Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » Cambiare vita e “scalare marcia”. Il downshifting secondo Simone Perotti:

Cambiare vita e “scalare marcia”. Il downshifting secondo Simone Perotti

aprile 27, 2012 Idee, Rubriche, Very Important Planet

 

“Leggerezza, giramento di testa, vuoto allo stomaco, quello che ho provato il primo giorno da uomo libero, non si può raccontare”, ricorda Simone Perotti, il 5 maggio ospite al “Festival dei comportamenti umani” in scena a Lodi (dal 3 al 7 maggio). Perché di comportamenti umani si tratta, quando si decide di cambiare vita, di rinventarsi un impiego, di acchiappare il tempo e tenere in conto le ore e i giorni imparando a riempirli di nuovo di desideri e sogni. E’ un comportamento radicale quello che ha portato Perotti, in cima alle classifiche con i successi di vendite “Adesso basta – Lasciare il lavoro e cambiare vitaeAvanti tutta – Manifesto per una rivoluzione individuale”, dopo quasi vent’anni di lavoro a lasciare tutto per dedicarsi alla scrittura e alla vela. Non si tratta solo di “paura di invecchiare”, ma è una scelta che scava nel profondo della morale e dell’etica, che fa muovere chi non vuole partecipare a questo mondo sbagliato e pensa che si possa vivere meglio con meno, in direzione di una vita a basso impatto ambientale, esistenziale, relazionale, psicologico, oltre che economico. Lo stesso obiettivo che si pone, ormai da tre anni, il Festival di Lodi, sin dai suoi inizi alla ricerca di nuove risposte, idee e suggestioni per affrontare la quotidianità. Oggi per capire le inquietudini della crisi e affrontare le incertezze provocate dai cambiamenti sempre più veloci. Quest’anno lo fa con ospiti d’eccezione, oltre allo scrittore Simone Perotti, Luciano Ligabue, Stefano Benni, Maurizio de Giovanni, Folco Quilici, Marco Malvaldi, Folco Terzani, Philippe Daverio, Simone Cristicchi, Toni Capuozzo e Edoardo Boncinelli sono solo alcuni dei nomi che parteciperanno a questa edizione. Perotti, padre italiano del downshifting, che ha portato in patria il concetto dello “scalare una marcia”, porterà alla kermesse la presa di coscienza che marca il ritorno a “relazioni solidali non commerciabili”.

D) Perotti, lei ha cambiato vita senza aver vinto al Superenalotto, ma non è l’unico. Sono sempre di più gli italiani che lo fanno. Perché?

R) Non c’è più bisogno di filosofie unificanti, oggi la necessità è prendere una via nuova, la propria. Oggi occorre muoversi da soli per vivere meglio, per vivere più felici. Sono sempre di più le persone che decidono di interrompere la loro partecipazione a un mondo che sta crollando, che non funziona più nonostante le promesse.

D) Cosa scatta?

R) Si smette di correre dietro al benessere, il prezzo del guadagno appare troppo alto, il consumo sciocco, gli oggetti incapaci di dare gioia, le ore nel traffico in mezzo alle polveri sottili non più sopportabili, l’ansia di “arrivare primi” e di “arrivare più in alto” genera vuoto. La scelta non può che essere radicale.

D) Complice la crisi?

R) Certo i periodi come questi, di cambiamento, sono fatali. In quest’epoca in cui la promessa è saltata, si è bruciato il patto di una vita agiata e un futuro radioso. Oggi non ha senso svegliarsi la mattina, lavorare 10 ore per una pensione che non arriverà mai.

D) In realtà oggi il problema è non avere il lavoro, non lavorare troppo…

R) Non sono d’accordo. In Italia la disoccupazione è all’8,9 per cento, il problema è il restante 92 per cento. La preoccupazione è per come vive la maggioranza: tra ricerca del potere, rincorsa della carriera e sotto scacco del consumismo. E i sogni? Chiusi nel cassetto e una vita vissuta a metà e spesa per ciò che non conta…

D) Come si diventa uomini liberi?

R) Non ci sono formule e ricette, l’importante è trovare una via originale. Basta liberarsi dell’omologazione, imparare a costruire se stessi prima di tutto: diventare uomini e donne solidi e forti. Il trucco è non cadere nelle trappole del consumismo, del commercio, ma soprattutto iniziare a non avere paura della solitudine.

D) In un suo post scrive: “…distanza irrecuperabile dalla Borsa Valori, dallo spread, dal denaro come metro di giudizio, distanza dagli esodi delle ferie, distanza siderale dalle scene che vedo in televisione sulla vicenda della Lega…”, non pensa che non occuparsi dell’attualità possa sfociare nel qualunquismo?

R) No. Da questa attualità bisogna salvarsi, da questa politica bisogna allontanarsi, bisognerebbe non aver paura di vivere, occuparsi di diventare delle persone equilibrate e allenare il proprio senso critico.

D) Cosa consiglierebbe a un giovane che si affaccia al mondo del lavoro?

R) Di non farsi assumere! Oggi è necessario non dipendere da questo sistema.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende