proposta, e l’Italia, con il Ministro Tremonti, potrebbe aiutare concretamente a favorire l’approvazione della proposta in sede internazionale.

A detta di Baranes la proposta di una simile tassazione, sostenuta in maniera trasversale anche dalle principali associazioni ed organizzazioni non governative, come WWF, Legambiente, Social Watc , Focsiv, Adiconsum, Cittadinanza Attiva, Azione Cattolica e Manitese, “non scoraggerebbe gli investimenti e non andrebbe a discapito dei consumatori, ma sarebbe un valido deterrente per chi ha operato nella finanza con troppa leggerezza, unicamente con scopi speculativi, come coloro che, comprando e vendendo gli strumenti finanziari centinaia e migliaia di volte al giorno, rendono i mercati instabili e volatili. Con la tassazione che proponiamo, invece, sarebbero costretti a pagare lo 0,005 % per ogni singola operazione”.

Ma quali sono le dimensioni minime perché una tassa del genere, concepita per operare sui scala internazionale, possa essere efficace e dispiegare i propri effetti?. “Un obiettivo minimo potrebbe essere l’applicazione anche soltanto alla zona dell’ Euro” - continua Baranes. “Del resto la tassazione che noi proponiamo è estremamente semplice e potrebbe essere concretamente applicabile, basti pensare che alcuni dei più avanzati mercati finanziari del mondo, come quello inglese ed americano, prevedono un meccanismo analogo di tassazione, pur con percentuali e modalità diverse e legate solo alla transazione delle azioni”.

Baranes fa eco il presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri, che ritiene i tempi maturi per un’operazione di questo genere. Il ruolo dell’ Italia, a suo avviso, potrebbe essere particolarmente significativo: “Molti Capi di stato , ma anche il Consiglio d’ Europa e la Ue vedono di buon occhio questa iniziativa, perorata anche da illustri economisti e premi Nobel come, ad esempio, Joseph Stiglitz. Serve una regolamentazione, la crisi economica ha messo sotto gli occhi di tutti gli effetti devastanti della finanza speculativa”.

Giacinto Palladino, di FIba/Cisl, Paolo Beni, presidente nazionale Arci e Soana Tortora, Responsabile Pace e Stile di Vita di Acli, sottolineano come sia essenziale recuperare il ruolo etico dell’economia: il ricorso prevalente alla finanza speculativa da parte delle banche d’affari ha sopravanzato di gran lunga, denunciano, il ruolo del sostegno al lavoro, alle famiglie, allo sviluppo sostenibile, con evidenti squilibri e rischi per le comunità. La tassa sulle transazioni, invece, sarebbe una sorta di assicurazione sociale per tutti, da reinvestire nella coesione sociale, nel lavoro , nella lotta alla povertà e nella salvaguardia dell’ambiente.

La petizione, ricordano gli organizzatori di Terra Futura, può essere sottoscritta anche on line all’indirizzo www.zerozerocinque.it

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende