Home » Idee » Ecosia: la ricerca web si tinge di verde:

Ecosia: la ricerca web si tinge di verde

giugno 3, 2010 Idee

ecosia, Courtesy of Ecosia.orgIn tempi di green economy anche il motore di ricerca si fa ecologico. Si chiama Ecosia ed è un progetto lanciato in Germania nel dicembre 2009 e sostenuto da Yahoo, Bing e WWF. Niente di diverso dal più conosciuto Google, se non fosse che ogni click salva 1.92 m² di foresta amazzonica. Come? Il meccanismo è semplice. Gli introiti derivanti dalla pubblicità e dai link sponsorizzati (visibili quando viene effettuata una ricerca) vengono destinati per l’80% al sostegno di un programma di protezione gestito dal WWF nel Juruena National Park in Amazzonia.

In questo modo, senza spendere un centesimo, è possibile contribuire alla salvaguardia dei polmoni del nostro pianeta e alla tutela delle specie che vivono in questo habitat. Ma veniamo alle cifre. Tradotto in euro, Ecosia devolve l’80% di 0.13 centesimi a ricerca, anche se questa è solo una media. Gli introiti infatti variano a seconda del Paese in cui si utilizza il servizio: saranno più alti, ad esempio, negli Stati Uniti, dove il mercato pubblicitario è molto più sviluppato, rispetto a Paesi come India e Brasile, dove si registrano guadagni limitati.

Questi ultimi rappresentano per altro una fetta marginale nella torta degli utilizzatori del nuovo motore web. In testa infatti c’è l’Europa, con la Germania che primeggia con il 45% circa delle ricerche giornaliere, seguita da Paesi come Francia, Svizzera e Italia.

Stando alle statistiche riportate sul sito www.ecosia.org, fino ad ora sono stati salvati oltre 93,658,240 m² di foresta pluviale, per una cifra devoluta pari a 58,513 euro (73,141 dollari americani). Al momento gli utenti attivi sono 122,601 e si calcola che un utilizzatore medio, usufruendo abitualmente di Ecosia, possa arrivare a  proteggere ogni anno 2,000 metri quadri circa di macchia vegetale, praticamente un’area che corrisponde quasi alla grandezza di un campo da hockey.

Ma il contributo di Ecosia a favore della sostenibilità ambientale non finisce qui. Chi li utilizza ogni giorno forse non sa che ogni motore di ricerca impiega una notevole quantità di energia che, tradotta in CO2, equivale a circa 7Kg. di emissioni. Ecosia, invece, viene alimentato da server a energia verde. Da qui l’impatto positivo sull’ecosistema, se si pensa al fatto che ogni anno viene a mancare un’area verde grande quanto l’Inghilterra.

Novità anche dal punto di vista della privacy. La maggior parte dei motori di ricerca conserva per mesi le informazioni da noi fornite elaborando anche un nostro profilo. Bastano 48 ore invece a Ecosia per far sparire ogni traccia delle nostre ricerche, senza memorizzarle o analizzarle.

Ma veniamo all’obiettivo finale. La grandezza totale della foresta amazzonica è di circa 7 milioni di km². Finora Ecosia ha salvato una parte minima di questa vasta area. Rimane dunque ancora molto da fare – a colpi di click…

Valentina Massenti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende