Home » Idee » Green Retail Forum: le aziende della GDO alla scoperta del “marketing consapevole”:

Green Retail Forum: le aziende della GDO alla scoperta del “marketing consapevole”

luglio 7, 2014 Idee

Secondo una ricerca di B2Axioma e Web@Research, l’80% delle aziende della distribuzione si sta ancora interrogando sugli effetti positivi che potrebbero avere gli investimenti in sostenibilità, mentre solo il 15-20% ha già preso una decisione, consapevole della loro importanza. Tutte, però, sanno che il tema è centrale e non può essere rimandato a futura discussione. Di come la grande distribuzione si sta muovendo per affrontare questa sfida e, possibilmente, vincerla, si è parlato a Milano a fine giugno durante la quarta edizione del Green Retail Forum. “Il tema chiave, oggi, è la contraddizione tra l’aspettativa del mondo capitalistico di una crescita lineare e la conclamata impossibilità che questo si possa verificare in un sistema chiuso com’è il nostro Pianeta, finito e con risorse limitate. La crescita non può più essere solo quantitativa, ma deve diventare anche qualitativa”, spiega Domenico Canzoniero, esperto di marketing e organizzatore della manifestazione insieme alla Fondazione PLEF (Planet Life Economy Foundation).

D) In che modo le aziende della distribuzione stanno affrontando il tema della sostenibilità?

R) Attraverso il sistema delle 3V – Verde, + Verde e Verdissimo – cataloghiamo le diverse iniziative messe in atto dalle aziende, analizzando gli obiettivi che si sono poste e attraverso i quali misurano il loro cammino di sostenibilità. Nella prima categoria, Verde, si colloca il 70-80% delle imprese della distribuzione: sono insegne che hanno avviato un percorso di sostenibilità in termini di riciclo, risparmio energetico, riduzione dell’impronta ecologica, secondo l’equazione “meno consumi = più profitti”. Walmart, per esempio, grazie al piano di sostenibilità introdotto nel 2006 dichiara di risparmiare ogni anno 500 miliardi di dollari. Qui dunque la sostenibilità si misura attraverso una voce di bilancio.

D) E nelle altre due categorie?

R) Le aziende che seguono l’approccio “+ Verde” aggiungono all’obiettivo di bilancio anche un principio di condivisione della responsabilità. Parliamo soprattutto di attori nati con un livello di business già improntato alla sostenibilità, come EcorNaturaSì o Altromercato. Rientrano in questo obiettivo le azioni di fairtrade, l’attenzione al packaging e alla logistica. In Verdissimo si collocano invece le esperienze di disruptive innovation: sono aziende che cercano alternative alla vendita come accesso ai beni di consumo, sperimentando forme di sharing economy, monete alternative, autoproduzione, scambio. Pensiamo ai makers, o alle cooperative per la produzione di energia rinnovabile. La linea, comunque, non è mai tracciata una volta per tutte, e anche negli attori che si fermano a Verde si osservano punte di + Verde o Verdissimo, relative a un singolo progetto a un solo punto vendita.

D) La quarta edizione di Green Retail ha ospitato anche un’area Expo, con diverse innovazioni per la distribuzione. Qualche esempio?

R) Sixth Continent, per esempio, un’App che dà un vantaggio ai consumatori che scelgono indicazioni d’acquisto etiche e permette di generare un reddito di cittadinanza. Oppure le aziende del progetto SORT, per lo spacchettamento di prodotti scaduti e il recupero di materiale organico, da destinare al compostaggio. E ancora Eurodisplay, che realizza display sostenibili per la comunicazione nei punti vendita.

D) Come sta mutando, in questa cornice, il concetto di marketing?

R) Io parlo di “marketing consapevole”, concetto che prende le mosse dal consciousness capitalism della fondazione PLEF: si tratta cioè della rilettura delle regole dell’economia capitalistica sulla base di una visione sistemica, tenendo in considerazione la totalità degli settori e degli attori coinvolti. Il tema chiave, oggi, è la contraddizione tra l’aspettativa del mondo capitalismo di una crescita lineare e la conclamata impossibilità che questo si possa verificare in un sistema chiuso com’è il nostro Pianeta, finito e con risorse limitate. La crescita non può più essere solo quantitativa, ma deve diventare anche qualitativa. Non si tratta di decrescita, ma di creare ricchezza intesa anche come valore immateriale. Il marketing consapevole punta molto sullo storytelling, sul racconto del prodotto e della filiera, che va resa trasparente. Oggi il consumatore è molto attento, ma l’offerta non è ancora adeguata alla domanda.

D) E le aziende della distribuzione sono pronte?

R) Secondo una ricerca di B2Axioma e Web@Research presentata al Green Retail Forum, solo il 15-20% lo è, il resto sono dubbiose, continuano a chiedersi se la sostenibilità crei o meno valore. A questa domanda, il marketing consapevole risponde investire in sostenibilità vale assolutamente la pena. E la sincerità e la trasparenza pagano sempre, anche quando si svelano aspetti poco simpatici della filiera, soprattutto se si dice che cosa si vuole fare per risolvere le criticità. Un grande marchio della grande distribuzione, per esempio, finora non aveva mai detto ai consumatori quanto la GDO sia energivora. Da qui in avanti, invece, lo spiegherà, raccontando però anche che cosa l’azienda intende fare per aumentare l’efficienza e usare energia rinnovabile.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende