Home » Idee »Off the Green »Rubriche » Comunicazione ambientale: evitiamo la “commodification”:

Comunicazione ambientale: evitiamo la “commodification”

novembre 9, 2012 Idee, Off the Green, Rubriche

Nel gergo economico il termine “commodity” indica un bene per cui c’è domanda, ma che è offerto senza differenze qualitative sul mercato. Il prodotto, cioè, è considerato lo stesso, indipendentemente da chi lo produce. Ecco il rischio che vedo, ultimamente, per la comunicazione e l’informazione sui temi dell’ambiente e della green economy, di cui si parlerà stamattina nel Social Media Corner di Ecomondo, su iniziativa della community dei giornalisti ambientali, a cui anche Greenews.info ha aderito.

La commodification (si legge su Wikipedia) “accade quando beni o servizi di un determinato mercato perdono la loro differenziazione”. E, aggiungerei nel caso specifico, quando iniziano ad essere considerati, dagli utenti (e dai clienti) come qualcosa di scontato e a basso valore, che può addirittura essere regalato all’acquisto di qualcos’altro, che viene, al contrario, percepito come il vero servizio o prodotto di valore.

Ho già accennato ieri, in un articolo sugli Stati Generali della Green Economy, al problema del ruolo ancillare che è stato riservato, in questa “piattaforma programmatica” (che considero, comunque, un’operazione meritoria e ammirevole) alla comunicazione della green economy e all’informazione sulla green economy. Quest’ultima, nella presentazione generale dell’ex ministro Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, è stata citata en passant, in poche righe di una slide di powerpoint, tra gli “altri strumenti” per la promozione dell’economia verde. Mi sembra francamente un po’ poco per chi, come il sottoscritto e molti altri colleghi dedica anni di lavoro – senza un euro di finanziamento pubblico, come solitamente accade per il giornalismo online - a raccontare cosa fanno gli enti, le imprese e le istituzioni della green economy, per comunicarne il valore aggiunto e informare correttamente non solo il cittadino, ma anche gli stessi operatori dei diversi settori della green economy (che spesso non sanno cosa fa il “vicino di casa”), sulle opportunità di sviluppo e le buone pratiche, nazionali e internazionali.

Paradossalmente, i primi due punti delle “70 proposte di sviluppo della green economy per contribuire a far uscire l’Italia dalla crisi“, contenuti tra le “Misure generali”, parlano proprio di come “diffondere la nuova visione della green economy” (proposta 1) e di come “migliorare e rafforzare la comunicazione agli investitori e ai mercati sui vantaggi della green economy” (proposta 2). In diversi passaggi torna poi spesso il termine “valorizzare” (il potenziale green delle imprese, il territorio italiano, le aree naturali ecc.). Forse la mia sarà una deformazione professionale, ma come si dovrebbero valorizzare questi asset del patrimonio nazionale, e diffondere una nuova cultura della green economy, se non, innanzitutto, comunicando e informando i diversi pubblici di riferimento?

Il mercato della comunicazione e dell’informazione stanno vivendo – come tutti, ma per certi versi in maniera più profonda – una crisi economica e d’identità senza precedenti. Le grandi e gloriose testate cartacee si interrogano sul proprio futuro e sull’ipotesi di migrare definitivamente su internet (per questioni di costi, non per convinzione). Gli editori indipendenti online continuano ad affrontare, quotidianamente (anche se molto meno del passato, a dire il vero), una sorta di discriminazione e di scetticismo diffuso, come se per diventare di qualità un contenuto dovesse essere necessariamente riversato su un supporto cartaceo (in contraddizione, per altro, con quanto sopra). Gli uffici stampa seri fanno i salti mortali per portare a casa qualche dignitoso contratto, mentre i non seri si improvvisano in un settore – quello della green communication – che non conoscono e che richiede una diversa sensibilità e, soprattutto, una conoscenza specifica dei temi (basta, per favore, scrivere che la tale impresa è “amica dell’ambiente”, o “sempre più green”! Servono contenuti e approfondimenti concreti). Tutti siamo costretti a rincorrere potenziali clienti d’agenzia e inserzionisti (più o meno illuminati), che vogliano ancora investire qualche euro in pubblicità, servizi editoriali o altri servizi di comunicazione. Già, perché, per chi se lo fosse dimenticato, agenzie e media non vivono d’aria e di sola gloria, ma di questo business, che, per quanto immateriale, è una professione, che richiede tempo, sudore, studio e aggiornamento continuo, come qualsiasi altro lavoro. Se i politici, gli amministratori e gli imprenditori – al di là dei proclami di circostanza – lo comprendessero a fondo ed evitassero, al primo soffio di aria fredda, di tagliare con l’accetta i budget di comunicazione, forse riusciremmo, tutti insieme, a far realmente decollare la green economy e uscire un po’ prima dalla crisi.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende