Home » Idee » FELICE 2010! (una ricetta più che un augurio):

FELICE 2010! (una ricetta più che un augurio)

gennaio 11, 2010 Idee

Courtesy of Crescere LeggendoRifacendosi ai discorsi di fine anno del Presidente Napolitano e del Papa, il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha ribadito, in una nota del 1 gennaio, che il 2010 sarà un anno “decisivo per l’ambiente”. “I forti riferimenti che nelle ultime ore sono giunti, da parte del Santo Padre e del Capo dello Stato, sull’esigenza di formare una più ampia responsabilità ecologica nelle giovani generazioni e sull’ambiente, come tema unificante nella sensibilità nazionale”, ha detto il Ministro, “rappresentano un impegnativo viatico per il 2010”. Ovvero: un tempo si è fatta l’Italia, poi si son fatti gli Italiani, ora è il momento di costruire la sensibilità ambientale degli Italiani. Un’impresa non meno ardua delle precedenti, ma forse più urgente e necessaria – e fortunatamente bipartisan.

Il sostanziale fallimento di Copenhagen e il conseguente, diffuso, sentimento di frustrazione che ne è seguito, dovrebbero tuttavia farci riflettere su quali siano i metodi migliori per sensibilizzare e coinvolgere concretamente il numero più ampio possibile di persone sulle questioni della sostenibilità. Bisogna cioè ripensare un modello di coinvolgimento che non ha funzionato adeguatamente.

Gli accorati appelli dei “grandi” del mondo, le argute e scioccanti campagne pubblicitarie,  le catastrofiche previsioni degli scienziati non sembrano infatti emozionare, se non quella minoranza di attivisti e ambientalisti che sarebbero già stati, comunque, sensibili al tema, ma non conquistano le masse. I primi perché ormai puzzano di sermone di chi “predica bene e razzola male”, le seconde perché scompaiono presto nel mare magnum pubblicitario, al quale lo spettatore-consumatore è ormai assuefatto, le ultime perché rischiano di stordire con una valanga di dati e cifre incomprensibili all’uomo medio (in stile “An Inconvenient Truth”, per intenderci).

Restano da perseguire, a mio avviso, altre due strade più promettenti, fino ad oggi solo timidamente intraprese: la leva del risparmio e un approccio più positivo e pragmatico al problema. La prima via è evidente: in tempi di crisi il grimaldello migliore per forzare la sensibilità dei privati e delle imprese sta nel sottolineare il risparmio - in termini economici, oltre che energetici e di rifiuti - di uno stile di vita e di produzione più rispettoso dell’ambiente, trasmettendo il concetto universalmente comprensibile che essere green non fa solo bene al Pianeta, ma anche al proprio portafoglio.

La seconda via, per penetrare nel cuore e nelle abitudini, è quella di abbandonare il clima da inquisizione a favore di un concreto, seppur responsabile, realismo. Non si può chiedere alla gente, già piuttosto ingrigita dalla crisi, di vivere come un frate francescano, lavandosi i denti solo quando piove per non consumare acqua, stando chiusi in casa con la luce spenta e le finestre chiuse per non sprecare energia, andando in vacanza nella frazione del paese confinante per non emettere CO2 e mangiando, anche a Natale e Capodanno, la solita minestra di verdure del proprio orto perché ”a km.0″. Suvvia, siamo onesti, quanti di noi sono disponibili a questi sacrifici? Ma soprattutto: è veramente questa la soluzione ai problemi dell’inquinamento e dello spreco di risorse?

Non sarebbe invece più efficace diffondere un concetto di responsabilità, per cui le cose si possono fare, purché con le necessarie riflessioni e assumendosi l’onere di inserire abitualmente nelle scelte un parametro in più rispetto alla convenienza economica e alla comodità, ovvero la responsabilità ecologica? E’un onere che, per garantire risultati significativi, deve riguardare in primis le imprese: la produzione, il packaging, la logistica, la distribuzione.  Al consumatore spetta l’onere della scelta responsabile e premiante, all’azienda la ricerca delle tecnologie e delle soluzioni meno impattanti. Pensare di affidarsi al consumatore e alla sua volontà (e capacità, quale novello MacGyver) di “smontare” un imballaggio stupido per ridurlo agli elementi minimi della differenziata è quantomeno utopistico.

Anche l’autarchia culinaria del “km.0” dovrebbe evitare la deriva verso l’integralismo. Non è forse meglio privilegiare quei prodotti – quale che sia la provenienza – che seguono, nella produzione e nella distribuzione, delle logiche di maggiore responsabilità sociale e ambientale? Come, per fare un esempio a tutti noto, già da tempo promuove Slow Food con Terra Madre. Personalmente, da piemontese, vorrei potermi concedere, occasionalmente, qualcosa di più esotico della bagna cauda, senza dovermi sentire in colpa. Del resto, come non è vero che l’erba del vicino è sempre più verde, è altrettanto falso che l’insalata del proprio orto sia sempre la più sana… Come tutte i buoni propositi, per essere un programma serio, la sostenibilità ambientale deve essere qualcosa di animato da buon senso, concreta e praticabile.

Dopo anni di doverose campagne di allarme, che hanno sollevato e diffuso universalmente le gravi problematiche ambientali che toccano ogni abitante del Pianeta, ci pare che questa tendenza verso un’azione responsabile, ma pragmatica, positiva e “gioiosa” (non spensierata), possa essere, oggi, la cifra del nuovo anno.

A Natale, dopo aver riflettuto sui rischi di disaffezione e scetticismo prodotti dal deludente esito della conferenza di Copenhagen, abbiamo deciso di promuovere questo cambiamento di prospettiva con un piccolo gesto come l’applicazione Felici & Compensati e abbiamo notato che anche iniziative di successo come M’illumino di Meno, promossa da Rai Radio 2, sembrano intraprendere questa strada. Scrivono infatti gli organizzatori: “quest’anno l’invito a rispettare un simbolico silenzio energetico si trasforma in un invito a partecipare a una festa dell’energia pulita… è giunto il momento di fare un passo avanti rispetto allo spegnimento simbolico in nome del risparmio e di proporre un’accensione virtuosa all’insegna dello sviluppo delle energie rinnovabili. In questi anni abbiamo imparato a risparmiare, ora impariamo a produrre meglio e a pretendere energia pulita”.

Se avete dei dubbi sul metodo della positività e del “sorriso“, guardate il video qui sotto. Si tratta di una provocazione, ma domandatevi se tappezzare le pareti di messaggi sulle emissioni di CO2 o un serioso invito del sindaco ad utilizzare le scale avrebbero sortito lo stesso effetto.

Felice 2010!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende