Home » Idee »Rubriche »Top Contributors » Finanza per le persone e l’ambiente. Andrea Baranes (Banca Etica) anticipa i temi dell’incontro con Serge Latouche:

Finanza per le persone e l’ambiente. Andrea Baranes (Banca Etica) anticipa i temi dell’incontro con Serge Latouche Top Contributors

gennaio 25, 2017 Idee, Rubriche, Top Contributors

Il 26 gennaio, Banca Etica ospiterà nella sede centrale di Padova il teorico della decrescita, Serge Latouche per la presentazione del suo ultimo libro e per un confronto con esponenti del Parlamento e del Governo italiani sulle nuove regole da dare alle banche e alla finanza perché tornino a operare nell’interesse delle persone e della sostenibilità. Interverranno Pier Paolo Baretta, Francesco Bicciato, Vanessa Camani, Anna Fasano, Giulio Marcon e Andrea Baranes, presidente della Fondazione culturale di Banca Etica, di cui pubblichiamo qui di seguito un lucidissimo e drammatico commento che anticipa alcuni dei contenuti dell’incontro.

Negli ultimi trent’anni il PIL mondiale in termini reali è raddoppiato, mentre si è moltiplicato per nove il valore degli attivi finanziari.

Negli USA nel dopoguerra la dimensione della finanza era pari a circa il 15% del PIL. Nel 1975 era ancora il 17%. Alla fine degli anni ’80 si era arrivati al 35%, dieci anni dopo al 150%. Nel 2006 aveva superato il 350% del PIL statunitense.

Una crescita ipertrofica – tanto in dimensione quanto in complessità – che non si è tradotta in un miglioramento dei servizi offerti, anzi. La finanza genera continue crisi e instabilità, mette in atto una serie impressionante di truffe e crimini che regolarmente coinvolgono le maggiori banche del pianeta. Al culmine del paradosso la finanza non riesce nemmeno ad assolvere al proprio principale compito, ovvero quello di fare da tramite tra chi ha dei risparmi e chi ha necessità di capitali. Da un lato un incredibile eccesso di liquidità, dall’altro un altrettanto grande mole di bisogni e necessità che non trovano finanziamenti. Con buona pace della “allocazione ottimale delle risorse” e dei “mercati efficienti”, idee che guidano le decisioni di politica economica da almeno un trentennio.

Strumenti come le opzioni binarie o la stragrande maggioranza dei derivati sono pure scommesse speculative che assorbono una gigantesca liquidità, mentre interi settori della società e dell’economia sono completamente esclusi dall’accesso al credito. E’ possibile scommettere sui prezzi del cibo mentre i piccoli contadini che quel cibo lo coltivano non hanno accesso ai servizi finanziari di base. Domanda e offerta di denaro non si incontrano, in un macroscopico quanto clamoroso fallimento del sistema finanziario.

La cosiddetta finanziarizzazione è il principale motore che spinge nella direzione di una distruzione dell’ambiente, dei diritti e dell’insieme della società. L’unico obiettivo è il massimo profitto nel minor tempo possibile. Le imprese sono passate dalla stakeholders value – ovvero creare valore per tutti i portatori di interesse – alla shareholders value, in cui l’unico interesse è quello degli azionisti. Non contenta di calpestare ambiente e diritti, oggi la finanza sta cannibalizzando lo stesso sistema economico di cui dovrebbe essere al servizio.

Secondo Il Sole 24 Ore: “Tra il 2005 e il 2015 le imprese dell’indice S&P hanno speso oltre 4.000 miliardi di dollari in buyback, oltre ai 2.500 pagati in dividendi, e nel 2015 questo trasferimento di ricchezza dalle aziende e le loro comunità agli investitori e soprattutto agli speculatori è arrivato a toccare il 115% dei profitti al netto delle tasse”. Il buyback è l’acquisto di azioni da parte dell’impresa stessa, spesso con l’obiettivo di diminuire quelle in circolazione per far salire artificialmente il prezzo dell’azione, i dividendi degli azionisti e i bonus dei manager. Se tali operazioni superano gli investimenti e persino gli utili significa che le imprese non innovano più, non investono più in ricerca e si indebitano unicamente per tentare di saziare l’appetito del Moloch finanziario.

In questo scenario il tema della decrescita - che si è già affermato nel dibattito accademico – merita senz’altro una riflessione anche nel settore finanziario. Una vigorosa cura dimagrante è tanto urgente quanto necessaria, ma più in generale bisogna ripensare l’intero sistema dalle radici. E’ possibile che la finanza pretenda di piegare l’insieme della società e delle regole ai propri diktat? La finanza è un fine in sé stesso per fare soldi dai soldi o è un mezzo al servizio dell’economia e dell’insieme della società, e come tale deve mettersi in ascolto di bisogni e necessità per poi adattarsi e cercare delle risposte?

Una delle caratteristiche centrali della finanza etica è proprio quella di ragionare sull’impatto che si ha sul pianeta e i suoi abitanti, valutando le ricadute non economiche dell’agire economico per mettersi al servizio del bene comune.

E’ in questo quadro che il Gruppo Banca Etica ha deciso di organizzare un momento di riflessione sul tema della decrescita ospitando il prossimo 26 gennaio presso la sua sede di Padova Serge Latouche, il maggiore esperto e divulgatore del tema, che si confronterà con esponenti del Governo e del Parlamento italiani. Perché, al di là delle convinzioni personali, è necessario ragionare sul significato di decrescita in rapporto al sistema finanziario, e perché da questa riflessione possono provenire spunti e idee per essere meglio in grado di rispondere ai bisogni e alle sfide del prossimo futuro. Per continuare a “domandarsi facendo” e a capire insieme come creare una finanza che sia parte della soluzione e non uno se non il principale problema.

Andrea Baranes*

* Presidente Fondazione Culturale Responsabilità Etica

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende