Home » Idee » Come produrre idrogeno dalle alghe. La sensazionale scoperta dell’Università Bicocca:

Come produrre idrogeno dalle alghe. La sensazionale scoperta dell’Università Bicocca

marzo 29, 2010 Idee

Alghe verdi, Courtesy of Flickr.comNegli ultimi anni l’idrogeno è diventato uno dei candidati più promettenti per la produzione di energia pulita: può infatti essere utilizzato per generare elettricità senza l’accompagnamento degli indesiderati gas a effetto serra.

La produzione di idrogeno, tuttavia, non è detto che sia esattamente un’attività “verde“: l’idrogeno molecolare infatti può essere estratto da combustibili fossili – ma con un’efficienza talmente bassa e costi talmente alti da rendere più conveniente l’utilizzo diretto dei combustibili stessi; oppure può essere prodotto dall’acqua tramite elettrolisi (non si dimentichi infatti che una molecola d’acqua, H2O, è composta, oltre cha dall’ossigeno, da due atomi di idrogeno H) – ma questo processo richiede a sua volta l’uso di elettricità, generata da combustibili fossili o anche, in alternativa, da fonti rinnovabili. Purtroppo però ancora troppo costose perché sia conveniente, sia dal punto di vista economico sia da quello della sostenibilità ambientale, una produzione di massa.

Uno studio  pubblicato il 24 marzo sul Journal of the American Chemical Society da alcuni ricercatori dell’Università Bicocca di Milano, in collaborazione con l’ Università di Lund, in Svezia, indica una strada nuova (e concretamente percorribile) verso la produzione di idrogeno per mezzo della fotosintesi delle microalghe.

Già nel 1939 il ricercatore tedesco Hans Gaffron, durante i suoi studi presso l’Università di Chicago (a cui era approdato in fuga dalla Germania nazista), notò che le alghe verdi che stava osservando, le Chlamydomonas reinhardtii, a volte passavano, durante la fotosintesi, dalla produzione di ossigeno a quella di idrogeno. Gaffron non riuscì però a scoprire le cause di tale stranezza né a intervenire in alcun modo nel processo, che si verificava o meno, secondo uno schema che appariva completamente casuale. Nonostante le ricerche condotte nei decenni successivi anche da parte di altri scienziati, non si giunse ad alcuna spiegazione convincente.

Le alghe ritornarono a essere un candidato promettente per la produzione di idrogeno a partire dal 1999, quando Anastasios Melis della University of California di Berkeley, insieme a ricercatori del National Renewable Energy Lab, scoprì che privando le alghe di zolfo e di ossigeno (cambiando cioè l’ecosistema in cui erano immerse) era possibile mettere in moto la produzione di idrogeno per un periodo di tempo sufficientemente lungo.

Stranamente, Melis trovò un risultato che non stava cercando: la sua ricerca, infatti, condotta per conto del Dipartimento dell’Agricoltura del Governo Americano, era destinata alla comprensione di come le piante riescono ad “auto-medicarsi” quando danneggiate da condizioni ambientali estreme come la mancanza di zolfo, che, non si dimentichi, è un elemento indispensabile agli organismi viventi per la produzione di proteine. Un clamoroso esempio di serendipity.

La scoperta di Melis portò, due anni dopo, alla fondazione di una start-up, la Melis Energy , per la commercializzazione di una tecnica che sfruttasse questa eccezionale capacità delle alghe di trasformare, letteralmente, la luce del sole in idrogeno. Melis e i suoi colleghi hanno progettato alghe mutanti che hanno meno clorofilla e, di conseguenza, assorbono meno luce solare; questo implica che la luce penetri in misura maggiore negli strati di alghe più profondi all’interno dei bioreattori, aumentando la produttività di idrogeno.

Secondo il presidente della International Association for Hydrogen Energy, Nejat Veziroglu, essere in grado di produrre idrogeno con una tecnica economicamente sostenibile farebbe infatti crescere la richiesta di idrogeno in modo consistente; secondo Veziroglu, addirittura, “se metà dei soldi spesi dal governo americano per la lotta contro il terrorismo fosse investita nella produzione di idrogeno, la lotta al terrorismo non avrebbe più ragione di esserci” - con una sottile allusione ai presunti legami dei paesi produttori di petrolio con le attività terroristiche.

Un’idrogeno energeticamente sostenibile, dunque, ma anche con ricadute sociali importanti. E non soltanto: lo studio condotto dal dipartimento universitario milanese, difatti, ha addirittura alcuni risvolti per le ricerche sull’origine della vita sul nostro pianeta.

I ricercatori milanesi, nello specifico, hanno chiarito ulteriormente la struttura di alcuni degli enzimi (idrogenasi) responsabili della produzione di idrogeno e il meccanismo che ne è alla base. Sappiamo infatti che l’atmosfera del nostro pianeta, all’epoca della comparsa dei primi organismi viventi, conteneva idrogeno. Con le parole di Maurizio Bruschi e Claudio Greco, ricercatori del gruppo che ha effettuato la scoperta: “lo studio di questi enzimi rappresenta un emozionante viaggio tra i processi metabolici che hanno accompagnato lo sviluppo della vita sulla Terra”.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende