Home » Idee » Amitav Ghosh e la sfida della letteratura ai tempi dei cambiamenti climatici:

Amitav Ghosh e la sfida della letteratura ai tempi dei cambiamenti climatici

ottobre 5, 2017 Idee

Sabato 30 settembre, al Teatro dal Verme di Milano, lo scrittore indiano Amitav Ghosh è intervenuto in uno degli incontri culturali del festival “A seminar la buona pianta“, promosso da Aboca, lanciando una provocazione al mondo della letteratura contemporanea: se il riscaldamento globale è il tema del nostro secolo, perché la cultura e, in modo particolare, la letteratura, non reagisce? Perché rivela una singolare ritrosia ad affrontare questa tematica in romanzi, racconti e opere teatrali? Se la funzione dell’arte è anche la rappresentazione del reale attraverso il ‘respiro creativo’ dell’artista, allora, sostiene Ghosh, oggi stiamo assistendo a un vero e proprio fallimento dell’immaginazione… La nostra Ilaria Burgassi ha seguito per Greenews.info il suo intervento…

Quello che noi chiamiamo col nome di rosa, anche chiamato con un nome diverso, conserverebbe ugualmente il suo dolce profumo”, così recitava Giulietta nella più famosa opera di Shakespeare quando, riflettendo sul destino beffardo che l’aveva fatta innamorare del nemico giurato, metteva la res davanti al logos. Ma è davvero così? Secondo Amitav Ghosh, scrittore, giornalista e antropologo indiano, no. O, almeno, non lo è quando si parla di cambiamenti climatici e delle devastanti conseguenze che questi hanno sul nostro ecosistema ambientale. Per Ghosh infatti le parole contano e sono il mezzo attraverso cui diamo consistenza alle cose rendendole tali: le cose non esistono davvero finché non vengono nominate.

La maggior parte della popolazione percepisce il cambiamento climatico come un dato di fatto, come qualcosa oggi in atto che sta influendo sulle nostre vite. Ciononostante non sembra fare nulla per interrompere questo processo. Ma cosa impedisce di trasformare la potenza in atto e passare dalla percezione del problema alle azioni che portano alla sua soluzione? Secondo Ghosh ciò che manca è “la consapevolezza ultima e profonda di ciò che sta succedendo”, mancano le parole attraverso cui calare qualcosa di apparentemente lontano dalla quotidianità in qualcosa di vicino e tangibile, che incombe sul Pianeta coinvolgendo tutti.

Analizzando la storia della letteratura si può facilmente evincere come il ruolo della natura, in passato, fosse visto e descritto in modo molto diverso rispetto a quanto facciamo oggi. Oggi mancano le parole per farlo. È infatti complesso descrivere grandi fenomeni atmosferici in un libro mentre è più semplice farlo attraverso forme d’arte visive come la fotografia o la televisione. Per questo Ghosh ritiene che la nostra conoscenza della natura – dal punto di vista letterario – si sia fermata a molti anni fa, influenzando inevitabilmente la percezione che ne abbiamo. Ed è qui che il ruolo dello scrittore diventa fondamentale perché è colui in grado di riconvertire il logos in res.

Ciò che è cambiato nelle persone sono i bisogni e le necessità: prima i desideri erano legati alla sopravvivenza, all’indispensabile, mentre adesso si è passati ad una “globalizzazione dei desideri” prevalentemente rivolta alla soddisfazione di bisogni materiali superflui. Non si parla dunque, per citare Adam Smith, di desiderare la ricchezza in senso lato ma di desiderare, nello specifico, ciò che hanno gli altri, in una sorta di irrazionale emulazione generata, secondo Ghosh, dall’avvento del capitalismo. Del resto, chi di noi sarebbe oggi in grado di dire ad un’altra persona “non hai bisogno di quello che ho io”? Basti vedere cosa sta succedendo nei Paesi che stanno vivendo solo ora il boom dello sviluppo economico: Paesi in cui fino a pochi anni fa sembrava impensabile poter ambire a ciò che da anni era consolidato nel mondo occidentale e che oggi, guidati proprio dal desiderio di possedere ciò che altri possiedono, non intendono rinunciarvi in nome di un bene più alto, ma più astratto, come “la tutela del Pianeta”. Ed è qui che la globalizzazione dei desideri porta ad ignorare un dato di fatto come il cambiamento climatico. Per invertire il meccanismo, secondo Ghosh, sembra necessario affidarci nuovamente al potere del linguaggio: se troveremo le parole per parlarne, potrà conseguirne un’azione?

Scrivere di cambiamento climatico, lo abbiamo detto, è complesso e porta le persone ad allontanarsi da ciò che stanno leggendo: nessuno vuole sentirsi dire ciò che, in fondo, già sa ma che non ha intenzione di affrontare. Per questo lo scrittore deve farsi carico di un ruolo scomodo. L’aspetto terribile del cambiamento climatico è che “mette a nudo le nostre illusioni”. Il fatto di sapere non vuol però ancora dire fare qualcosa: ci si crogiola in una sorta di “deresponsabilizzazione collettiva”, che non si tramuta mai in azione, ma si nasconde dietro una millantata inconsapevolezza. Il problema, ribadisce Ghosh, è il grande conflitto di desideri insito nel profondo di ognuno di noi: non ci fermeremo mai fino a quando non avremo quello che hanno avuto e hanno gli altri e, se siamo noi gli altri, non rinunceremo a quello che abbiamo ottenuto fino ad oggi.

Forse, per invertire questo circolo perverso, è necessario trovare nuovi modi per esprimersi, per toccare il profondo dell’animo umano e riportare la res al centro della scena – attraverso il logos.

Ilaria Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende