Home » Idee » Grigliata di ferragosto: occhio all’impatto della carne:

Grigliata di ferragosto: occhio all’impatto della carne

agosto 15, 2014 Idee

La carne è uno degli  alimenti con conseguenze ambientali più pesanti. Il principale problema è il suo eccessivo consumo nelle nostre diete. In Paesi come l’Italia o gli Stati Uniti, il consumo è elevato ma relativamente stabile da qualche anno: rispettivamente 87 e 122 chili di carne consumata in media annualmente. In Paesi come Cina e India sta diventando una delle principali fonti di proteine animali.

Il ciclo di produzione fonda le proprie radici sulle immense distese di mais e soia disseminate su tutta la superficie del pianeta, indispensabili per nutrire, in maniera più veloce ed economica possibile, la moltitudine di animali continuamente richiesti dal mercato. Sterminati campi di mais e soia occupano ormai l’80% delle terre coltivate, mentre solo l’8% è dedicato all’alimentazione umana.  Le monocolture hanno la caratteristica di rendere meno resiliente il terreno, rendendolo cioè meno capace di ristabilire l’equilibrio  dell’ecosistema preesistente agli shock esterni. Per sopravvivere, le monocolture necessitano di pesticidi, erbicidi e fertilizzanti azotati, principali cause di inquinamento del terreno, delle falde acquifere e dell’atmosfera.

I cocktail di mais e soia vengono arricchiti con ingenti quantità di antibiotici: il 70% degli antibiotici prodotti negli USA viene destinato a questo scopo. Questi ultimi vengono aggiunti perché negli allevamenti intensivi, l’innaturale affollamento di animali è la principale causa di trasmissione di malattie; ma soprattutto perché, inspiegabilmente, gli antibiotici accelerano enormemente la crescita degli animali, diminuendo tempi e costi di “produzione” della carne.

Secondo il rapporto Meat Atlas del gennaio 2014, i principali produttori di carne sono un pugno di aziende multinazionali che controllano tutto il ciclo di produzione, dalle monocolture alla distribuzione finale. Sul podio troviamo la JBS brasiliana, e le americane Tyson Foods e Cargill. La JBS è responsabile della macellazione quotidiana di 85.000 capi di bestiame, 70.000 maiali e 12 milioni di uccelli, per un fatturato annuo che supera il 38 miliardi di dollari. Dopo la produzione, c’è il trasporto per la distribuzione. Gli animali vengono trasportati sia dall’allevamento al macello, che dal macello ai punti di distribuzione finale. E’ stimato che nella sola Europa circolino su gomma più di 50.000 animali ogni giorno. Questo traffico è responsabile dell’emissione in atmosfera di 992.3 milioni di tonnellate di CO2 annue (rapporto LAV).

In conseguenza delle dimensioni della produzione e del consumo di carne globale, vaste popolazioni del Sud del mondo si vedono private delle terre precedentemente utilizzate per il consumo familiare, in quanto destinate alla produzione di soia e cereali per il mercato della carne. Secondo il Rapporto Stern del 2006, queste popolazioni, sparse su tutto il globo dall’Africa all’Asia, sono le stesse che subiranno prima ed in maniera più grave le conseguenze del cambiamento climatico quali: maggiore incidenza di eventi climatici catastrofici, innalzamento delle temperature e del livello del mare (si pensi all’esempio emblematico del Bangladesh). Complessivamente, secondo il rapporto LAV (Lega Anti-Vivisezione 2012) il mercato della carne è responsabile del 21% delle emissioni di CO2, del 72% delle emissioni di CH4 e del 65% dell’NO2. È anche responsabile dello spreco di enormi quantità di acqua potabile: l’impronta idrica di un chilo di carne di manzo è pari a 15.500 litri, secondo il BCFN (Barilla Center for Food & Nutrition).

L’agricoltura e l’allevamento intensivi, oltre ad essere fra le prime cause di inquinamento, saranno anche le prime vittime del cambiamento climatico. Se fossero gestite in maniera tradizionale, principalmente per il consumo interno, potrebbero rivelarsi tra le principali fonti di cattura della CO2 (principalmente per mezzo della biodiversità locale, per ottenere un  terreno sano da sfruttare come potente carbon sink), diventando così parte della soluzione del problema. L’allevamento intensivo e l’agricoltura meccanizzata, figlie della “Rivoluzione Verde” (nome fuorviante), sono passate dal voler essere la soluzione al problema della fame del mondo, ad esserne una delle principali cause.

Alla domanda “la carne è davvero un alimento indispensabile per la salute?” è difficile rispondere. Certo è che ai livelli di produzione e consumo attuali, l’abuso di carne è una piaga per il pianeta. Nella diffusione di stili di vita più salubri, come la dieta mediterranea, che contempla il consumo di carne non più di due volte alla settimana, e di pratiche di produzione meno impattanti, stanno le radici di un futuro più sano per noi, per gli animali e per il pianeta.

Marco Ciot

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende