Home » Idee » “L’importante è fare cultura e informazione”. Slow Food risponde su biologico e dintorni:

“L’importante è fare cultura e informazione”. Slow Food risponde su biologico e dintorni

novembre 19, 2012 Idee

Nell’articolo del 12 novembre, “Vini e cibi liberi. Dalla semantica e dalle certificazioni”, Greenews.info ha voluto attirare l’attenzione su un fenomeno – a nostro avviso preoccupante – di “inquinamento verbale” entro i confini stessi della green economy, che genera una certa confusione nel consumatore, con termini che non significano nulla di chiaro né verificabile. “Libero”, “vero”, “sostenibile”, sono espressioni che, anche se usate in buona fede, possono fare da “cavallo di Troia” ad altre operazioni di marketing con obiettivi meno nobili. C’è però, sostiene Slow Food Italia, un elemento positivo anche in questo fenomeno. Ecco cosa ci ha raccontato il presidente Roberto Burdese.

D) Burdese, partiamo dalla querelle: perché Slow Food non ha mai preso una posizione chiara e inequivocabile circa il fatto che l’agricoltura biologica (certificata) sia la forma di coltivazione a minor impatto ambientale oggi possibile?

R) Sinceramente non  mi sono mai posto il problema di una nostra posizione sul biologico, perché mi è sempre sembrata chiarissima: già all’ultimo Congresso Nazionale di due anni fa (dove sono stati invitati i presidenti di AIAB e dell’Associazione Agricoltura Biodinamica, con cui abbiamo ottimi rapporti), abbiamo ribadito che Slow Food, fuori da ogni possibile equivoco, lavora e opera perché l’agricoltura del futuro, in tutto il pianeta, possa fare sempre minore ricorso alla chimica di sintesi. Fermo restando che il nostro sogno è un’agricoltura completamente libera da prodotti di origine fossile. Noi siamo però un’organizzazione presente in 150 Paesi del mondo, per cui non mi posso preoccupare solamente di ciò che dico in Italia, con riferimento alla legge italiana o alle normative europee, devo necessariamente mantenere una visione internazionale. Chiudersi, oggi, nel recinto dei soli produttori biologici certificati, escludendo un rapporto con tutti coloro che vogliono comunque muoversi in quella stessa direzione, non avrebbe senso. Da sempre noi parliamo con tutti e lavoriamo con tutti coloro che dimostrano unità di intenti. Diverso è il discorso delle certificazioni. Anche perché c’è una parte preponderante di agricoltori del mondo per i quali parlare di agricoltura biologica libera da sintesi non vuol dire parlare di agricoltura biologica certificata. Perché la certificazione non se la possono permettere o perché i sistemi di certificazione nei loro Paesi non sono magari efficienti come i nostri.

D) Mancanza di fiducia nei confronti degli enti certificatori, dunque?

R) No, non lo dico con intenti polemici. Un conto è il mestiere dell’ente certificatore, un conto è il nostro, come associazione, che deve dialogare con tutti. E a me interessa, prima di tutto, che l’agricoltura sia pulita. Dopodiché preciso una cosa: se c’è la certificazione meglio ancora, è un’ulteriore garanzia. Io, per altro, mi trovo spesso, in giro per l’Italia, a dover difendere l’agricoltura biologica, perché una domanda che mi fanno spesso è: il biologico non è solo una moda? E io cerco di spiegare che ci può anche essere chi lo fa per moda, un’industria che si limita ad attaccare un bollino che funziona, ma dietro c’è pur sempre un movimento vero, che ha un riferimento importante (se non l’origine) in quanto accaduto in California alla fine degli anni ’60, dove una delle principali attiviste è proprio quella Alice Waters, che oggi è vicepresidente di Slow Food International.

D) Mi perdoni ma, fatta salva la coerenza totale di Slow Food – che è fuori discussione – il problema che abbiamo sollevato, a mio avviso, rimane, almeno in Italia. Com’è possibile comunicare correttamente al consumatore, sul nostro mercato, le qualità ambientali superiori di un certo metodo di produzione agricola e valorizzarle rispetto ai competitors “tradizionali”, che utilizzano spesso termini impropri, non vincolati a una precisa normativa?

R) Userò delle affermazioni che possono sembrare forti, ma solo per chiarezza, tra “amici”, sicuro che non sarete certo voi a strumentalizzarle. E mi riferisco alla dichiarazione che l’agricoltura biologica e biodinamica certificate siano l’unica forma certa di agricoltura sostenibile dal punto di vista ambientale. Non sono del tutto d’accordo e Slow Food non l’ha mai detto, perché secondo noi non è vero! Onestamente, un piccolo produttore di vino, di quello “vero”, che in vigna non usa chimica di sintesi, che in cantina non usa solfiti, che ha dunque un regolamento di cantina che è più severo del disciplinare stesso di certificazione biologica, quel signore lì, secondo me, fa una forma di agricoltura e di produzione alimentare che è più sostenibile di uno che si limita ad attenersi alle regole del disciplinare bio. Anche perché, è passata una normativa, recentemente, che – credo siate d’accordo – non è esattamente il meglio che ci si potesse aspettare, ma un gran compromesso. Perché dunque dobbiamo metterci a “fare la battaglia tra poveri”? Se fossi un rappresentante di un’organizzazione di produttori biologici certificati io sarei stra-felice nel vedere che, in questo momento storico, si sta affermando sempre più, nell’opinione pubblica, la necessità di avere delle agricolture di qualità, anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale. Che all’interno di questo ampio e variegato movimento ci siano anche delle realtà come quelle dei “vini naturali”, dei “cibi veri” ecc. è un chiaro segnale che stiamo vincendo! Il vero nemico da cui liberarsi è chi fa uso di questi termini per sole ragioni di marketing, ma dietro non fa nulla. Noi stessi, come Slow Food, diciamo sempre che se qualcuno si mette a sviluppare progetti di tutela della biodiversità o quant’altro, per altre vie, fuori dai nostri Presidi, è comunque una nostra vittoria. Non ci importa se altri copiano i nostri progetti educativi sugli orti, o i “mercati contadini” (siamo stati i primi in Italia a diffonderli, nel 1997), anzi, chissenefrega, vuol dire che forse stiamo veramente vincendo la sfida. Guai, dunque, a chiudersi nel proprio recinto e sparare a zero – anche se è vero che c’è chi ne approfitta. Perché c’è chi fa solo marketing e ne approfitta anche tra i certificati. Parlo di grandi aziende, che fanno anche pubblicità in televisione e approfittano del fatto di essere biologici certificati, ma comprano prodotto che non è nemmeno italiano! Dovrebbe essere meglio, dal punto di vista ambientale? Siamo di fronte al fatto, ad esempio, che arriva miele bio, dall’estero, a danno dei produttori locali. Se, per intenderci, il biologico arriva dall’altra parte del mondo, non è più sostenibile, secondo me.

D) Ma come può fare allora il consumatore ad orientarsi? Vogliamo aiutarlo?

R) Il punto è che viviamo in un mondo complesso, dove il cibo è l’emblema massimo di questa complessità e risposte semplici a domande complesse non ci sono. Meglio, ripeto, il biologico che arriva dall’Argentina, o il prodotto “chimico” sotto casa? Non c’è una risposta giusta, se non: meglio il biologico che arriva da sotto casa – e se non c’è dobbiamo costruire le condizioni perché ci sia. E chiaro che questo non può valere per tutti i prodotti, vedi il caso del caffè. E ancora: se il prodotto è bio, è buono, è fatto sotto casa, ma con lavoratori clandestini “in nero”, vengono prima i diritti dei lavoratori o quelli dell’ambiente? Vengono tutti e due insieme. Ecco perché il nostro motto,“buono, pulito e giusto”, non è mai diventato un’etichetta di prodotto o un brand, ma continua ad essere, per noi, il modo più efficace per definire questa complessità. Faccio altri due esempi: non è mica vietato da nessuna legge coltivare tutta la Puglia a grano biologico certificato, radendo al suolo gli ulivi. Ma sarebbe un disastro ambientale. Oppure, fare biologico e comprare i semi dalle multinazionali: se non liberiamo le sementi la sostenibilità alimentare non è garantita. Per rispondere alla domanda: non c’è soluzione, l’unico modo di orientarsi è “tornare a scuola”! Per impegnarsi a costruire dei percorsi virtuosi ciascuno deve sforzarsi di non essere mero consumatore, ma co-produttore. Nel frattempo, mentre ci si esercita in questa direzione, se si trova una certificazione biologica, qualche grado di garanzia in più indubbiamente la si ha. Ma bisogna evitare il consumatore passivo, quello che, come fino a ieri comprava i grandi marchi perché si fidava, oggi passa a comprare passivamente il biologico certificato perché si fida. Non è questa la soluzione. Dobbiamo acquisire la pazienza e la capacità di “fare lo slalom”, andando all’essenza delle cose e imparando a leggere complessità e contraddizioni. Bisogna, insomma, farsi gli anticorpi. All’ultimo Salone del Gusto abbiamo lanciato le “etichette narranti” proprio per stimolare una maggiore trasparenza, attraverso il racconto del produttore, di chi è e cosa fa. Fin che la legge obbligherà a inserire in etichetta solo le cosiddette “informazioni obbligatorie”, ma niente più di quello, dovremo sopperire noi. Verrà infatti, presto, un giorno in cui i consumatori non saranno più soddisfatti della sola certificazione, ma vorranno sapere di più. Serve dunque, innanzitutto, fare cultura e informazione.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende