Home » Idee » Elogio dell’eterno terzo. Un editoriale per l’informazione indipendente:

Elogio dell’eterno terzo. Un editoriale per l’informazione indipendente

settembre 17, 2010 Idee

L'Invito alla presentazione de L'Indro, Courtesy of Margherita PeracchinoEssere sempre terzi. Per un agonista potrebbe non essere la prospettiva migliore. Ma quando si parla di informazione, in un paese come l’Italia, dove vige, in tutto e sempre, la logica del derby, della contrapposizione duale tra chi arriverà primo e chi secondo (alle elezioni, nel campionato, nella vita), è cosa buona. La terzietà è quella che dà il giusto distacco, la distanza prospettica per guardare e valutare le cose in maniera più imparziale. I primi due sul podio sono accecati dalla rivalità diretta, il terzo, dal suo gradino più basso, li può studiare e, al tempo stesso, dialogare con il pubblico, al quale è più vicino. Il terzo è forse meno campione, ma più umano e capisce meglio “gli umani”. 

Per questo credo che ieri, alla Triennale di Milano, si sia celebrato un evento importante per l’editoria indipendente, nella sordina della modestia e nell’indifferenza dei (due) grandi poli televisivi. Ieri è stato presentato, a pochi spiriti lungimiranti, un progetto (ambizioso e visionario) che si chiama L’Indro, un media terzo di cui l’Italia (terza, non quella dei derby) sente da tempo la necessità. ”L’Italia che tira avanti, produce, pensa, ama, inventa, innova, si muove e, spesso, primeggia nel mondo, e però non ha soggettività comunicazionale“, come recita l’editoriale di apertura. Un’Italia stimata in 16 milioni di “insoddisfatti” dei media tradizionali, il 33% della popolazione.     

L’Indro – oggi ancora un cantiere in costruzione – vuole ridare dignità a questo Lettore, che sarà anche azionista ed editore della testata: un quotidiano multicanale o cross platform (web, tv, mobile, iPad e ogni altra piattaforma tecnologicamente possibile) estremamente innovativo, nato paradossalmente da un’idea di Maria Margherita Peracchino, giornalista “tradizionalista” (quando questo significhi qualità, confronto e verifica delle fonti, di contro al proliferare di blog monologanti e media istituzionalizzati) e di Carlo Fuscagni, un tempo numero uno di Rai 1, fondatore di Rai 3 (la terza rete) nel 1979, pioniere di Canale 5 nel 1980, oggi intenzionato a ripartire dalla terza via con il coraggio e l’umiltà di un neofita, all’età di 77 anni, quando molti dei suoi coetanei non riescono psicologicamente a scollarsi le poltrone del potere dal vetusto deretano.

Oggi i media non raccontano il Paese reale, e la cosa è talmente vera che tutti i dati ci dimostrano che almeno 15 milioni di italiani non accedono all’offerta informativa. Non sappiamo nemmeno più cosa c’è lì fuori. Abbiamo perso il contatto con la realtà”, dice Fuscagni. L’Indro si propone di raccontare agli Italiani cosa succede veramente nel mondo, ma anche l’eccellenza italiana al mondo. “L’Indro – scrive la Peracchino nell’editoriale - guarda anche all’audience Italy-oriented oltre confine: i quasi 350 milioni tra italiani all’estero, italo-esteri, italofili, i consumatori del Made in Italy nel mondo. L’Italia, conviene ricordarlo, è il 7° Paese esportatore al mondo e 5° nel ranking mondiale delle destinazioni turistiche. Eppure, non esiste oggi un media che sia espressione di questo commonwealth“. 

Un “bene nazionale” fatto anche dalle aziende che in questo progetto coraggioso hanno creduto da subito e ne sono divenute partner. Come la Neos di Brescia, che dopo aver sviluppato (attrvaerso ricerca e tecnologia tutta italiana) la piattaforma MobC3 – per risolvere i problemi di incompatibilità dei vari sistemi operativi mobile - ed aver portato sugli smartphone Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, Libero e molti altri, oggi ha deciso di sostenere, anche finanziariamente, questo progetto indipendente e ”fuori dal coro”. O come TK Soluzioni, di Legnano, e DGK, di Sant’Angelo Lodigiano, che hanno fornito le soluzioni web, Miller Srl, di Milano, per la tecnologia Streamit – che consente di portare in rete la tv ad alta definizione - o, ancora, la società di “videoevoluzione” milanese Prodotto, che firmerà la produzione per la web tv. Una “filiera corta” di talenti innovativi, tutti italiani, alla quale anche Greenews.info ha accettato di contribuire con la fornitura di contenuti sulla green economy e il green thinking, affiancandosi ad altre note realtà editoriali come Giudizio Universale, che curerà il blog. 

Al lettore il compito e la libertà di valutare la qualità del progetto e dell’informazione, anche attraverso una figura – assolutamente inedita nel panorama italiano - come il Garante dei Lettori, eletto dai Lettori stessi contestualmente alla sottoscrizione dell’abbonamento e da essi retribuito (attraverso la destinazione di una percentuale del costo di abbonamento) per tutelare i propri interessi, in Redazione e negli organi di governo della società editrice.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende