Home » Idee »Top Contributors » Commento a Ian Pearson:

Commento a Ian Pearson Top Contributors

novembre 23, 2009 Idee, Top Contributors

Pubblichiamo il commento che Giuseppe Gamba, Presidente di AzzeroCO2, ci ha cortesemente inviato in risposta all’articolo di Ian PearsonVerso una Gaia elettronica”.

Giuseppe Gamba, Courtesy of AzzeroCO2L’intervento di Ian Pearson, mi suscita due pensieri, in parte contrastanti. La pressione straordinaria a cui l’umanità (in crescita numerica ed economica) sottopone gli ecosistemi non ci consente di essere ottimisti: essi sono destinati a cambiare e il futuro ci sarà garantito (deve essere garantito!) non da un anacronistico ritorno al passato, ma da tecnologie più efficienti e “intelligenti”. Informatica e biologia saranno sicuramente al centro della rivoluzione tecnologica e industriale che si annuncia. Le tecnologie che modificano e possono creare la vita sono, del resto, già alla portata dell’uomo, ma che ciò possa consentire – un giorno non lontano – di creare nuovi ecosistemi non mi pare né un argomento originale, né uno scenario desiderabile.

Praticamente tutti gli ecosistemi che conosciamo sono già stati modificati dall’uomo, con l’esclusione di alcune aree circoscritte nelle zone più remote e impervie del Pianeta. Questo fenomeno si verifica almeno da quando esiste l’agricoltura e – con effetti ben più ampi – da quando la rivoluzione industriale ci ha dotato di potenza e desideri illimitati. A questo ci riferiamo quando parliamo di cambiamenti globali (clima, desertificazione, salinizzazione del suolo e riserve idriche, ozono stratosferico, esaurimento di risorse fossili, contaminazioni chimiche, batteriologiche e nucleari, ecc.). Alcune di queste trasformazioni - o “nuovi ecosistemi” – si sono realizzate volontariamente e per stratificazioni successive e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Si pensi alle magnifiche foreste europee o alle fertili e incantevoli regioni agricole mediterranee: sono molti gli ecosistemi a cui la mano umana ha contribuito. Altri si sono prodotti per una colpevole inavvedutezza: la salinizzazione della mezza luna fertile, la desertificazione di ampie plaghe del pianeta, la scomparsa prossima del lago d’Aral, ecc. Ma ciò che si deve notare è che tutti gli ecosistemi sono il risultato di processi di ”prova ed errore”, che hanno avuto evoluzioni lente e mai esattamente prevedibili.

Non so se sarà mai possibile creare un ecosistema totalmente nuovo, la ritengo una provocazione utile a riflettere, ma come prima impressione rimango perplesso pensando alla complessità e alla fragilità degli equilibri naturali che regolano gli ecosistemi. Ipotizzarne la creazione di nuovi – di fronte  all’evidenza dei problemi che stiamo creando agli ecosistemi “quasi naturali” attuali – è  un ragionamento ancora prigioniero dell’inconsapevolezza dei limiti , un errore di solito attribuito  ai sostenitori impenitenti della crescita economica a ogni costo. Nel loro caso la risposta all’esaurimento e al depauparamento delle risorse naturali è fideisticamente basata sulla fiducia che la tecnologia trovi la soluzione giusta al momento giusto.

L’idea che le nostre migliori energie intellettuali e le più avanzate tecnologie debbano essere impegnate per costruire nuovi ecosistemi, in sostituzione di quelli naturali stremati dall’”economia umana”, mi pare francamente poco desiderabile. Perché non applicare le raffinate conoscenze biologiche, fisico-chimiche, informatiche di cui disponiamo (e disporremo) all’alleggerimento della nostra impronta sul pianeta? Per far sì che i nove miliardi di esseri umani che calcheranno la terra nel 2050 siano “più leggeri” dei sei miliardi di oggi!

Esempi di tecnologie avanzatissime impegnate in questa direzione (riduzione del peso attuale e non sostituzione di quel che avremo rotto), sono per fortuna già all’opera. Si pensi agli straordinari risultati del Biomimicry Institute di Janine Banyus, che opera con l’obiettivo di “imparare dalle forme, dai processi e dagli ecosistemi naturali per copiarli ed emularli creando tecnologie e design più sostenibili e salutari per l’uomo”. 

Giuseppe Gamba

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende