Home » Idee »Off the Green »Rubriche » Elezioni europee. Chi ha paura dei “Greens”?:

Elezioni europee. Chi ha paura dei “Greens”?

aprile 18, 2014 Idee, Off the Green, Rubriche

Oggi, dopo l’ufficializzazione delle liste, avrei voluto pubblicare un articolo per comunicare ai lettori di Greenews.info le ragioni della mia accettazione della candidatura alle elezioni europee per Green Italia - Verdi Europei, il movimento nato il 1° marzo scorso con l’ambizione di affermare, in Italia e in Europa, un “green new deal“, per uscire dalla crisi attraverso la concretizzazione della green economy e la valorizzazione di quell’immensa ricchezza incompresa che sono le risorse naturali e culturali, il paesaggio, la biodiversità.

Ieri mattina è però successo un fatto molto grave. Le liste, regolarmente presentate da Green Italia in tutte e 5 le Circoscrizioni, sono state ricusate. Gli uffici elettorali hanno infatti deciso di applicare una circolare del Ministero dell’Interno che limiterebbe l’esenzione dalla raccolta delle firme ai soli partiti che già dispongano di parlamentari eletti in Italia (e non in Europa, nonostante si tratti di elezioni europee).

Eppure la legge è chiara a riguardo: l’art. 12 comma 4 della legge 18/1979, precisa che sono esenti dalla raccolta delle firme quei partiti politici che hanno una rappresentanza “nel Parlamento Europeo”. E, per l’appunto, nel Parlamento Europeo siede il gruppo parlamentare degli “European Greens“, il Partito Verde Europeo, al quale Green Italia aderisce (insieme ai Gruene tedeschi e agli ecologisti francesi) e di cui è l’unico rappresentante in Italia.

La questione era già stata chiarita, per altro, dal Tar del Lazio, che, interpellato il 21 marzo scorso, aveva risposto al ricorso di Green Italia emettendo un’ordinanza che affermava esplicitamente che “l’art. 12 comma 4 della legge n.18/1979 ha caratteristiche d’immediata applicazione che non rendono necessarie disposizioni di dettaglio”. In sostanza, ribadiva il Tar, una circolare ministeriale (disposizione di dettaglio) non può modificare la legge!

“Una disparità di comportamento inspiegabile – spiegano Monica Frassoni e Fabio Granata, di Green Italia, insieme a Angelo Bonelli e Luana Zanella, dei Verdi – visto che sono state accettate altre liste che erano nelle stesse nostre condizioni, come il Centro Democratico di Tabacci o Fratelli d’Italia”.

Due pesi e due misure, dunque? Paura dell’unica lista ecologista che si è presentata in Italia per le europee? Fatto sta che le ragioni della green economy e dell’ambientalismo più innovativo e promettente rischiano di nuovo, per un cavillo burocratico, di non essere rappresentate nel Parlamento Europeo e – se l’Italicum verrà definitivamente approvato – di incontrare enormi difficoltà anche nelle prossime politiche italiane, per l’innalzamento delle soglie di sbarramento. Tutto questo mentre i 600 scienziati dell’ultimo report IPCC ribadiscono l’urgenza di intervenire sulle cause dei cambiamenti climatici e il Prof. Veronesi confessa la sua tragica previsione che, nei prossimi anni, un italiano su due si ammalerà di tumore. Tutto questo proprio mentre cresce, nella popolazione, la sensibilità verso la tutela dell’ambiente e negli imprenditori e amministratori più illuminati la consapevolezza che la sostenibilità ambientale non è un costo, ma una via per aumentare la competitività e uscire dalla crisi, creando nuovi posti di lavoro.

Una lettera di protesta dei presidenti dei Verdi Europei è già partita all’indirizzo del Presidente del Consiglio e del Presidente della Repubblica. Ma è desolante pensare che, in Italia, ogni buon progetto, ogni iniziativa lungimirante debba sempre scontrarsi non sul merito e sull’approvazione (o meno) dei cittadini, ma nei meandri di una burocrazia e di un impianto normativo medievali, in grado di esasperare anche i meglio intenzionati. E che quasi tutto venga ormai deciso “per imposizione” di segreterie di partito e forzature legislative dei Governi, senza il minimo rispetto delle regole elementari della democrazia.

Entro il 25 aprile si saprà se l’avventura di Green Italia – Verdi Europei potrà continuare, nell’arena elettorale, per cercare di portare al Parlamento Europeo tutti quei temi che i partiti tradizionali continuano vergognosamente a ignorare.

Andrea Gandiglio

Aggiornamento: il 19 aprile 2014 la Suprema Corte di Cassazione ha ammesso le liste di Green Italia – Verdi Europei alle elezioni europee con le motivazioni descritte nella sentenza n. 2/2014 RIC.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende