Home » Idee » Amitav Ghosh e la sfida della letteratura ai tempi dei cambiamenti climatici:

Amitav Ghosh e la sfida della letteratura ai tempi dei cambiamenti climatici

ottobre 5, 2017 Idee

Sabato 30 settembre, al Teatro dal Verme di Milano, lo scrittore indiano Amitav Ghosh è intervenuto in uno degli incontri culturali del festival “A seminar la buona pianta“, promosso da Aboca, lanciando una provocazione al mondo della letteratura contemporanea: se il riscaldamento globale è il tema del nostro secolo, perché la cultura e, in modo particolare, la letteratura, non reagisce? Perché rivela una singolare ritrosia ad affrontare questa tematica in romanzi, racconti e opere teatrali? Se la funzione dell’arte è anche la rappresentazione del reale attraverso il ‘respiro creativo’ dell’artista, allora, sostiene Ghosh, oggi stiamo assistendo a un vero e proprio fallimento dell’immaginazione… La nostra Ilaria Burgassi ha seguito per Greenews.info il suo intervento…

Quello che noi chiamiamo col nome di rosa, anche chiamato con un nome diverso, conserverebbe ugualmente il suo dolce profumo”, così recitava Giulietta nella più famosa opera di Shakespeare quando, riflettendo sul destino beffardo che l’aveva fatta innamorare del nemico giurato, metteva la res davanti al logos. Ma è davvero così? Secondo Amitav Ghosh, scrittore, giornalista e antropologo indiano, no. O, almeno, non lo è quando si parla di cambiamenti climatici e delle devastanti conseguenze che questi hanno sul nostro ecosistema ambientale. Per Ghosh infatti le parole contano e sono il mezzo attraverso cui diamo consistenza alle cose rendendole tali: le cose non esistono davvero finché non vengono nominate.

La maggior parte della popolazione percepisce il cambiamento climatico come un dato di fatto, come qualcosa oggi in atto che sta influendo sulle nostre vite. Ciononostante non sembra fare nulla per interrompere questo processo. Ma cosa impedisce di trasformare la potenza in atto e passare dalla percezione del problema alle azioni che portano alla sua soluzione? Secondo Ghosh ciò che manca è “la consapevolezza ultima e profonda di ciò che sta succedendo”, mancano le parole attraverso cui calare qualcosa di apparentemente lontano dalla quotidianità in qualcosa di vicino e tangibile, che incombe sul Pianeta coinvolgendo tutti.

Analizzando la storia della letteratura si può facilmente evincere come il ruolo della natura, in passato, fosse visto e descritto in modo molto diverso rispetto a quanto facciamo oggi. Oggi mancano le parole per farlo. È infatti complesso descrivere grandi fenomeni atmosferici in un libro mentre è più semplice farlo attraverso forme d’arte visive come la fotografia o la televisione. Per questo Ghosh ritiene che la nostra conoscenza della natura – dal punto di vista letterario – si sia fermata a molti anni fa, influenzando inevitabilmente la percezione che ne abbiamo. Ed è qui che il ruolo dello scrittore diventa fondamentale perché è colui in grado di riconvertire il logos in res.

Ciò che è cambiato nelle persone sono i bisogni e le necessità: prima i desideri erano legati alla sopravvivenza, all’indispensabile, mentre adesso si è passati ad una “globalizzazione dei desideri” prevalentemente rivolta alla soddisfazione di bisogni materiali superflui. Non si parla dunque, per citare Adam Smith, di desiderare la ricchezza in senso lato ma di desiderare, nello specifico, ciò che hanno gli altri, in una sorta di irrazionale emulazione generata, secondo Ghosh, dall’avvento del capitalismo. Del resto, chi di noi sarebbe oggi in grado di dire ad un’altra persona “non hai bisogno di quello che ho io”? Basti vedere cosa sta succedendo nei Paesi che stanno vivendo solo ora il boom dello sviluppo economico: Paesi in cui fino a pochi anni fa sembrava impensabile poter ambire a ciò che da anni era consolidato nel mondo occidentale e che oggi, guidati proprio dal desiderio di possedere ciò che altri possiedono, non intendono rinunciarvi in nome di un bene più alto, ma più astratto, come “la tutela del Pianeta”. Ed è qui che la globalizzazione dei desideri porta ad ignorare un dato di fatto come il cambiamento climatico. Per invertire il meccanismo, secondo Ghosh, sembra necessario affidarci nuovamente al potere del linguaggio: se troveremo le parole per parlarne, potrà conseguirne un’azione?

Scrivere di cambiamento climatico, lo abbiamo detto, è complesso e porta le persone ad allontanarsi da ciò che stanno leggendo: nessuno vuole sentirsi dire ciò che, in fondo, già sa ma che non ha intenzione di affrontare. Per questo lo scrittore deve farsi carico di un ruolo scomodo. L’aspetto terribile del cambiamento climatico è che “mette a nudo le nostre illusioni”. Il fatto di sapere non vuol però ancora dire fare qualcosa: ci si crogiola in una sorta di “deresponsabilizzazione collettiva”, che non si tramuta mai in azione, ma si nasconde dietro una millantata inconsapevolezza. Il problema, ribadisce Ghosh, è il grande conflitto di desideri insito nel profondo di ognuno di noi: non ci fermeremo mai fino a quando non avremo quello che hanno avuto e hanno gli altri e, se siamo noi gli altri, non rinunceremo a quello che abbiamo ottenuto fino ad oggi.

Forse, per invertire questo circolo perverso, è necessario trovare nuovi modi per esprimersi, per toccare il profondo dell’animo umano e riportare la res al centro della scena – attraverso il logos.

Ilaria Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende