Home » Eventi »Idee » Uta Zorzi Mühlmann: l’acrobata del paesaggio:

Uta Zorzi Mühlmann: l’acrobata del paesaggio

dicembre 9, 2011 Eventi, Idee

Giovedì 1 dicembre, nella Sala dello Zodiaco del seicentesco Castello del Valentino, a Torino, si è tenuto il secondo di una serie di Incontri con il Paesaggio, organizzati con il patrocinio di Uniscape, il network delle università europee a sostengo della Convenzione per il Paesaggio, per promuovere l’innovativo Corso di Laurea interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio, che coinvolge le università di Torino, Milano e Genova. All’incontro è intervenuta come relatrice Uta Zorzi Mühlmann, architetto del paesaggio e Vice presidente di AIAPP – Lazio, moderata da Marco Devecchi, professore associato della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Torino e Coordinatore del Corso di Laurea interateneo.

Si è parlato di paesaggio quotidiano, ovvero di quello che ”riguarda ciò che  ci circonda, i paesaggi che vediamo, attraversiamo e sperimentiamo tutti i giorni: cortili condominiali, piazze di quartiere, terrazze urbane, giardini privati, parchi pubblici e il cosiddetto arredo verde, declinazione eufemistica ad indicare qualche pianta semi-deperita in contenitori sottodimensionati esposti alle intemperie in luoghi ostili”, ha precisato la Mühlmann, introducendo una serie di suoi progetti, meglio definibili come Land Art. “Per strappare alla banalità questi paesaggi consueti, senza particolari qualità o eccellenze, di dimensioni variabili tra il piccolissimo e il mediamente grande, inseriti in contesti eterogenei, sovente squallidi, occorrono acrobazie di vario livello“.

Tra i primi lavori della paesaggista, risalenti all’inizio degli anni ’90, quello che più di tutti riassume il suo pensiero di architetto è un allestimento temporaneo dal titolo “L’Acclimatazione”, realizzato per il Festival International des Jardins a Chaumont sur Loire in Francia, un giardino connotato da rose rosse e colori vivaci nella stessa tonalità. Non dunque il solito paesaggio “verde”, ma un insolito giardino dove ci si sente disorientati. Un senso di smarrimento, in mezzo all’Eden ricreato, a cui contribuiscono tubolari in acciaio inox, che, come canne, captano il vento e riemettono dolci suoni. “Acclimatarsi – spiega Uta  - significa considerare l’insieme delle trasformazioni necessarie per adattare un organismo vivente ad un clima diverso da quello della propria specie”.

Ma Uta Zorzi Mühlmann è anche la creatrice del progetto per la Grande Muraglia Cinese, realizzato nel 2002 a Shanhaiguan con la collaborazione dello scultore Luigi Berardi: un’installazione di 100 arpe eolie, strumento ligneo con le corde tese che, alla vibrazione del vento, producono suoni incredibili. Nel tentativo di effettuare un’affascinante lettura del paesaggio circostante non solo visiva, ma anche in termini sonori. “Essere paesaggista - racconta l’autrice - significa avere, forse, una grande esperienza di vita, avere una grande predisposizione a viaggiare e a condividere la vita di persone diverse da te. E soprattutto possedere una buona sensibilità – un po’ come avere le antenne”.

I paesaggisti, nella sua descrizione, ricordano un po’gli acrobati che, con salti spericolati, tentano il tutto per tutto pur di consegnare a destinazione il neonato, il progetto di cui sono portatori. “Acrobazie semplici, come nel caso dei piccoli spazi conclusi per esposizioni temporanee, dove la sfida sta nel comunicare un’idea creativa con un linguaggio comprensibile a un pubblico che non parla la nostra lingua. Passeggiate sulla fune, spesso senza rete, per le committenze private, dribblando i dubbi, i desideri e i limiti del committente. Tripli salti mortali all’indietro per portare un progetto di spazio pubblico alla realizzazione in tempi non biblici, passando attraverso vincoli di varia natura: politica, burocratica, normativa, economica e risolvendo gli imprevisti all’ordine del giorno, senza completamente snaturarlo”.

parchi pubblici, dove la grande estensione e la burocrazia costituiscono le maggiori difficoltà, sono dunque la vera sfida da vincere. Anche se alla fine tutto è paesaggio, al di là di dimensioni e complessità di lettura differenti. Per questo, riflette la paesaggista, meglio talvolta progettare luoghi piccoli e curati da inserire, magari, in un intervento più ampio. L’approccio corretto dell’architetto, di fronte alle acrobazie da compiere, più che impositivo, deve comunque restare propositivo e dotato della giusta sensibilità. ”Ma bisogna, all’occorrenza, anche saper essere un po’ rompiscatole!”.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende