Home » Idee » Gli eroi del sovrapprezzo:

Gli eroi del sovrapprezzo

gennaio 10, 2011 Idee

Saldi, Courtesy of Assognata, Flickr.comIn tempi di saldi permettetemi di riflettere provocatoriamente su qualche numero. Secondo l’ultima indagine Eurobarometro ad oggi disponibile (2009) il 75% dei cittadini europei si dichiara disposto ad acquistare prodotti a ridotto impatto ambientale, anche se questo comporta un (piccolo) sovrapprezzo. Per quanto riguarda l’Italia, alcune ricerche SDA Bocconi tendono a ridimensionare drasticamente questo dato, indicando in un 14% (tristemente più verosimile) gli italiani disposti a pagare il sovrapprezzo.

Ma quanti sono (numericamente) e chi sono questi italiani? Il 14% di 60 milioni di abitanti fa 8 milioni e 400 mila persone. Togliamo qualche milione di vecchi e bambini e arriviamo al fatidico Five Million Club, citato da Beppe Severgnini in un articolo sul Corriere della Sera: sono i soliti 5 milioni di italiani che comprano almeno un quotidiano al giorno, si informano attraverso internet e guardano i programmi di approfondimento in seconda serata.

Ma secondo me non siamo ancora arrivati all’osso. Nel passaggio tra il dire e il fare, infatti, si perdono notoriamente proseliti e, tra i superstiti, c’è pur sempre chi, dotato di ottima cultura e sensibilità ambientale, ha delle oggettive difficoltà economiche a spendere qualcosa di più nell’acquisto di prodotti più sostenibili – gli unici, a mio avviso, a poter essere “scusati”. Rimane quindi una ridottissima falange di irriducibili che chiameremo, con la massima e più sincera ammirazione, Gli Eroi del Sovrapprezzo: sono gli italiani che, potendoselo permettere (e, fin qui, sono più di quelli che pensiamo…) decidono realmente (qui sta il collo dell’imbuto) di acquistare prodotti biologici, certificati o a ridotto impatto ambientale, che necessariamente sono più cari degli altri, perché non godono oggi di economie di scala e perché pulire la vigna con il decespugliatore, giusto per fare un esempio, costa di più (in termini economici e di tempo) che farlo con il diserbante chimico.

Si parla tanto di legalità, di giusti compensi ai lavoratori, di rispetto per l’ambiente ecc., ma – come ci ha saggiamente fatto notare Marina Marcarino, appassionata produttrice di vino biologico, scomponendo il costo di una bottiglia – come si può pensare che tutte quelle attenzioni stiano veramente in certi prezzi da hard discount? Senza contare che le lamentele sul prezzo di un prodotto responsabile giungono, spesso, da chi ha in tasca l’ultimo modello di telefonino da 600 euro…

E’questa l’enorme difficoltà di comunicazione e di corretta informazione che l’Associazione Greencommerce, da noi promossa, ha intrapreso con il lancio di Greencommerce.it, un e-commerce che, prima ancora di vendere, cerca di spiegare, al consumatore cosa c’è dietro un certo modo di produrre e distribuire entro la filiera della green economy italiana. E cosa ci potrebbe essere domani davanti a noi, se il Five Million Club si allargasse…  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende