Home » Idee » Greenpeace ai leader: adesso o mai più. E Berlusconi ci resta di ghiaccio.:

Greenpeace ai leader: adesso o mai più. E Berlusconi ci resta di ghiaccio.

dicembre 3, 2009 Idee

Courtesy of Greenpeace.italia.gif

E’ firmata Greenpeace la provocatoria iniziativa di posizionare ai Fori Imperiali di Roma  – accanto agli antichi imperatori – una statua di ghiaccio raffigurante il Premier. Non si tratterebbe questa volta di un attacco, bensì di un tributo-monito a Silvio Berlusconi per la decisione di partecipare al vertice di Copenhagen, che inizierà il prossimo 7 dicembre – giorno in cui il mezzobusto dovrebbe essersi completamente sciolto.

“Andare a Copenhagen è sicuramente una decisione positiva – commenta Francesco Tedesco, responsabile Campagna Energia e Clima di Greenpeace – Tuttavia, oltre a partecipare alle ‘vetrine’ internazionali, occorrerebbe perseguire politiche coerenti qui in Italia, politiche che al momento non vediamo. Sul clima, Berlusconi rischia di essere dunque un leader che si scioglie“.

Il Presidente del Consiglio Italiano non è stato tuttavia l’unico a suscitare le attenzioni del movimento ambientalista. Da questa mattina, infatti, la facciata Sud della Hauptbahnhof di Berlino, quella di fronte alla cancelleria, é coperta da due poster di 28×18 metri: uno con l’immagine della Merkel, l’altro con l’appello “Frau Merkel: Salva il clima! Adesso o mai più. Protezione del clima adesso! Copenhagen 2009”. I poster, di 504 metri quadrati ciascuno, sono stati affissi da 12 ambientalisti con l’intento di ricordare alla Merkel che l’imminente summit sul clima non può permettersi di degenerare  “in un festival della retorica politica” – scrive Greenpeace in un comunicato.

Ma non è tutto. Su iniziativa di Greenpeace e Tcktcktck.org, l’aeroporto di Copenhagen  ospita decine di cartelloni pubblicitari raffiguranti i volti di Obama, Sarkozy, Brown, Merkel, Lula, Zapatero invecchiati di vent’anni. Accanto un amaro mea culpa: “Mi dispiace. Potevamo fermare gli effetti catastrofici dei cambiamenti climatici… non l’abbiamo fatto“.

Act now: change the Future. “Agisci ora: cambia il futuro”. Questo il claim per ricordare che il successo di Copenhagen potrà giungere solamente da un accordo equo, ambizioso e vincolante:

  • un impegno da parte dei Paesi industrializzati a tagliare le emissioni del 40% al 2020 rispetto ai livelli del 1990
  • un piano per fermare la distruzione delle foreste tropicali entro il 2020
  • almeno 140 miliardi di dollari all’anno in risorse finanziarie pubbliche per contrastare i cambiamenti climatici nei Paesi in via di sviluppo.

Ciò che viene spontaneo chiedersi è se, con tutto questo can-can di richieste e contro-richieste, non si corra il rischio dello stordimento confusionale, rimanendo invischiati nel consueto parlare, piuttosto che nell’agognato fare.

Andrea Gandiglio

 
 
 
 
 

 

 

 

NB. Per tutte le immagini utilizzate in questo articolo si ringrazia Greenpeace.italia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende