Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » Cambiare vita e “scalare marcia”. Il downshifting secondo Simone Perotti:

Cambiare vita e “scalare marcia”. Il downshifting secondo Simone Perotti

aprile 27, 2012 Idee, Rubriche, Very Important Planet

 

“Leggerezza, giramento di testa, vuoto allo stomaco, quello che ho provato il primo giorno da uomo libero, non si può raccontare”, ricorda Simone Perotti, il 5 maggio ospite al “Festival dei comportamenti umani” in scena a Lodi (dal 3 al 7 maggio). Perché di comportamenti umani si tratta, quando si decide di cambiare vita, di rinventarsi un impiego, di acchiappare il tempo e tenere in conto le ore e i giorni imparando a riempirli di nuovo di desideri e sogni. E’ un comportamento radicale quello che ha portato Perotti, in cima alle classifiche con i successi di vendite “Adesso basta – Lasciare il lavoro e cambiare vitaeAvanti tutta – Manifesto per una rivoluzione individuale”, dopo quasi vent’anni di lavoro a lasciare tutto per dedicarsi alla scrittura e alla vela. Non si tratta solo di “paura di invecchiare”, ma è una scelta che scava nel profondo della morale e dell’etica, che fa muovere chi non vuole partecipare a questo mondo sbagliato e pensa che si possa vivere meglio con meno, in direzione di una vita a basso impatto ambientale, esistenziale, relazionale, psicologico, oltre che economico. Lo stesso obiettivo che si pone, ormai da tre anni, il Festival di Lodi, sin dai suoi inizi alla ricerca di nuove risposte, idee e suggestioni per affrontare la quotidianità. Oggi per capire le inquietudini della crisi e affrontare le incertezze provocate dai cambiamenti sempre più veloci. Quest’anno lo fa con ospiti d’eccezione, oltre allo scrittore Simone Perotti, Luciano Ligabue, Stefano Benni, Maurizio de Giovanni, Folco Quilici, Marco Malvaldi, Folco Terzani, Philippe Daverio, Simone Cristicchi, Toni Capuozzo e Edoardo Boncinelli sono solo alcuni dei nomi che parteciperanno a questa edizione. Perotti, padre italiano del downshifting, che ha portato in patria il concetto dello “scalare una marcia”, porterà alla kermesse la presa di coscienza che marca il ritorno a “relazioni solidali non commerciabili”.

D) Perotti, lei ha cambiato vita senza aver vinto al Superenalotto, ma non è l’unico. Sono sempre di più gli italiani che lo fanno. Perché?

R) Non c’è più bisogno di filosofie unificanti, oggi la necessità è prendere una via nuova, la propria. Oggi occorre muoversi da soli per vivere meglio, per vivere più felici. Sono sempre di più le persone che decidono di interrompere la loro partecipazione a un mondo che sta crollando, che non funziona più nonostante le promesse.

D) Cosa scatta?

R) Si smette di correre dietro al benessere, il prezzo del guadagno appare troppo alto, il consumo sciocco, gli oggetti incapaci di dare gioia, le ore nel traffico in mezzo alle polveri sottili non più sopportabili, l’ansia di “arrivare primi” e di “arrivare più in alto” genera vuoto. La scelta non può che essere radicale.

D) Complice la crisi?

R) Certo i periodi come questi, di cambiamento, sono fatali. In quest’epoca in cui la promessa è saltata, si è bruciato il patto di una vita agiata e un futuro radioso. Oggi non ha senso svegliarsi la mattina, lavorare 10 ore per una pensione che non arriverà mai.

D) In realtà oggi il problema è non avere il lavoro, non lavorare troppo…

R) Non sono d’accordo. In Italia la disoccupazione è all’8,9 per cento, il problema è il restante 92 per cento. La preoccupazione è per come vive la maggioranza: tra ricerca del potere, rincorsa della carriera e sotto scacco del consumismo. E i sogni? Chiusi nel cassetto e una vita vissuta a metà e spesa per ciò che non conta…

D) Come si diventa uomini liberi?

R) Non ci sono formule e ricette, l’importante è trovare una via originale. Basta liberarsi dell’omologazione, imparare a costruire se stessi prima di tutto: diventare uomini e donne solidi e forti. Il trucco è non cadere nelle trappole del consumismo, del commercio, ma soprattutto iniziare a non avere paura della solitudine.

D) In un suo post scrive: “…distanza irrecuperabile dalla Borsa Valori, dallo spread, dal denaro come metro di giudizio, distanza dagli esodi delle ferie, distanza siderale dalle scene che vedo in televisione sulla vicenda della Lega…”, non pensa che non occuparsi dell’attualità possa sfociare nel qualunquismo?

R) No. Da questa attualità bisogna salvarsi, da questa politica bisogna allontanarsi, bisognerebbe non aver paura di vivere, occuparsi di diventare delle persone equilibrate e allenare il proprio senso critico.

D) Cosa consiglierebbe a un giovane che si affaccia al mondo del lavoro?

R) Di non farsi assumere! Oggi è necessario non dipendere da questo sistema.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende