Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » In costume per l’Amazzonia. Intervista a Magda Gomes:

In costume per l’Amazzonia. Intervista a Magda Gomes

giugno 18, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Magda Gomes BeachwearVery Important Planet è la rubrica che si propone di “mettere a nudo” i VIP e la loro sensibilità ambientale. Con Magda Gomes – statuaria bellezza televisiva di Markette, Guida al Campionato e Camera Cafè - non abbiamo osato tanto e l’abbiamo lasciata in costume. Quello della sua nuovissima linea dedicata all’Amazzonia, che vedrà la luce nell’estate 2011.

E chiunque l’abbia vista in costume sa quanto Magda debba a madre natura. Forse per questo, oltre che per la sua solare spontaneità, ci convince della sua genuina attenzione all’ambiente. Non solo bella dunque, ma attenta al “km.0″ e con il pollice verde. Se ha qualche difetto in quest’intervista non siamo riusciti a coglierlo e lasciamo ai gossippari di professione il compito di scoprirlo.

D) Magda, quali sono le tue attenzioni quotidiane nei confronti dell’ambiente?

R) In casa io riciclo e separo tutto, dalla carta al vetro, alle lattine. Tutti lo dicono, ma poi non lo fanno veramente. Io lo faccio sul serio. Poi quando posso usare i mezzi pubblici lo faccio. Non sono il tipo che per fare 50 metri prende la macchina. Volo pochissimo (perché ho paura), quindi non contribuisco all’inquinamento aereo. Ma soprattutto sono un “pollice verde”. Mi piace molto coltivare le piante sui miei balconi, che ormai staranno per cadere, tanto li ho rimepiti! La vicina del piano di sotto ha paura ogni volta che mi vede bagnarle!

D) Ti rilassa curare le piante?

R) Sì, mi piace tantissimo. In Brasile ho una casa con un bel giardino e non c’è niente che dia più piacere di prendere il frutto del proprio albero. Mi ritengo molto fortunata di poterlo fare, anche se purtroppo non succede troppo di sovente, perché sono spesso fuori casa. Mi dà però un senso di “pulizia” e benessere.

D) E il mangiare? Hai cura di quello che compri?

R) Compro spesso prodotti biologici, anche per sostenere gli agricoltori che li producono. La frutta e la verdura quando posso però la coltivo io. Qui in Italia devo dire che puurtroppo non riesco quasi a mangiare frutta: è tutta apparentemente bellissima, ma non sa di niente! In questo caso la bruttezza aiuta: la frutta meno è carina più è buona.

D) Al Salone del Gusto di Torino sei stata anche ambasciatrice della cucina tipica veneta. Sei una brava cuoca oltre avere il pollice verde?

R) Ho fatto da testimonial al fegato alla veneziana! Al di là di questo, mi definisco una brava donna di casa che coccola gli ospiti, cucina e cura le piante. Uso spesso i limoni del mio balcone per condire i piatti e compro prodotti biologici come ingredienti.

D) Parlaci della tua nuova attività di stilista. Ti senti “verde” anche come imprenditrice?

R) Vi posso anticipare che il tema della collezione del prossimo anno sarà l’Amazzonia. E tutto, dalla confezione al cartellino, sarà fatto con carta riciclata. Sto anche facendo realizzare dei capi ”fuori acqua” in canapa, un tessuto naturale 100%. Se ti stanchi della tua magliettina la butti in giardino e serve da concime, perché é completamente bio!

D) All’eco-fashion dunque ci credi veramente, non è soltanto uno slogan?

R) Assolutamente sì! Secondo me la creatività seguirà – e deve farlo - questo trend, cercando di realizzare capi con sempre minor impatto sull’ambiente (abbiamo tradotto così la simpatica espressione di Magda “sempre meno abrasivi del pianeta”, Ndr).

D) Il fatto di essere nata in Brasile, un paese con immense risorse naturali, ma anche grande povertà, ha influenzato il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Sicuramente. Io sono nata in un piccolo paesino fuori San Paolo, con un’immensa campagna intorno. Quando ci torno mi fa sentire bene, a casa… Oggi però non si pensa ancora abbastanza a salvare questo pianeta, che sempre più dà segni di non stare bene. Uno dovrebbe sedersi e pensare: dove voglio che crescano i miei figli? La cultura brasiliana mi ha insegnato a riciclare tutto e non buttare via nulla. Ma bisogna anche non inquinare: ad esempio non capisco perché nei supermercati c’è ancora tutto questo spreco di plastica, quando si potrebbero riutilizzare le borse - che a noi non cambia niente, ma cambia molto per l’environment!

D) Ti sento molto convinta nell’impegno ambientale. Saresti disposta, in futuro, a fare da testimonial per una campagna sull’ambiente?

R) Lo spero! Mi piacerebbe molto!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende