Home » Idee » Green Garbage Project: un anno senza rifiuti:

Green Garbage Project: un anno senza rifiuti

luglio 27, 2010 Idee

Green garbage project, Courtesy of greengarbageproject.comIn un mondo dove è molto più semplice ed economico buttare via gli oggetti piuttosto che ripararli (chiunque abbia provato a cambiare la batteria del proprio cellulare sa bene che i costi sono paragonabili a quelli di un cellulare nuovo di zecca) è naturale che i rifiuti si accumulino fino a raggiungere i 32,5 milioni di tonnellate della produzione nazionale italiana del 2008 (secondo il rapporto Rifiuti 2009 dell’ISPRA).

Negli Stati Uniti la situazione è ancora peggiore: il cittadino americano medio produce oltre due chilogrammi di rifiuti ogni giorno, più che in qualsiasi altro luogo al mondo. In aggiunta, il 95% circa dei beni acquistati, in media, da un americano (ma forse non soltanto da un americano…), finisce nella spazzatura entro i 6 mesi successivi!

Sono dati preoccupanti, per certi versi addirittura inquietanti. C’è infatti chi si è chiesto se tutto questo abbia un senso. Una coppia di giovani statunitensi di Dallas, Oregon, ha cercato di rispondere a questa fatidica domanda sia a parole che con i fatti.

Le parole sono quelle del loro blog, che ha accompagnato un’avventura lunga 365 giorni durante i quali Amy e Adam si sono impegnati a non produrre alcun tipo di rifiuto – o almeno a non produrre più rifiuti di quelli che possano essere raccolti, complessivamente, in un unico sacchetto per la spazzatura.

Il Green Garbage Project, progetto per una spazzatura “verde”, inizia il 6 giugno 2009 con una serie di regole autoimposte e una soglia di partenza, in termini di spazzatura prodotta, di poco inferiore alla media americana di circa 20 chilogrammi di immondizia prodotti a settimana.

Le regole sono piuttosto semplici ma, al tempo stesso, assolutamente rigide e vincolanti:

  • non comprare prodotti non riciclabili;
  • acquistare un compost (qui si possono trovare informazioni utili);
  • coltivare frutta e verdura in giardino o sul balcone (qui alcuni suggerimenti);
  • fabbricare in casa prodotti come sapone, formaggio, pane ecc.
  • conservare tutto quello che non viene raccolto dagli enti locali e portarlo nelle apposite discariche;
  • utilizzare borse di stoffa per riporre gli acquisti;
  • portare al ristorante contenitori lavabili per eventuali avanzi (doggy bag sì, ma riciclabile!);
  • sostituire tutte le pile usa-e-getta con pile ricaricabili, e le lampadine a incandescenza con lampadine a basso consumo (quest’ultima azione ormai obbligatoria in Italia);
  • frequentare negozi che vendono oggetti e abiti di seconda mano sia per vendere sia per acquistare;
  • impegnarsi a raccogliere informazioni sulle modalità di produzione degli oggetti e su cosa è realmente riciclabile e cosa non lo è.

Dopo un anno vissuto “pericolosamente” all’insegna dell’impegno green, i risultati sono strabilianti: tutta l’Courtesy of greengarbageproject.comimmondizia prodotta dalla coppia, che non è stato possibile smaltire secondo le regole sopra indicate, pesa meno di un chilo e mezzo ed è contenuta in uno scatolone poco più grande di una scatola da scarpe. Questo significa, in termini di peso, che Amy e Adam sono riusciti a ridurre la propria produzione di immondizia a un millesimo delle quantità precedenti – da 20 chilogrammi a settimana, ossia poco più di 1000 chilogrammi all’anno, a poco più di 1 chilogrammo! I numeri parlano da soli.

Vale dunque la pena di analizzare il contenuto della famigerata scatola: Adam e Amy, infatti, hanno deciso di raccontare ai lettori del loro blog cosa è stato impossibile smaltire durante il loro (primo, come amano scrivere) anno senza spazzatura. Sono esclusi dalla lista solo eventuali rifiuti tossici o parzialmente tossici (come perdite di carburante dall’auto) e i rifiuti prodotti sul posto di lavoro in modo inconsapevole, di cui non è stato possibile tenere conto.

Gli oggetti che hanno rappresentato più problemi, ad ogni modo, sono quelli legati alla salute e all’igiene personale: ricambi per spazzolini elettrici, lamette per rasoi, contenitori di farmaci (dai blister delle pillole anticoncezionali alle scatoline per le lenti a contatto).

E’ interessante notare come amici e familiari della coppia si siano uniti al loro sforzo green anche in una delle occasioni in cui la quantità di rifiuti tende ad aumentare esponenzialmente: il periodo natalizio. Tra cesti di vimini, vecchie tende e tovaglie, fogli di carta di giornale, nastri in stoffa anziché in carta plastificata, tutti i regali sono stati impacchettati nel rispetto dell’ambiente – tranne uno, la cui carta decorativa è finita infatti nello scatolone.

Gli altri piccoli oggetti di cui è stato impossibile disfarsi in modo sostenibile  ammontano all’etichetta di una borsa (le etichette, in genere, sono di carta plastificata non riciclabile in nessun modo), due guanti di plastica usa-e-getta (ironia della sorte, distribuiti alla coppia durante un’attività volontaria di pulitura spiagge!) e un paio di regali non troppo desiderati (un palloncino offerto durante una cena al ristorante e un bicchiere di polistirolo regalato ad Amy da uno dei suoi studenti).

Meno di un chilo e mezzo: in un anno sono stati prodotti meno rifiuti di quanto ognuno di noi produce ogni giorno secondo le medie nazionali. Il tutto, tra l’altro, come emerge chiaramente dalla lettura dei post settimanali sul blog (ricchi di fotografie e di consigli utili), vissuto dalla coppia con entusiasmo ed energia – non come privazione, ma come una grande opportunità.

Sicuramente, lo sforzo di Amy e Adam non è facile da replicare nella nostra vita quotidiana: è necessaria costanza, innanzitutto, ma anche la possibilità di disporre del tempo necessario, ad esempio, per coltivare ortaggi, e fare il pane in casa anziché comprarlo al supermercato.

E’ indubitabile comunque che la loro piccola grande impresa possa costituire una bella fonte di ispirazione e riflessione per ciascuno di noi.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

gennaio 30, 2018

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d’urgenza oggi dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva già messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende