Home » Idee » Elogio dell’eterno terzo. Un editoriale per l’informazione indipendente:

Elogio dell’eterno terzo. Un editoriale per l’informazione indipendente

settembre 17, 2010 Idee

L'Invito alla presentazione de L'Indro, Courtesy of Margherita PeracchinoEssere sempre terzi. Per un agonista potrebbe non essere la prospettiva migliore. Ma quando si parla di informazione, in un paese come l’Italia, dove vige, in tutto e sempre, la logica del derby, della contrapposizione duale tra chi arriverà primo e chi secondo (alle elezioni, nel campionato, nella vita), è cosa buona. La terzietà è quella che dà il giusto distacco, la distanza prospettica per guardare e valutare le cose in maniera più imparziale. I primi due sul podio sono accecati dalla rivalità diretta, il terzo, dal suo gradino più basso, li può studiare e, al tempo stesso, dialogare con il pubblico, al quale è più vicino. Il terzo è forse meno campione, ma più umano e capisce meglio “gli umani”. 

Per questo credo che ieri, alla Triennale di Milano, si sia celebrato un evento importante per l’editoria indipendente, nella sordina della modestia e nell’indifferenza dei (due) grandi poli televisivi. Ieri è stato presentato, a pochi spiriti lungimiranti, un progetto (ambizioso e visionario) che si chiama L’Indro, un media terzo di cui l’Italia (terza, non quella dei derby) sente da tempo la necessità. ”L’Italia che tira avanti, produce, pensa, ama, inventa, innova, si muove e, spesso, primeggia nel mondo, e però non ha soggettività comunicazionale“, come recita l’editoriale di apertura. Un’Italia stimata in 16 milioni di “insoddisfatti” dei media tradizionali, il 33% della popolazione.     

L’Indro – oggi ancora un cantiere in costruzione – vuole ridare dignità a questo Lettore, che sarà anche azionista ed editore della testata: un quotidiano multicanale o cross platform (web, tv, mobile, iPad e ogni altra piattaforma tecnologicamente possibile) estremamente innovativo, nato paradossalmente da un’idea di Maria Margherita Peracchino, giornalista “tradizionalista” (quando questo significhi qualità, confronto e verifica delle fonti, di contro al proliferare di blog monologanti e media istituzionalizzati) e di Carlo Fuscagni, un tempo numero uno di Rai 1, fondatore di Rai 3 (la terza rete) nel 1979, pioniere di Canale 5 nel 1980, oggi intenzionato a ripartire dalla terza via con il coraggio e l’umiltà di un neofita, all’età di 77 anni, quando molti dei suoi coetanei non riescono psicologicamente a scollarsi le poltrone del potere dal vetusto deretano.

Oggi i media non raccontano il Paese reale, e la cosa è talmente vera che tutti i dati ci dimostrano che almeno 15 milioni di italiani non accedono all’offerta informativa. Non sappiamo nemmeno più cosa c’è lì fuori. Abbiamo perso il contatto con la realtà”, dice Fuscagni. L’Indro si propone di raccontare agli Italiani cosa succede veramente nel mondo, ma anche l’eccellenza italiana al mondo. “L’Indro – scrive la Peracchino nell’editoriale - guarda anche all’audience Italy-oriented oltre confine: i quasi 350 milioni tra italiani all’estero, italo-esteri, italofili, i consumatori del Made in Italy nel mondo. L’Italia, conviene ricordarlo, è il 7° Paese esportatore al mondo e 5° nel ranking mondiale delle destinazioni turistiche. Eppure, non esiste oggi un media che sia espressione di questo commonwealth“. 

Un “bene nazionale” fatto anche dalle aziende che in questo progetto coraggioso hanno creduto da subito e ne sono divenute partner. Come la Neos di Brescia, che dopo aver sviluppato (attrvaerso ricerca e tecnologia tutta italiana) la piattaforma MobC3 – per risolvere i problemi di incompatibilità dei vari sistemi operativi mobile - ed aver portato sugli smartphone Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, Libero e molti altri, oggi ha deciso di sostenere, anche finanziariamente, questo progetto indipendente e ”fuori dal coro”. O come TK Soluzioni, di Legnano, e DGK, di Sant’Angelo Lodigiano, che hanno fornito le soluzioni web, Miller Srl, di Milano, per la tecnologia Streamit – che consente di portare in rete la tv ad alta definizione - o, ancora, la società di “videoevoluzione” milanese Prodotto, che firmerà la produzione per la web tv. Una “filiera corta” di talenti innovativi, tutti italiani, alla quale anche Greenews.info ha accettato di contribuire con la fornitura di contenuti sulla green economy e il green thinking, affiancandosi ad altre note realtà editoriali come Giudizio Universale, che curerà il blog. 

Al lettore il compito e la libertà di valutare la qualità del progetto e dell’informazione, anche attraverso una figura – assolutamente inedita nel panorama italiano - come il Garante dei Lettori, eletto dai Lettori stessi contestualmente alla sottoscrizione dell’abbonamento e da essi retribuito (attraverso la destinazione di una percentuale del costo di abbonamento) per tutelare i propri interessi, in Redazione e negli organi di governo della società editrice.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende