Home » Idee » Buona CO2 a tutti!:

Buona CO2 a tutti!

dicembre 31, 2010 Idee

Courtesy of agenziagrt.itQual è l’impatto in termini di CO2 del cenone di capodanno? Tra i preparativi per San Silvestro, abbiamo voluto provare a valutare l’anidride carbonica di cui saremo responsabili questa sera.

Chiaramente per ridurre l’impatto ambientale della nostra cena sarà meglio scegliere prodotti regionali; per alcuni prodotti invece è la modalità di coltivazione e l’uso di fertilizzanti e pesticidi a influire maggiormente sulla CO2 che totalizzeremo. Meglio ancora sarebbeevitare gli sprechi.

E le bollicine dello spumante? Quanta anidride carbonica è contenuta in una bottiglia? Sono solo 7 g. al litro, un’anidride carbonica “buona”, quella contenuta nella bottiglia. L’impatto dello spumante deriva però dalla produzione e dal trasporto delle 60 milioni di bottiglie pronte a essere stappate nel brindisi di mezzanotte . I rivali francesi del Comité Champagne, che riunisce tutti i viticoltori francesi dello champagne, ci hanno pensato e hanno deciso di ridurre le emissioni di CO2 della filiera di produzione dello champagne del 25% entro il 2020. Il primo passo è stato l’ideazione di un nuovo standard di bottiglia più leggera, che pesa 65 grammi in meno, permettendo di evitare l’emissione in atmosfera di ben 8.000 tonnellate di CO2, equivalenti alle emissioni annue di 4.000 automobili.

Gli alimenti che inquinano, però, sono altri: Coldiretti ha stilato una “lista nera” dei cibi che inquinano le feste: tra questi, le ciliegie occupano la seconda posizione, precedute solo dalle albicocche. Infatti nella stagione invernale le ciliegie arrivano dal Cile e percorrono circa 12.000 km prima di arrivare alle nostre tavole e sui nostri dolci natalizi. Ogni chilo di ciliegie provoca l’emissione di 21,6 chilogrammi di CO2.

Un altro sito web, CO2now ci aggiorna sul bilancio atmosferico al 2010 della CO2 che stiamo emettendo: la concentrazione di CO2 in atmosfera ammonta oggi a 388 ppm (parti per milione). Prima dell’epoca industriale la concentrazione di CO2 era di 285 ppm . Cosa significa? Che stiamo rischiando: se riusciremo a fermare l’aumento della CO2 a 450 ppm, avremo una probabilità del 50% di rimanere sotto il livello di aumento di temperatura di 2° centigradi. Come dire che se facciamo i bravi potremo tirare la monetina. Perciò molti studiosi, tra cui James Hansen, richiedono una riduzione della CO2 ancora più consistente, che ci porti a una stabilizzazione della concentrazione di CO2 a 350 ppm.

L’aumento di gas serra in atmosfera ha già delle conseguenze, tra cui l’aumento della temperatura media mondiale di circa 0.8° centigradi. Il livello di aumento della temperatura considerato socialmente accettabile e per evitare trasformazioni drastiche del clima è di 2° centigradi, ma il sito web Climate Tracker ci avverte che il mondo non sta viaggiando in linea con l’obiettivo: se ottimisticamente tutte le promesse politiche dei negoziati sul clima di CopenhagenCancun saranno mantenute, avremo un aumento della temperatura globale probabile di circa 3.2° centigradi, forse addirittura 4°. Senza Copenhagen e Cancun ci saremmo dovuti invece rassegnare a delle previsioni di aumento di +4-6.4°. Insomma, saremmo già fritti.

Per risolvere la questione dei cambiamenti climatici, non possiamo, in definitiva, illuderci che le nostre piccole attenzioni da sole bastino a risolvere la questione dei cambiamenti climatici. Dobbiamo sperare che le negoziazioni del 2011 ci portino un nuovo accordo sul clima.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende