Home » Idee » Botanica urbana: in compagnia delle piante di città nel libro di Fabrizio Zara:

Botanica urbana: in compagnia delle piante di città nel libro di Fabrizio Zara

agosto 18, 2014 Idee

Agosto, come noto, è il mese in cui la città si può osservare meglio, e con occhi diversi. Per chi ci rimarrà nei prossimi giorni la città potrà, sorprendentemente, presentarsi anche come un luogo di grande biodiversità. Il rapporto con la natura può dunque essere ricostruito anche nello spazio urbano, per esempio imparando a riconoscere le piante e gli habitat in cui vivono. Da questa idea è nato il libricino “Botanica urbana, riconoscere le piante medicinali in città” (Aboca Edizioni, 106 pp., 5 euro), di Fabrizio Zara, responsabile della ricerca botanica e curatore del giardino medicinale di Aboca, con introduzione di Michele Serra.

Il libro, con 38 semplici schede illustrate, dedicate ad altrettante piante, invita il lettore a cercare lungo i muri, i marciapiedi, le rotatorie stradali (meglio ad agosto, per evitare incidenti!) la presenza di una natura irriducibile ma troppo spesso dimenticata. Che cambia con l’evolversi dell’area urbana: “Tra la parte vecchia e quella nuova delle città ci sono evidenti differenze di flora: le aree più antiche, dove ci sono pietre e calce, sono più ricche di piante; quelle moderne, dove domina il cemento, spesso ricco di scarti di fonderia, hanno meno vegetazione”, spiega Zara, che vive in un piccolo maso in Vallarsa (Trento) dove cura, assieme alla famiglia, un’azienda agricola che si occupa della coltivazione di piante medicinali.

D) Dottor Zara, a prima vista può sembrare insolito affiancare le piante medicinali alla città. Com’è nata l’idea di questo libro?

R) L’idea è stata di Massimo Mercati, direttore generale di Aboca. Spesso, nell’ambito della formazione per farmacisti ed erboristi, organizziamo escursioni guidate per riconoscere piante medicinali. Di solito sono in ambienti naturali, ma l’anno scorso per la prima volta a Senigallia abbiamo proposto percorsi simili in città. Ci sono vegetali che calpestiamo tutti i giorni, senza sapere che sono alla base dei prodotti erboristici che poi compriamo. A Mercati l’approccio è piaciuto molto, e mi ha convinto a scrivere questo libro.

D) Dunque è sbagliato pensare che le città siano aree con una bassa concentrazione di biodiversità?

R) Sì. Le città sono una grandissima fonte di biodiversità. Nelle aree urbane sono state censite un migliaio di piante spontanee, di cui una buona parte medicinali. Le città sono anche uno dei pochi ambienti dove vivono queste piante. A volte sono infestanti: scappano da un giardino e si ritrovano lì vicino. Altre volte, come nel caso del cappero o della celidonia, vivono in luoghi insoliti, come in cima a vecchie torri o in antichi muri. Riescono ad arrivare in posti così particolari grazie al rapporto di simbiosi che hanno con le formiche.

D) In che cosa consiste di preciso questo rapporto?

R) I semi di cappero e celidonia hanno una riserva di grasso che risulta appetibile per le formiche. Così, questi insetti portano i semi nelle loro tane, per esempio lungo vecchi muri: in questo modo queste piante riescono ad arrivare in luoghi a loro congeniali, ma altrimenti irraggiungibili. I vegetali, inoltre, di solito amano i vecchi edili, che sono più “naturiformi”. Tra la parte vecchia e quella nuova delle città ci sono infatti evidenti differenze di flora:  le aree più antiche, dove ci sono pietre e calce, sono più ricche di piante; quelle moderne, dove domina il cemento, spesso ricco di scarti di fonderia, hanno meno vegetazione.

D) Il libro invita le persone a imparare a riconoscere le piante in città. Ma queste piante possono essere raccolte e utilizzate?

R) In città assolutamente no. Le piante  accumulano le sostanze tossiche, quindi è altamente sconsigliato utilizzare piante che crescono in ambienti inquinati come le città. L’idea è piuttosto quella di legarsi a loro con un rapporto di riconoscimento. Prima nelle città c’erano più spazi verdi e le persone erano ancora in grado di riconoscere  le piante. Oggi la distanza tra il mondo umano e quello vegetale è abissale, il rapporto si è completamente perso. Alcuni ricercatori americani hanno dedicato molti studi alla “plant blindness”, ossia l’incapacità delle persone di riconoscere le piante. Gli scienziati hanno notato che si riconoscono meglio gli animali, perché si muovono, che le piante, crescendo insieme, di solito vengono percepite come una generica macchia verde, e che le riconosciamo solo quando hanno il fiore.

D) C’è un problema anche di concezione del verde urbano?

R) Le piante non stanno nelle aree verdi cittadine perché noi non le vogliamo. Se smettessimo di dare diserbanti e tagliare l’erba, le piante riprenderebbero gli spazi. L’uomo non le vede come una cosa bella, preferendo spazi ben organizzati, mentre la natura è caotica e entropica. Quando si parla di verde urbano, si parla di arredo verde e di architettura più che di piante spontanee: il verde urbano riguarda ciò che è voluto dall’uomo, non quello che c’è in natura. Altre volte, invece, ci lamentiamo di piante infestanti, ma siamo noi ad averle portate nei giardini.

D) Tornando alle piante spontanee, spesso non siamo portati a dar loro un significato diverso se le vediamo in città o in campagna?

R) Sì, io chiamo questo fenomeno “associazione a delinquere”. Prendiamo la fitolaca: se la vediamo crescere vicino a un cassonetto dell’immondizia, la consideriamo automaticamente una pianta di scarso valore, in un ambiente naturale, invece, ci appare bella!

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende