Home » Idee »Top Contributors » Commento a Ian Pearson:

Commento a Ian Pearson Top Contributors

novembre 23, 2009 Idee, Top Contributors

Pubblichiamo il commento che Giuseppe Gamba, Presidente di AzzeroCO2, ci ha cortesemente inviato in risposta all’articolo di Ian PearsonVerso una Gaia elettronica”.

Giuseppe Gamba, Courtesy of AzzeroCO2L’intervento di Ian Pearson, mi suscita due pensieri, in parte contrastanti. La pressione straordinaria a cui l’umanità (in crescita numerica ed economica) sottopone gli ecosistemi non ci consente di essere ottimisti: essi sono destinati a cambiare e il futuro ci sarà garantito (deve essere garantito!) non da un anacronistico ritorno al passato, ma da tecnologie più efficienti e “intelligenti”. Informatica e biologia saranno sicuramente al centro della rivoluzione tecnologica e industriale che si annuncia. Le tecnologie che modificano e possono creare la vita sono, del resto, già alla portata dell’uomo, ma che ciò possa consentire – un giorno non lontano – di creare nuovi ecosistemi non mi pare né un argomento originale, né uno scenario desiderabile.

Praticamente tutti gli ecosistemi che conosciamo sono già stati modificati dall’uomo, con l’esclusione di alcune aree circoscritte nelle zone più remote e impervie del Pianeta. Questo fenomeno si verifica almeno da quando esiste l’agricoltura e – con effetti ben più ampi – da quando la rivoluzione industriale ci ha dotato di potenza e desideri illimitati. A questo ci riferiamo quando parliamo di cambiamenti globali (clima, desertificazione, salinizzazione del suolo e riserve idriche, ozono stratosferico, esaurimento di risorse fossili, contaminazioni chimiche, batteriologiche e nucleari, ecc.). Alcune di queste trasformazioni - o “nuovi ecosistemi” – si sono realizzate volontariamente e per stratificazioni successive e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Si pensi alle magnifiche foreste europee o alle fertili e incantevoli regioni agricole mediterranee: sono molti gli ecosistemi a cui la mano umana ha contribuito. Altri si sono prodotti per una colpevole inavvedutezza: la salinizzazione della mezza luna fertile, la desertificazione di ampie plaghe del pianeta, la scomparsa prossima del lago d’Aral, ecc. Ma ciò che si deve notare è che tutti gli ecosistemi sono il risultato di processi di ”prova ed errore”, che hanno avuto evoluzioni lente e mai esattamente prevedibili.

Non so se sarà mai possibile creare un ecosistema totalmente nuovo, la ritengo una provocazione utile a riflettere, ma come prima impressione rimango perplesso pensando alla complessità e alla fragilità degli equilibri naturali che regolano gli ecosistemi. Ipotizzarne la creazione di nuovi – di fronte  all’evidenza dei problemi che stiamo creando agli ecosistemi “quasi naturali” attuali – è  un ragionamento ancora prigioniero dell’inconsapevolezza dei limiti , un errore di solito attribuito  ai sostenitori impenitenti della crescita economica a ogni costo. Nel loro caso la risposta all’esaurimento e al depauparamento delle risorse naturali è fideisticamente basata sulla fiducia che la tecnologia trovi la soluzione giusta al momento giusto.

L’idea che le nostre migliori energie intellettuali e le più avanzate tecnologie debbano essere impegnate per costruire nuovi ecosistemi, in sostituzione di quelli naturali stremati dall’”economia umana”, mi pare francamente poco desiderabile. Perché non applicare le raffinate conoscenze biologiche, fisico-chimiche, informatiche di cui disponiamo (e disporremo) all’alleggerimento della nostra impronta sul pianeta? Per far sì che i nove miliardi di esseri umani che calcheranno la terra nel 2050 siano “più leggeri” dei sei miliardi di oggi!

Esempi di tecnologie avanzatissime impegnate in questa direzione (riduzione del peso attuale e non sostituzione di quel che avremo rotto), sono per fortuna già all’opera. Si pensi agli straordinari risultati del Biomimicry Institute di Janine Banyus, che opera con l’obiettivo di “imparare dalle forme, dai processi e dagli ecosistemi naturali per copiarli ed emularli creando tecnologie e design più sostenibili e salutari per l’uomo”. 

Giuseppe Gamba

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Carovana delle Alpi: le bandiere verdi di Legambiente e i “Pirati della montagna”

luglio 14, 2017

Carovana delle Alpi: le bandiere verdi di Legambiente e i “Pirati della montagna”

La sfida della sostenibilità ambientale e la lotta ai cambiamenti climatici passa anche per le Alpi. Patrimonio di inestimabile valore per i paesaggi e luoghi unici, oggi l’arco alpino italiano è anche la culla di tante esperienze virtuose, moderne e rispettose dell’ambiente, in grado di dar impulso ad una nuova economia e incentivare un turismo [...]

Ford e Deutsche Post mandano in produzione il furgonato elettrico per le consegne a media distanza

luglio 13, 2017

Ford e Deutsche Post mandano in produzione il furgonato elettrico per le consegne a media distanza

Ford e Deutsche Post DHL Group nel mese di giugno 2017 hanno siglato un accordo con StreetScooter per la produzione di un nuovo veicolo con alimentazione elettrica da dedicare ai servizi di consegna. I partner sono ora all’opera per la realizzazione di un veicolo furgonato di grandi dimensioni da utilizzare per le consegne quotidiane. Deutsche Post [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende