Home » Idee » Greenpeace ai leader: adesso o mai più. E Berlusconi ci resta di ghiaccio.:

Greenpeace ai leader: adesso o mai più. E Berlusconi ci resta di ghiaccio.

dicembre 3, 2009 Idee

Courtesy of Greenpeace.italia.gif

E’ firmata Greenpeace la provocatoria iniziativa di posizionare ai Fori Imperiali di Roma  – accanto agli antichi imperatori – una statua di ghiaccio raffigurante il Premier. Non si tratterebbe questa volta di un attacco, bensì di un tributo-monito a Silvio Berlusconi per la decisione di partecipare al vertice di Copenhagen, che inizierà il prossimo 7 dicembre – giorno in cui il mezzobusto dovrebbe essersi completamente sciolto.

“Andare a Copenhagen è sicuramente una decisione positiva – commenta Francesco Tedesco, responsabile Campagna Energia e Clima di Greenpeace – Tuttavia, oltre a partecipare alle ‘vetrine’ internazionali, occorrerebbe perseguire politiche coerenti qui in Italia, politiche che al momento non vediamo. Sul clima, Berlusconi rischia di essere dunque un leader che si scioglie“.

Il Presidente del Consiglio Italiano non è stato tuttavia l’unico a suscitare le attenzioni del movimento ambientalista. Da questa mattina, infatti, la facciata Sud della Hauptbahnhof di Berlino, quella di fronte alla cancelleria, é coperta da due poster di 28×18 metri: uno con l’immagine della Merkel, l’altro con l’appello “Frau Merkel: Salva il clima! Adesso o mai più. Protezione del clima adesso! Copenhagen 2009”. I poster, di 504 metri quadrati ciascuno, sono stati affissi da 12 ambientalisti con l’intento di ricordare alla Merkel che l’imminente summit sul clima non può permettersi di degenerare  “in un festival della retorica politica” – scrive Greenpeace in un comunicato.

Ma non è tutto. Su iniziativa di Greenpeace e Tcktcktck.org, l’aeroporto di Copenhagen  ospita decine di cartelloni pubblicitari raffiguranti i volti di Obama, Sarkozy, Brown, Merkel, Lula, Zapatero invecchiati di vent’anni. Accanto un amaro mea culpa: “Mi dispiace. Potevamo fermare gli effetti catastrofici dei cambiamenti climatici… non l’abbiamo fatto“.

Act now: change the Future. “Agisci ora: cambia il futuro”. Questo il claim per ricordare che il successo di Copenhagen potrà giungere solamente da un accordo equo, ambizioso e vincolante:

  • un impegno da parte dei Paesi industrializzati a tagliare le emissioni del 40% al 2020 rispetto ai livelli del 1990
  • un piano per fermare la distruzione delle foreste tropicali entro il 2020
  • almeno 140 miliardi di dollari all’anno in risorse finanziarie pubbliche per contrastare i cambiamenti climatici nei Paesi in via di sviluppo.

Ciò che viene spontaneo chiedersi è se, con tutto questo can-can di richieste e contro-richieste, non si corra il rischio dello stordimento confusionale, rimanendo invischiati nel consueto parlare, piuttosto che nell’agognato fare.

Andrea Gandiglio

 
 
 
 
 

 

 

 

NB. Per tutte le immagini utilizzate in questo articolo si ringrazia Greenpeace.italia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende