Home » Idee »Off the Green »Rubriche » Elezioni europee. Chi ha paura dei “Greens”?:

Elezioni europee. Chi ha paura dei “Greens”?

aprile 18, 2014 Idee, Off the Green, Rubriche

Oggi, dopo l’ufficializzazione delle liste, avrei voluto pubblicare un articolo per comunicare ai lettori di Greenews.info le ragioni della mia accettazione della candidatura alle elezioni europee per Green Italia - Verdi Europei, il movimento nato il 1° marzo scorso con l’ambizione di affermare, in Italia e in Europa, un “green new deal“, per uscire dalla crisi attraverso la concretizzazione della green economy e la valorizzazione di quell’immensa ricchezza incompresa che sono le risorse naturali e culturali, il paesaggio, la biodiversità.

Ieri mattina è però successo un fatto molto grave. Le liste, regolarmente presentate da Green Italia in tutte e 5 le Circoscrizioni, sono state ricusate. Gli uffici elettorali hanno infatti deciso di applicare una circolare del Ministero dell’Interno che limiterebbe l’esenzione dalla raccolta delle firme ai soli partiti che già dispongano di parlamentari eletti in Italia (e non in Europa, nonostante si tratti di elezioni europee).

Eppure la legge è chiara a riguardo: l’art. 12 comma 4 della legge 18/1979, precisa che sono esenti dalla raccolta delle firme quei partiti politici che hanno una rappresentanza “nel Parlamento Europeo”. E, per l’appunto, nel Parlamento Europeo siede il gruppo parlamentare degli “European Greens“, il Partito Verde Europeo, al quale Green Italia aderisce (insieme ai Gruene tedeschi e agli ecologisti francesi) e di cui è l’unico rappresentante in Italia.

La questione era già stata chiarita, per altro, dal Tar del Lazio, che, interpellato il 21 marzo scorso, aveva risposto al ricorso di Green Italia emettendo un’ordinanza che affermava esplicitamente che “l’art. 12 comma 4 della legge n.18/1979 ha caratteristiche d’immediata applicazione che non rendono necessarie disposizioni di dettaglio”. In sostanza, ribadiva il Tar, una circolare ministeriale (disposizione di dettaglio) non può modificare la legge!

“Una disparità di comportamento inspiegabile – spiegano Monica Frassoni e Fabio Granata, di Green Italia, insieme a Angelo Bonelli e Luana Zanella, dei Verdi – visto che sono state accettate altre liste che erano nelle stesse nostre condizioni, come il Centro Democratico di Tabacci o Fratelli d’Italia”.

Due pesi e due misure, dunque? Paura dell’unica lista ecologista che si è presentata in Italia per le europee? Fatto sta che le ragioni della green economy e dell’ambientalismo più innovativo e promettente rischiano di nuovo, per un cavillo burocratico, di non essere rappresentate nel Parlamento Europeo e – se l’Italicum verrà definitivamente approvato – di incontrare enormi difficoltà anche nelle prossime politiche italiane, per l’innalzamento delle soglie di sbarramento. Tutto questo mentre i 600 scienziati dell’ultimo report IPCC ribadiscono l’urgenza di intervenire sulle cause dei cambiamenti climatici e il Prof. Veronesi confessa la sua tragica previsione che, nei prossimi anni, un italiano su due si ammalerà di tumore. Tutto questo proprio mentre cresce, nella popolazione, la sensibilità verso la tutela dell’ambiente e negli imprenditori e amministratori più illuminati la consapevolezza che la sostenibilità ambientale non è un costo, ma una via per aumentare la competitività e uscire dalla crisi, creando nuovi posti di lavoro.

Una lettera di protesta dei presidenti dei Verdi Europei è già partita all’indirizzo del Presidente del Consiglio e del Presidente della Repubblica. Ma è desolante pensare che, in Italia, ogni buon progetto, ogni iniziativa lungimirante debba sempre scontrarsi non sul merito e sull’approvazione (o meno) dei cittadini, ma nei meandri di una burocrazia e di un impianto normativo medievali, in grado di esasperare anche i meglio intenzionati. E che quasi tutto venga ormai deciso “per imposizione” di segreterie di partito e forzature legislative dei Governi, senza il minimo rispetto delle regole elementari della democrazia.

Entro il 25 aprile si saprà se l’avventura di Green Italia – Verdi Europei potrà continuare, nell’arena elettorale, per cercare di portare al Parlamento Europeo tutti quei temi che i partiti tradizionali continuano vergognosamente a ignorare.

Andrea Gandiglio

Aggiornamento: il 19 aprile 2014 la Suprema Corte di Cassazione ha ammesso le liste di Green Italia – Verdi Europei alle elezioni europee con le motivazioni descritte nella sentenza n. 2/2014 RIC.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende