Home » Idee »Rubriche »Top Contributors » Finanza per le persone e l’ambiente. Andrea Baranes (Banca Etica) anticipa i temi dell’incontro con Serge Latouche:

Finanza per le persone e l’ambiente. Andrea Baranes (Banca Etica) anticipa i temi dell’incontro con Serge Latouche Top Contributors

gennaio 25, 2017 Idee, Rubriche, Top Contributors

Il 26 gennaio, Banca Etica ospiterà nella sede centrale di Padova il teorico della decrescita, Serge Latouche per la presentazione del suo ultimo libro e per un confronto con esponenti del Parlamento e del Governo italiani sulle nuove regole da dare alle banche e alla finanza perché tornino a operare nell’interesse delle persone e della sostenibilità. Interverranno Pier Paolo Baretta, Francesco Bicciato, Vanessa Camani, Anna Fasano, Giulio Marcon e Andrea Baranes, presidente della Fondazione culturale di Banca Etica, di cui pubblichiamo qui di seguito un lucidissimo e drammatico commento che anticipa alcuni dei contenuti dell’incontro.

Negli ultimi trent’anni il PIL mondiale in termini reali è raddoppiato, mentre si è moltiplicato per nove il valore degli attivi finanziari.

Negli USA nel dopoguerra la dimensione della finanza era pari a circa il 15% del PIL. Nel 1975 era ancora il 17%. Alla fine degli anni ’80 si era arrivati al 35%, dieci anni dopo al 150%. Nel 2006 aveva superato il 350% del PIL statunitense.

Una crescita ipertrofica – tanto in dimensione quanto in complessità – che non si è tradotta in un miglioramento dei servizi offerti, anzi. La finanza genera continue crisi e instabilità, mette in atto una serie impressionante di truffe e crimini che regolarmente coinvolgono le maggiori banche del pianeta. Al culmine del paradosso la finanza non riesce nemmeno ad assolvere al proprio principale compito, ovvero quello di fare da tramite tra chi ha dei risparmi e chi ha necessità di capitali. Da un lato un incredibile eccesso di liquidità, dall’altro un altrettanto grande mole di bisogni e necessità che non trovano finanziamenti. Con buona pace della “allocazione ottimale delle risorse” e dei “mercati efficienti”, idee che guidano le decisioni di politica economica da almeno un trentennio.

Strumenti come le opzioni binarie o la stragrande maggioranza dei derivati sono pure scommesse speculative che assorbono una gigantesca liquidità, mentre interi settori della società e dell’economia sono completamente esclusi dall’accesso al credito. E’ possibile scommettere sui prezzi del cibo mentre i piccoli contadini che quel cibo lo coltivano non hanno accesso ai servizi finanziari di base. Domanda e offerta di denaro non si incontrano, in un macroscopico quanto clamoroso fallimento del sistema finanziario.

La cosiddetta finanziarizzazione è il principale motore che spinge nella direzione di una distruzione dell’ambiente, dei diritti e dell’insieme della società. L’unico obiettivo è il massimo profitto nel minor tempo possibile. Le imprese sono passate dalla stakeholders value – ovvero creare valore per tutti i portatori di interesse – alla shareholders value, in cui l’unico interesse è quello degli azionisti. Non contenta di calpestare ambiente e diritti, oggi la finanza sta cannibalizzando lo stesso sistema economico di cui dovrebbe essere al servizio.

Secondo Il Sole 24 Ore: “Tra il 2005 e il 2015 le imprese dell’indice S&P hanno speso oltre 4.000 miliardi di dollari in buyback, oltre ai 2.500 pagati in dividendi, e nel 2015 questo trasferimento di ricchezza dalle aziende e le loro comunità agli investitori e soprattutto agli speculatori è arrivato a toccare il 115% dei profitti al netto delle tasse”. Il buyback è l’acquisto di azioni da parte dell’impresa stessa, spesso con l’obiettivo di diminuire quelle in circolazione per far salire artificialmente il prezzo dell’azione, i dividendi degli azionisti e i bonus dei manager. Se tali operazioni superano gli investimenti e persino gli utili significa che le imprese non innovano più, non investono più in ricerca e si indebitano unicamente per tentare di saziare l’appetito del Moloch finanziario.

In questo scenario il tema della decrescita - che si è già affermato nel dibattito accademico – merita senz’altro una riflessione anche nel settore finanziario. Una vigorosa cura dimagrante è tanto urgente quanto necessaria, ma più in generale bisogna ripensare l’intero sistema dalle radici. E’ possibile che la finanza pretenda di piegare l’insieme della società e delle regole ai propri diktat? La finanza è un fine in sé stesso per fare soldi dai soldi o è un mezzo al servizio dell’economia e dell’insieme della società, e come tale deve mettersi in ascolto di bisogni e necessità per poi adattarsi e cercare delle risposte?

Una delle caratteristiche centrali della finanza etica è proprio quella di ragionare sull’impatto che si ha sul pianeta e i suoi abitanti, valutando le ricadute non economiche dell’agire economico per mettersi al servizio del bene comune.

E’ in questo quadro che il Gruppo Banca Etica ha deciso di organizzare un momento di riflessione sul tema della decrescita ospitando il prossimo 26 gennaio presso la sua sede di Padova Serge Latouche, il maggiore esperto e divulgatore del tema, che si confronterà con esponenti del Governo e del Parlamento italiani. Perché, al di là delle convinzioni personali, è necessario ragionare sul significato di decrescita in rapporto al sistema finanziario, e perché da questa riflessione possono provenire spunti e idee per essere meglio in grado di rispondere ai bisogni e alle sfide del prossimo futuro. Per continuare a “domandarsi facendo” e a capire insieme come creare una finanza che sia parte della soluzione e non uno se non il principale problema.

Andrea Baranes*

* Presidente Fondazione Culturale Responsabilità Etica

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende