Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » In costume per l’Amazzonia. Intervista a Magda Gomes:

In costume per l’Amazzonia. Intervista a Magda Gomes

giugno 18, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Magda Gomes BeachwearVery Important Planet è la rubrica che si propone di “mettere a nudo” i VIP e la loro sensibilità ambientale. Con Magda Gomes – statuaria bellezza televisiva di Markette, Guida al Campionato e Camera Cafè - non abbiamo osato tanto e l’abbiamo lasciata in costume. Quello della sua nuovissima linea dedicata all’Amazzonia, che vedrà la luce nell’estate 2011.

E chiunque l’abbia vista in costume sa quanto Magda debba a madre natura. Forse per questo, oltre che per la sua solare spontaneità, ci convince della sua genuina attenzione all’ambiente. Non solo bella dunque, ma attenta al “km.0″ e con il pollice verde. Se ha qualche difetto in quest’intervista non siamo riusciti a coglierlo e lasciamo ai gossippari di professione il compito di scoprirlo.

D) Magda, quali sono le tue attenzioni quotidiane nei confronti dell’ambiente?

R) In casa io riciclo e separo tutto, dalla carta al vetro, alle lattine. Tutti lo dicono, ma poi non lo fanno veramente. Io lo faccio sul serio. Poi quando posso usare i mezzi pubblici lo faccio. Non sono il tipo che per fare 50 metri prende la macchina. Volo pochissimo (perché ho paura), quindi non contribuisco all’inquinamento aereo. Ma soprattutto sono un “pollice verde”. Mi piace molto coltivare le piante sui miei balconi, che ormai staranno per cadere, tanto li ho rimepiti! La vicina del piano di sotto ha paura ogni volta che mi vede bagnarle!

D) Ti rilassa curare le piante?

R) Sì, mi piace tantissimo. In Brasile ho una casa con un bel giardino e non c’è niente che dia più piacere di prendere il frutto del proprio albero. Mi ritengo molto fortunata di poterlo fare, anche se purtroppo non succede troppo di sovente, perché sono spesso fuori casa. Mi dà però un senso di “pulizia” e benessere.

D) E il mangiare? Hai cura di quello che compri?

R) Compro spesso prodotti biologici, anche per sostenere gli agricoltori che li producono. La frutta e la verdura quando posso però la coltivo io. Qui in Italia devo dire che puurtroppo non riesco quasi a mangiare frutta: è tutta apparentemente bellissima, ma non sa di niente! In questo caso la bruttezza aiuta: la frutta meno è carina più è buona.

D) Al Salone del Gusto di Torino sei stata anche ambasciatrice della cucina tipica veneta. Sei una brava cuoca oltre avere il pollice verde?

R) Ho fatto da testimonial al fegato alla veneziana! Al di là di questo, mi definisco una brava donna di casa che coccola gli ospiti, cucina e cura le piante. Uso spesso i limoni del mio balcone per condire i piatti e compro prodotti biologici come ingredienti.

D) Parlaci della tua nuova attività di stilista. Ti senti “verde” anche come imprenditrice?

R) Vi posso anticipare che il tema della collezione del prossimo anno sarà l’Amazzonia. E tutto, dalla confezione al cartellino, sarà fatto con carta riciclata. Sto anche facendo realizzare dei capi ”fuori acqua” in canapa, un tessuto naturale 100%. Se ti stanchi della tua magliettina la butti in giardino e serve da concime, perché é completamente bio!

D) All’eco-fashion dunque ci credi veramente, non è soltanto uno slogan?

R) Assolutamente sì! Secondo me la creatività seguirà – e deve farlo - questo trend, cercando di realizzare capi con sempre minor impatto sull’ambiente (abbiamo tradotto così la simpatica espressione di Magda “sempre meno abrasivi del pianeta”, Ndr).

D) Il fatto di essere nata in Brasile, un paese con immense risorse naturali, ma anche grande povertà, ha influenzato il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Sicuramente. Io sono nata in un piccolo paesino fuori San Paolo, con un’immensa campagna intorno. Quando ci torno mi fa sentire bene, a casa… Oggi però non si pensa ancora abbastanza a salvare questo pianeta, che sempre più dà segni di non stare bene. Uno dovrebbe sedersi e pensare: dove voglio che crescano i miei figli? La cultura brasiliana mi ha insegnato a riciclare tutto e non buttare via nulla. Ma bisogna anche non inquinare: ad esempio non capisco perché nei supermercati c’è ancora tutto questo spreco di plastica, quando si potrebbero riutilizzare le borse - che a noi non cambia niente, ma cambia molto per l’environment!

D) Ti sento molto convinta nell’impegno ambientale. Saresti disposta, in futuro, a fare da testimonial per una campagna sull’ambiente?

R) Lo spero! Mi piacerebbe molto!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende