Home » Idee » Green Retail Forum: le aziende della GDO alla scoperta del “marketing consapevole”:

Green Retail Forum: le aziende della GDO alla scoperta del “marketing consapevole”

luglio 7, 2014 Idee

Secondo una ricerca di B2Axioma e Web@Research, l’80% delle aziende della distribuzione si sta ancora interrogando sugli effetti positivi che potrebbero avere gli investimenti in sostenibilità, mentre solo il 15-20% ha già preso una decisione, consapevole della loro importanza. Tutte, però, sanno che il tema è centrale e non può essere rimandato a futura discussione. Di come la grande distribuzione si sta muovendo per affrontare questa sfida e, possibilmente, vincerla, si è parlato a Milano a fine giugno durante la quarta edizione del Green Retail Forum. “Il tema chiave, oggi, è la contraddizione tra l’aspettativa del mondo capitalistico di una crescita lineare e la conclamata impossibilità che questo si possa verificare in un sistema chiuso com’è il nostro Pianeta, finito e con risorse limitate. La crescita non può più essere solo quantitativa, ma deve diventare anche qualitativa”, spiega Domenico Canzoniero, esperto di marketing e organizzatore della manifestazione insieme alla Fondazione PLEF (Planet Life Economy Foundation).

D) In che modo le aziende della distribuzione stanno affrontando il tema della sostenibilità?

R) Attraverso il sistema delle 3V – Verde, + Verde e Verdissimo – cataloghiamo le diverse iniziative messe in atto dalle aziende, analizzando gli obiettivi che si sono poste e attraverso i quali misurano il loro cammino di sostenibilità. Nella prima categoria, Verde, si colloca il 70-80% delle imprese della distribuzione: sono insegne che hanno avviato un percorso di sostenibilità in termini di riciclo, risparmio energetico, riduzione dell’impronta ecologica, secondo l’equazione “meno consumi = più profitti”. Walmart, per esempio, grazie al piano di sostenibilità introdotto nel 2006 dichiara di risparmiare ogni anno 500 miliardi di dollari. Qui dunque la sostenibilità si misura attraverso una voce di bilancio.

D) E nelle altre due categorie?

R) Le aziende che seguono l’approccio “+ Verde” aggiungono all’obiettivo di bilancio anche un principio di condivisione della responsabilità. Parliamo soprattutto di attori nati con un livello di business già improntato alla sostenibilità, come EcorNaturaSì o Altromercato. Rientrano in questo obiettivo le azioni di fairtrade, l’attenzione al packaging e alla logistica. In Verdissimo si collocano invece le esperienze di disruptive innovation: sono aziende che cercano alternative alla vendita come accesso ai beni di consumo, sperimentando forme di sharing economy, monete alternative, autoproduzione, scambio. Pensiamo ai makers, o alle cooperative per la produzione di energia rinnovabile. La linea, comunque, non è mai tracciata una volta per tutte, e anche negli attori che si fermano a Verde si osservano punte di + Verde o Verdissimo, relative a un singolo progetto a un solo punto vendita.

D) La quarta edizione di Green Retail ha ospitato anche un’area Expo, con diverse innovazioni per la distribuzione. Qualche esempio?

R) Sixth Continent, per esempio, un’App che dà un vantaggio ai consumatori che scelgono indicazioni d’acquisto etiche e permette di generare un reddito di cittadinanza. Oppure le aziende del progetto SORT, per lo spacchettamento di prodotti scaduti e il recupero di materiale organico, da destinare al compostaggio. E ancora Eurodisplay, che realizza display sostenibili per la comunicazione nei punti vendita.

D) Come sta mutando, in questa cornice, il concetto di marketing?

R) Io parlo di “marketing consapevole”, concetto che prende le mosse dal consciousness capitalism della fondazione PLEF: si tratta cioè della rilettura delle regole dell’economia capitalistica sulla base di una visione sistemica, tenendo in considerazione la totalità degli settori e degli attori coinvolti. Il tema chiave, oggi, è la contraddizione tra l’aspettativa del mondo capitalismo di una crescita lineare e la conclamata impossibilità che questo si possa verificare in un sistema chiuso com’è il nostro Pianeta, finito e con risorse limitate. La crescita non può più essere solo quantitativa, ma deve diventare anche qualitativa. Non si tratta di decrescita, ma di creare ricchezza intesa anche come valore immateriale. Il marketing consapevole punta molto sullo storytelling, sul racconto del prodotto e della filiera, che va resa trasparente. Oggi il consumatore è molto attento, ma l’offerta non è ancora adeguata alla domanda.

D) E le aziende della distribuzione sono pronte?

R) Secondo una ricerca di B2Axioma e Web@Research presentata al Green Retail Forum, solo il 15-20% lo è, il resto sono dubbiose, continuano a chiedersi se la sostenibilità crei o meno valore. A questa domanda, il marketing consapevole risponde investire in sostenibilità vale assolutamente la pena. E la sincerità e la trasparenza pagano sempre, anche quando si svelano aspetti poco simpatici della filiera, soprattutto se si dice che cosa si vuole fare per risolvere le criticità. Un grande marchio della grande distribuzione, per esempio, finora non aveva mai detto ai consumatori quanto la GDO sia energivora. Da qui in avanti, invece, lo spiegherà, raccontando però anche che cosa l’azienda intende fare per aumentare l’efficienza e usare energia rinnovabile.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende