Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » In costume per l’Amazzonia. Intervista a Magda Gomes:

In costume per l’Amazzonia. Intervista a Magda Gomes

giugno 18, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Magda Gomes BeachwearVery Important Planet è la rubrica che si propone di “mettere a nudo” i VIP e la loro sensibilità ambientale. Con Magda Gomes – statuaria bellezza televisiva di Markette, Guida al Campionato e Camera Cafè - non abbiamo osato tanto e l’abbiamo lasciata in costume. Quello della sua nuovissima linea dedicata all’Amazzonia, che vedrà la luce nell’estate 2011.

E chiunque l’abbia vista in costume sa quanto Magda debba a madre natura. Forse per questo, oltre che per la sua solare spontaneità, ci convince della sua genuina attenzione all’ambiente. Non solo bella dunque, ma attenta al “km.0″ e con il pollice verde. Se ha qualche difetto in quest’intervista non siamo riusciti a coglierlo e lasciamo ai gossippari di professione il compito di scoprirlo.

D) Magda, quali sono le tue attenzioni quotidiane nei confronti dell’ambiente?

R) In casa io riciclo e separo tutto, dalla carta al vetro, alle lattine. Tutti lo dicono, ma poi non lo fanno veramente. Io lo faccio sul serio. Poi quando posso usare i mezzi pubblici lo faccio. Non sono il tipo che per fare 50 metri prende la macchina. Volo pochissimo (perché ho paura), quindi non contribuisco all’inquinamento aereo. Ma soprattutto sono un “pollice verde”. Mi piace molto coltivare le piante sui miei balconi, che ormai staranno per cadere, tanto li ho rimepiti! La vicina del piano di sotto ha paura ogni volta che mi vede bagnarle!

D) Ti rilassa curare le piante?

R) Sì, mi piace tantissimo. In Brasile ho una casa con un bel giardino e non c’è niente che dia più piacere di prendere il frutto del proprio albero. Mi ritengo molto fortunata di poterlo fare, anche se purtroppo non succede troppo di sovente, perché sono spesso fuori casa. Mi dà però un senso di “pulizia” e benessere.

D) E il mangiare? Hai cura di quello che compri?

R) Compro spesso prodotti biologici, anche per sostenere gli agricoltori che li producono. La frutta e la verdura quando posso però la coltivo io. Qui in Italia devo dire che puurtroppo non riesco quasi a mangiare frutta: è tutta apparentemente bellissima, ma non sa di niente! In questo caso la bruttezza aiuta: la frutta meno è carina più è buona.

D) Al Salone del Gusto di Torino sei stata anche ambasciatrice della cucina tipica veneta. Sei una brava cuoca oltre avere il pollice verde?

R) Ho fatto da testimonial al fegato alla veneziana! Al di là di questo, mi definisco una brava donna di casa che coccola gli ospiti, cucina e cura le piante. Uso spesso i limoni del mio balcone per condire i piatti e compro prodotti biologici come ingredienti.

D) Parlaci della tua nuova attività di stilista. Ti senti “verde” anche come imprenditrice?

R) Vi posso anticipare che il tema della collezione del prossimo anno sarà l’Amazzonia. E tutto, dalla confezione al cartellino, sarà fatto con carta riciclata. Sto anche facendo realizzare dei capi ”fuori acqua” in canapa, un tessuto naturale 100%. Se ti stanchi della tua magliettina la butti in giardino e serve da concime, perché é completamente bio!

D) All’eco-fashion dunque ci credi veramente, non è soltanto uno slogan?

R) Assolutamente sì! Secondo me la creatività seguirà – e deve farlo - questo trend, cercando di realizzare capi con sempre minor impatto sull’ambiente (abbiamo tradotto così la simpatica espressione di Magda “sempre meno abrasivi del pianeta”, Ndr).

D) Il fatto di essere nata in Brasile, un paese con immense risorse naturali, ma anche grande povertà, ha influenzato il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Sicuramente. Io sono nata in un piccolo paesino fuori San Paolo, con un’immensa campagna intorno. Quando ci torno mi fa sentire bene, a casa… Oggi però non si pensa ancora abbastanza a salvare questo pianeta, che sempre più dà segni di non stare bene. Uno dovrebbe sedersi e pensare: dove voglio che crescano i miei figli? La cultura brasiliana mi ha insegnato a riciclare tutto e non buttare via nulla. Ma bisogna anche non inquinare: ad esempio non capisco perché nei supermercati c’è ancora tutto questo spreco di plastica, quando si potrebbero riutilizzare le borse - che a noi non cambia niente, ma cambia molto per l’environment!

D) Ti sento molto convinta nell’impegno ambientale. Saresti disposta, in futuro, a fare da testimonial per una campagna sull’ambiente?

R) Lo spero! Mi piacerebbe molto!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende