Home » Idee »Off the Green »Rubriche » Comunicazione ambientale: evitiamo la “commodification”:

Comunicazione ambientale: evitiamo la “commodification”

novembre 9, 2012 Idee, Off the Green, Rubriche

Nel gergo economico il termine “commodity” indica un bene per cui c’è domanda, ma che è offerto senza differenze qualitative sul mercato. Il prodotto, cioè, è considerato lo stesso, indipendentemente da chi lo produce. Ecco il rischio che vedo, ultimamente, per la comunicazione e l’informazione sui temi dell’ambiente e della green economy, di cui si parlerà stamattina nel Social Media Corner di Ecomondo, su iniziativa della community dei giornalisti ambientali, a cui anche Greenews.info ha aderito.

La commodification (si legge su Wikipedia) “accade quando beni o servizi di un determinato mercato perdono la loro differenziazione”. E, aggiungerei nel caso specifico, quando iniziano ad essere considerati, dagli utenti (e dai clienti) come qualcosa di scontato e a basso valore, che può addirittura essere regalato all’acquisto di qualcos’altro, che viene, al contrario, percepito come il vero servizio o prodotto di valore.

Ho già accennato ieri, in un articolo sugli Stati Generali della Green Economy, al problema del ruolo ancillare che è stato riservato, in questa “piattaforma programmatica” (che considero, comunque, un’operazione meritoria e ammirevole) alla comunicazione della green economy e all’informazione sulla green economy. Quest’ultima, nella presentazione generale dell’ex ministro Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, è stata citata en passant, in poche righe di una slide di powerpoint, tra gli “altri strumenti” per la promozione dell’economia verde. Mi sembra francamente un po’ poco per chi, come il sottoscritto e molti altri colleghi dedica anni di lavoro – senza un euro di finanziamento pubblico, come solitamente accade per il giornalismo online - a raccontare cosa fanno gli enti, le imprese e le istituzioni della green economy, per comunicarne il valore aggiunto e informare correttamente non solo il cittadino, ma anche gli stessi operatori dei diversi settori della green economy (che spesso non sanno cosa fa il “vicino di casa”), sulle opportunità di sviluppo e le buone pratiche, nazionali e internazionali.

Paradossalmente, i primi due punti delle “70 proposte di sviluppo della green economy per contribuire a far uscire l’Italia dalla crisi“, contenuti tra le “Misure generali”, parlano proprio di come “diffondere la nuova visione della green economy” (proposta 1) e di come “migliorare e rafforzare la comunicazione agli investitori e ai mercati sui vantaggi della green economy” (proposta 2). In diversi passaggi torna poi spesso il termine “valorizzare” (il potenziale green delle imprese, il territorio italiano, le aree naturali ecc.). Forse la mia sarà una deformazione professionale, ma come si dovrebbero valorizzare questi asset del patrimonio nazionale, e diffondere una nuova cultura della green economy, se non, innanzitutto, comunicando e informando i diversi pubblici di riferimento?

Il mercato della comunicazione e dell’informazione stanno vivendo – come tutti, ma per certi versi in maniera più profonda – una crisi economica e d’identità senza precedenti. Le grandi e gloriose testate cartacee si interrogano sul proprio futuro e sull’ipotesi di migrare definitivamente su internet (per questioni di costi, non per convinzione). Gli editori indipendenti online continuano ad affrontare, quotidianamente (anche se molto meno del passato, a dire il vero), una sorta di discriminazione e di scetticismo diffuso, come se per diventare di qualità un contenuto dovesse essere necessariamente riversato su un supporto cartaceo (in contraddizione, per altro, con quanto sopra). Gli uffici stampa seri fanno i salti mortali per portare a casa qualche dignitoso contratto, mentre i non seri si improvvisano in un settore – quello della green communication – che non conoscono e che richiede una diversa sensibilità e, soprattutto, una conoscenza specifica dei temi (basta, per favore, scrivere che la tale impresa è “amica dell’ambiente”, o “sempre più green”! Servono contenuti e approfondimenti concreti). Tutti siamo costretti a rincorrere potenziali clienti d’agenzia e inserzionisti (più o meno illuminati), che vogliano ancora investire qualche euro in pubblicità, servizi editoriali o altri servizi di comunicazione. Già, perché, per chi se lo fosse dimenticato, agenzie e media non vivono d’aria e di sola gloria, ma di questo business, che, per quanto immateriale, è una professione, che richiede tempo, sudore, studio e aggiornamento continuo, come qualsiasi altro lavoro. Se i politici, gli amministratori e gli imprenditori – al di là dei proclami di circostanza – lo comprendessero a fondo ed evitassero, al primo soffio di aria fredda, di tagliare con l’accetta i budget di comunicazione, forse riusciremmo, tutti insieme, a far realmente decollare la green economy e uscire un po’ prima dalla crisi.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende