Home » Idee » Editoriale – ovvero cosa troverete (e cosa no) su Greenews.info nei giorni di Copenhagen:

Editoriale – ovvero cosa troverete (e cosa no) su Greenews.info nei giorni di Copenhagen

dicembre 7, 2009 Idee

Swatch Rio de Janeiro Earth Summit 92Come reso universalmente noto dalla massiccia concentrazione mediatica, apre oggi a Copenhagen l’attesissima Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, l’appuntamento che, a diciasette anni dal vertice di Rio de Janeiro, cerca di disegnare il futuro delle politiche di riduzione dei gas serra dopo il 2012, naturale scadenza del Trattato di Kyoto. Nelle scorse settimane anche Greenews.info ne ha doverosamente documentato i principali passaggi preparatori, le dichiarazioni dei leader, le ambiziose proposte dell’Unione Europea, gli slanci e le frenate di Stati Uniti e Paesi emergenti, il fallimento previsto, poi la rinascita della speranza, Obama che prima non va, poi va il 9, poi decide di andare in chiusura per stimolare l’accordo.

Ora però, abbiamo deciso di smarcarci dalla morbosità giornalistica che, con il pretesto del “dovere di cronaca”, riporta ogni insignificante (e ai più incomprensibile) passo avanti, indietro e di lato, facendo da inutile cassa di risonanza. I grandi appuntamenti come Copenhagen, in cui sono in gioco il futuro di un modello di sviluppo economico e la tutela dell’ambiente terrestre,  devono meritarsi “la storia” – con i fatti, e non attraverso una glorificazione a priori. Personalmente trovo più giusti i “Nobel” alla carriera che alle intenzioni. Per adesso la conferenza di Copenhagen ha fatto molto parlare di sé (il che è certamente positivo), ma non ha fatto null’altro che immettere nell’atmosfera altre 40 tonnellate di CO2 per la propria organizzazione (nemmeno compensate).

Vorrei quindi aspettare il 18 dicembre per potermi emozionare e (spero) brindare alla saggezza umana. Nel frattempo, pur dando conto dei passaggi che riterremo significativi di una particolare posizione o di eventuali sviluppi, continueremo ad occuparci di ciò che chi non è a Copenhagen continua a fare quotidianamente per ridurre il proprio impatto sull’ambiente – e continuerà a fare anche se la conferenza dovesse fallire. Già perchè il rischio di questi eventi ad altissimo bombardamento mediatico è che ci si stordisca talmente nella fase preliminare – in un’atmosfera quasi “calcistica” - che, finita la partita, non si hanno più le forze per agire nè la voce per urlare. 

Sarà poi il mio panteismo, o la tendenza mentale a mantenere la complessità nella sua dimensione originaria, ma francamente non capisco perchè una conferenza di tale importanza debba unicamente contenere, nel proprio nome, un riferimento ai ”cambiamenti climatici” (uno dei temi più controversi, per altro) e non invece all’ambiente tout court - il che aiuterebbe a ricordare l’estensione del problema: dai rifiuti all’inquinamento, all’esaurimento delle risorse minerali, all’agricoltura ecc. Certo tutti questi fenomeni contribuiscono ai temuti cambiamenti climatici in atto, ma avrei trovato più corretto conferire eguale dignità a ciascuno, piuttosto che vederli sussunti nel loro (discusso) esito finale.  

Nel 1992, quando avevo 17 anni e una visione romantica della natura influenzata dalle letture liceali di Wordsworth e Coleridge, comprai l’orologio che la Swatch aveva prodotto per celebrare la Conferenza di Rio, promettendomi di non utilizzarlo fino a quando non avessi realmente visto un “ritorno alla natura” da parte dell’umanità. Purtroppo l’orologio giace tuttora nella sua scatola e non ho ancora avuto il piacere di indossarlo, ma mi auguro che lo possa utilizzare mio figlio, ricordando così il momento in cui i Paesi del mondo iniziarono quell’inversione di tendenza “che li portò a ristabilire un rapporto sostenibile con l’ambiente”.    

Andrea Gandiglio – Direttore Editoriale Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende