Home » Idee » Batterio killer e bufale anti-biologico: la replica degli operatori:

Batterio killer e bufale anti-biologico: la replica degli operatori

giugno 21, 2011 Idee

Mentre la caccia al batterio killer brancola ancora nel buio e, abbandonati i cetrioli spagnoli, si concentra sui germogli (prima quelli di soia, ora quelli di aglio, broccoli e fieno greco), gli operatori del biologico lanciano un allarme: «Si registrano – raccontano preoccupati – tentativi di discredito e sabotaggio del settore bio, attraverso la diffusione sui media di informazioni false e errate». In particolare, viene contestata l’associazione tra batterio killer e agricoltura biologica: «La proliferazione dell’E. Coli – ripetono gli agronomi – non ha niente a che vedere con uno specifico metodo di coltivazione, che comunque deve rispettare precise norme igieniche».

In Italia, l’attacco forse più violento al metodo biologico è arrivato da un articolo pubblicato sul quotidiano Libero domenica 5 giugno, dal titolo “Il cibo bio fa ammalare 200mila tedeschi all’anno” (ora introvabile on-line, è  stato rimosso?). I dati su cui si basa l’articolo, però, riguardano in realtà tutte le intossicazioni alimentari, e non solo quelle da cibi biologici: «Il Roberto Koch Institut (RKI), in prima fila nella lotta al maligno virus E.Coli, ha comunicato che ogni anno in Germania dalle 150.000 alle 200.000 persone si ammalano per contaminazioni “in natura” di generi alimentari». Intossicazioni che spesso, sottolinea Marina Marcarino, agronoma e titolare dell’azienda vinicola Punset, «spesso avvengono per scarsa igiene del consumatore e non per azioni sbagliate del coltivatore».

L’articolo basa l’allarme sulla presunzione che, in agricoltura biologica, esisterebbero maggiori rischi di contaminazione, dovuti all’uso di concime organico: «Il peccato originale della filiera alimentare biologica sarebbero i fertilizzanti organici, in genere escrementi di animali da stalla. Vengono usati dai coltivatori che, per motivi ideologici o commerciali, hanno messo al bando i concimi artificiali a base chimica. Così, non solo l’Ehec, ma anche altri batteri come salmonella, listeriosi, micotossine da funghi si sviluppano e possono diffondersi più facilmente».

Un discorso che però, a chi conosce bene il settore, sembra «insensato» e «assurdo»: «Il giornalista che lo ha scritto non conosce il settore dell’agricoltura biologica, e non sa che ci sono delle norme igieniche ben precise anche per l’uso del letame. Per usare gli escrementi come concime, prima devono essere fatti maturare: vengono compostati, con aggiunta di paglia e leguminose, e lasciati maturare, in modo che perdano la parte liquida. Durante la fermentazione, nel caso siano presenti, i batteri nocivi come l’E. Coli muoiono», spiega Marina Marcarino.

Paolo Carnemolla, agronomo e presidente di Federbio, che ha anche inviato una lettera di rettifica al quotidiano, aggiunge: «L’utilizzo del letame fresco o dell’acqua di fogna è una cosa che non esiste nel ciclo produttivo delle aziende agricole. Basta fare allarmismi, ci sono regole precise a cui gli agricoltori si attengono. E poi, i germogli sono coltivazioni che non necessitano di concime: il seme genera la pianta con acqua e calore. Un ambiente certo perfetto anche per la proliferazione di batteri. Ma in questa fase, l’ipotesi che sembra più plausibile è che fossero infettati i semi». La lettera, che cita diverse ricerche sulle qualità nutrizionali dei prodotti biologici, precisa: «Laddove vengano seguite le regole della coltivazione biologica e le regole igieniche idonee è impossibile che si possano creare le condizioni per lo sviluppo di batteri che creerebbero stragi».

I semi a cui si riferisce Carnemolla sarebbero per altro stati importati dall’azienda tedesca incriminata. Ed è qui, forse, che sta il punto cruciale. Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, spiega che, mentre in UE c’è «un sistema di regole, standard produttivi e controlli unico al mondo in termini di efficacia e funzionalità», grazie al quale in Europa abbiamo «i prodotti alimentari più sicuri nel pianeta», il problema viene quando i prodotti arrivano da fuori i confini comunitari. «Ciò che occorre con urgenza è garantire, nell’ambito degli accordi sul commercio internazionale, la così detta reciprocità delle regole. L’attenzione a questo tema è fondamentale per evitare che gli sforzi dei nostri agricoltori in materia di sicurezza alimentare siano vanificati da un mercato che è incapace di riconoscere i valori sociali incorporati nei beni alimentari».

L’emergenza, sottolinea De Castro, ha avuto gravi ripercussioni su tutto il comparto agricolo: «Gli agricoltori, in particolare, come purtroppo spesso accade in queste situazioni, sono finiti subito sul banco degli imputati e, per effetto di una psicosi ingiustificata, hanno subito gravissime perdite che si aggiungono alle difficoltà del settore alle prese con una crisi economica senza precedenti negli ultimi anni». Per sostenere gli imprenditori agricoli, «la Commissione esecutiva e il Consiglio agricolo Ue sono intervenuti con un pacchetto di aiuti (210 milioni di euro) necessari a remunerare parte delle perdite subite dai produttori di ortofrutta».

L’associazione tra batterio killer e metodo biologico, in ogni caso, spiega De Castro, non tiene: «Non credo sia corretto considerare l’agricoltura biologica come il capro espiatorio. Del resto, sono ormai anni che, fortunatamente, l’agricoltura europea, oltre che sulla quantità, punta sulla qualità, tanto da farne uno dei principali elementi di forza. In questo ambito, l’agricoltura biologica occupa un ruolo centrale». Il settore, continua il presidente della commissione Agricoltura, rappresenta «un patrimonio che va difeso e tutelato e non colpevolizzato in una situazione di incertezza in cui, l’allarmismo ingiustificato nei confronti dei prodotti ortofrutticoli europei, rischia di creare una psicosi generalizzata nei consumi con gravi ripercussioni per i produttori».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende